DIE­CI PIC­CO­LI VA­LEN­TI­NO

I gio­va­nis­si­mi Viet­ti e Fog­gia ul­ti­mi ar­ri­va­ti nel­la “ac­ca­de­mia” VR46 di Ros­si che in­se­gna la ve­lo­ci­tà ai ta­len­ti di Mo­to2, Mo­to3 e del­le ca­te­go­rie mi­no­ri

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Moto - Di Pao­lo Sca­le­ra

C’è un se­gre­to die­tro la lon­ge­vi­tà ago­ni­sti­ca di Va­len­ti­no Ros­si - 9 ti­to­li mon­dia­li, 112 vit­to­rie in Gran Pre­mio e la bel­lez­za di 211 po­di - ed è quel­lo di cor­re­re di­ver­ten­do­si. Ma co­me è riu­sci­to a far­lo, dal 1996 ad og­gi, sen­za per­de­re la spin­ta ago­ni­sti­ca in un me­stie­re ad al­to stress che ha por­ta­to al­cu­ni dei suoi av­ver­sa­ri ad­di­rit­tu­ra ad un pre­ma­tu­ro ri­ti­ro? Non par­lia­mo dei pri­mi an­ni, in cui i suc­ces­si a ri­pe­ti­zio­ne lo han­no te­nu­to mo­ti­va­to, pen­sia­mo agli ul­ti­mi. Co­me ha fat­to a non desiderare di get­tar­si tut­to die­tro le spal­le?

La ri­spo­sta, pro­ba­bil­men­te, gli è ar­ri­va­ta da­gli in­se­gna­men­ti di pa­pà Gra­zia­no, un ex pi­lo­ta di suc­ces­so an­che lui, che da bam­bi­no lo por­ta­va in una ex ca­va ab­ban­do­na­ta Va­le im­pa­ra­va la dif­fi­ci­le ar­te del con­trol­lo di una mo­to bat­ten­do­si, ad­di­rit­tu­ra, con­tro ben più esper­ti ed an­zia­ni pi­lo­ti ti­to­la­ti. Ri­cor­dan­do­si di quei tem­pi, or­mai iper­fa­mo­so, Ros­si non ha mai smes­so di ga­reg­gia­re per gio­co, fra un Gran Pre­mio e l’al­tro, at­ti­ran­do nel suo gi­ro cam­pio­ni in fie­ri co­me Mar­co Si­mon­cel­li.

LA BI­SCIA. All’ini­zio è sta­ta an­co­ra “la ca­va”, poi do­po un brut­to in­ci­den­te oc­cor­so pro­prio all’ami­co Mar­co du­ran­te un al­le­na­men­to Ros­si eb­be l’idea di co­struir­si un lu­na-park del­la ve­lo­ci­tà, un cam­po gio­chi per­so­na­le: na­sce­va una pi­sta ster­ra­ta, “la bi­scia”, che poi sa­reb­be di­ven­ta­to “il Ran­ch”. Ben pre­sto de­sti­na­to a tra­sfor­mar­si in un ve­ro e pro­prio ma­gne­te per tut­ti i gio­va­nis­si­mi pi­lo­ti del­la zo­na. Co­sì una ro­ba ame­ri­ca­na nel­la con­ce­zio­ne - è ne­gli USA che è na­to il dirt track, cioè la gui­da di tra­ver­so, una spe­cie di drif­ting su due ruo­te - si è tra­sfor­ma­ta in qual­co­sa di di­ver­so. Una spe­cie di cam­pus uni­ver­si­ta­rio nel qua­le l’uni­ca ma­te­ria di in­se­gna­men­to è la ve­lo­ci­tà. Ma con­di­ta con lo spi­ri­to pro­vin­cia­le del­la mi­glior Ro­ma­gna, e dun­que di­ver­ti­men­to, pre­se in gi­ro, sfi­de fra so­da­li con ine­vi­ta­bi­le ta­vo­la­ta fi­na­le. CO­STI. Un bel gio­co che pe­rò ad un cer­to pun­to ha co­min­cia­to a co­sta­re. Per­ché se è ve­ro che la cer­chia di ami­ci man ma­no si è al­lar­ga­ta ed ognu­no por­ta­va la sua mo­to, la ma­nu­ten­zio­ne del­la pi­sta, la ne­ces­si­tà di dar­si una mag­gio­re si­cu­rez­za, ma so­prat­tut­to la ve­lo­ce cre­sci­ta ago­ni­sti­ca dei fre­quen­ta­to­ri del Ran­ch ha fat­to sì che, qua­si con­tem­po­ra­nea­men­te, na­sces­se­ro due real­tà: il team Sky-VR46 e la VR46 Aca­de­my.

A que­sto pun­to Ros­si già non era più so­lo. Il suo fra­ter­no ami­co, Ales­sio Sa­luc­ci, l’Uc­cio sem­pre al suo fian­co, ha ini­zia­to a ge­sti­re i rap­por­ti con i Team; Al­ber­to Te­bal­di, l’Al­bi brac­cio de­stro di co­lui che chia­ma, ami­che­vol­men­te “il ca­po”, la lo­gi­sti­ca e le re­la­zio­ni ester­ne; Lu­ca Bri­vio, fi­glio di quel Da­vi­de che lo por­tò la pri­ma vol­ta in Ya­ma­ha, la ge­stio­ne ope­ra­ti­va dei pi­lo­ti al CEV; Car­lo Ca­sa­bian­ca la pre­pa­ra­zio­ne fi­si­ca; Clau­dio San­chio­ni quel­la con­trat­tua­le e Bar­ba­ra Maz­zo­ni tut­ti gli aspet­ti am­mi­ni­stra­ti­vi e di se­gre­te­ria.

Co­sì in po­co tem­po il fu­tu­ro di Ros­si si è de­li­nea­to: al­tro che so­lo ga­re e di­ver­ti­men­to e la VR46, in­te­sa co­me dit­ta di­stri­bu­tri­ce del pro­prio mar­chio e di quel­li al­trui sui cir­cui­ti del mondiale. At­tual­men­te par­lia­mo di una or­ga­niz­za­zio­ne che ge­sti­sce ben die­ci pi­lo­ti, fra Mo­to2, Mo­to3 e ca­te­go­rie mi­no­ri. Die­ci pic­co­li Va­len­ti­no Ros­si, mol­ti dei qua­li han­no già as­sa­po­ra­to il gra­di­no più al­to del po­dio: Ro­ma­no Fe­na­ti, An­drea Mi­gno, Nic­co­lò Bu­le­ga, Nic­co­lò An­to­nel­li, Fran­ce­sco Ba­gna­ia, Lo­ren­zo Bal­das­sar­ri, Lu­ca Ma­ri­ni, Fran­co Mor­bi­del­li e, è no­ti­zia di que­sti ul­ti­mi gior­ni, due gio­va­nis­si­mi, Ce­le­sti­no Viet­ti e Den­nis Fog­gia.

Co­me fun­zio­na que­sta scuo­la di gla­dia­to­ri del­la ve­lo­ci­tà?

Sem­pli­ce, chi en­tra a far par­te del­la Aca­de­my ri­ce­ve un re­go­la­re con­trat­to trien­na­le. Il si­ste­ma fun­zio­na co­sì: all’ini­zio si è aiu­ta­ti e sup­por­ta­ti, ma man ma­no che si cre­sce par­te dei gua­da­gni van­no ad in­te­gra­re un bud­get che aiu­ta e sup­por­ta gli ul­ti­mi ar­ri­vi. E per­met­te, que­sto per­lo­me­no in teo­ria, all’Aca­de­my di es­se­re au­to­suf­fi­cien­te. Di non do­ver cioè di­pen­de­re di­ret­ta­men­te dal­le fi­nan­ze dell’iper­pi­lo­ta, ma so­lo da­gli spon­sor.

Co­sì Ros­si, per sag­gia­re la sua com­pe­ti­ti­vi­tà di­spo­ne di una car­ti­na al tor­na­so­le sen­za truc­chi: so­lo bat­ten­do i gio­va­ni cam­pio­ni del do­ma­ni ca­pi­sce di es­se­re an­co­ra com­pe­ti­ti­vo. «Non è fa­ci­le, per tut­ti io so­no l’uo­mo da bat­te­re, cor­ro con un ber­sa­glio sul­la schie­na - ha con­fes­sa­to una vol­ta - ma mi di­ver­to co­sì tan­to ad ar­ri­va­re da­van­ti che non mi ac­cor­go del tem­po che pas­sa».

Chi en­tra nel cam­pus ri­ce­ve un re­go­la­re con­trat­to dal­la du­ra­ta trien­na­le

Quan­do i ra­gaz­zi mi­glio­ra­no, par­te dei lo­ro ri­ca­vi so­no uti­liz­za­ti per i nuo­vi ar­ri­va­ti

Va­len­ti­no Ros­si, 36 an­ni, in te­nu­ta da la­vo­ro al Ran­ch as­sie­me ai “suoi” ra­gaz­zi

Un mo­men­to di re­lax e... me­ren­da per i die­ci gio­va­ni al­lie­vi del Dot­to­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.