Ades­so fa­te qual­co­sa

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Speciale - di Ales­san­dro Vocalelli

Cin­que­mi­la pa­gan­ti per Ro­ma-Spe­zia, di cui al­me­no due­mi­la ospi­ti. Mil­le ti­fo­si per La­zio-Udinese. E’ il pun­to più bas­so di un fe­no­me­no pe­rò or­mai ra­di­ca­to. C’era una vol­ta lo sta­dio Olim­pi­co, con le sue co­reo­gra­fie, il tut­to esau­ri­to, con la gen­te che s’in­for­ma­va sull’aper­tu­ra dei can­cel­li, con quel­li che en­tra­va­no ne­gli ul­ti­mi ven­ti mi­nu­ti (chi non l’ha fat­to da ra­gaz­zo?) per­ché gli ad­det­ti ti con­ce­de­va­no - do­po tan­ta at­te­sa e tan­ta tre­pi­da­zio­ne - di pas­sa­re il var­co. E chi era den­tro ve­de­va quell’im­prov­vi­so muo­ver­si in cur­va, in tri­bu­na, per gua­da­gnar­si un po­sto e ac­com­pa­gna­re la squa­dra al­la fi­ne del­la par­ti­ta. C’era ad­di­rit­tu­ra, ed era­no tan­ti, chi per ve­de­re la par­ti­ta si si­ste­ma­va sul­la mon­ta­gno­la che sor­mon­ta­va lo sta­dio. Sen­za co­per­tu­re, qual­co­sa si ve­de­va e qual­co­sa si in­tui­va. Ma era bel­lo so­prat­tut­to es­ser­ci, par­te­ci­pa­re all’Even­to e al­le di­scus­sio­ni che s’in­trec­cia­va­no fuo­ri dal­lo sta­dio. La gen­te ri­ma­ne­va lì, a di­scu­te­re di cal­cio, aspet­tan­do ma­ga­ri l’usci­ta dei gio­ca­to­ri. Per un co­ro di di­sap­pro­va­zio­ne, do­po una scon­fit­ta, per un au­to­gra­fo in caso di vit­to­ria. Un ba­gno di fol­la per i gio­ca­to­ri, un mo­men­to di ag­gre­ga­zio­ne e di par­te­ci­pa­zio­ne per i ti­fo­si.

Tut­to que­sto è spa­ri­to. All’Olim­pi­co non va più nes­su­no. Per la pro­te­sta le­ga­ta al­le di­vi­sio­ni in cur­va. E una co­sa non si può non di­re: men­tre in tut­to il mon­do gli im­pian­ti ven­go­no aper­ti, la gen­te as­si­ste al­le ga­re da bor­do cam­po, a Ro­ma au­men­ta­no gli osta­co­li e le bar­rie­re. Ma il ca­lo de­gli spet­ta­to­ri è le­ga­to an­che ad al­tri fat­to­ri. Squa­dre che non fan­no in­na­mo­ra­re, so­cie­tà che sem­bra­no di­stan­ti dal­le esi­gen­ze del lo­ro pub­bli­co, ca­ro prez­zi, per­ché ci han­no rac­con­ta­to per an­ni la più co­los­sa­le bal­la che si po­te­va im­ma­gi­na­re: con i di­rit­ti te­le­vi­si­vi, ca­le­rà il co­sto dei bi­gliet­ti. Una bu­gia, per­ché i prez­zi so­no au­men­ta­ti. In­som­ma, sem­bra qua­si che ci sia sta­to un pas­sa­pa­ro­la: fac­cia­mo in mo­do che al­lo sta­dio non va­da più nes­su­no. Si­cu­ra­men­te non sa­rà co­sì, ma il ri­sul­ta­to è sta­to co­mun­que spa­ven­to­so. Lo sta­dio Olim­pi­co è og­gi uno sta­dio de­ser­to, una re­pli­ca - riu­sci­ta ma­lis­si­mo - di quel­lo che c’era fi­no a qual­che tem­po fa. E al­lo­ra è ar­ri­va­to il mo­men­to di af­fron­ta­re la que­stio­ne. Per­ché Ro­ma e La­zio so­no due squa­dre in difficoltà, con ri­sul­ta­ti sem­pre me­no bril­lan­ti e pro­ble­mi tec­ni­ci evi­den­ti e di cui se­gui­re­mo pun­tual­men­te l’evo­lu­zio­ne: ma que­sto, pa­ra­dos­sal­men­te, non è il pro­ble­ma mag­gio­re. An­che per­ché, nel­la lo­ro sto­ria, La­zio e Ro­ma han­no sem­pre sca­te­na­to en­tu­sia­smo e por­ta­to gen­te al­lo sta­dio, an­che quan­do i ri­sul­ta­ti non era­no (pur­trop­po) stre­pi­to­si. In­som­ma, non so­no sem­pre e so­lo le vit­to­rie a fa­re la dif­fe­ren­za.

La ve­ra, sco­mo­da, no­vi­tà è in que­sto de­ser­to che non è più ac­cet­ta­bi­le. Non in­dif­fe­ren­za, per­ché i ti­fo­si so­no sem­pre lì, a sof­fri­re, a di­scu­te­re. Non in­dif­fe­ren­za, ma sof­fe­ren­za a di­stan­za. Un fe­no­me­no an­co­ra più gra­ve e inam­mis­si­bi­le. Per­ché, e non è una be­stem­mia sco­mo­da­re una pa­ro­la co­sì, il cal­cio vis­su­to al­lo sta­dio è an­che un fat­to cul­tu­ra­le. Che ap­par­tie­ne al­la cul­tu­ra del­la cit­tà. E far fin­ta di nul­la, o peg­gio an­co­ra ada­giar­si sul­la que­stio­ne, non è più pos­si­bi­le. Da og­gi apria­mo uf­fi­cial­men­te il Pro­ble­ma. Lo fa­re­mo chia­man­do ognu­no al­le pro­prie re­spon­sa­bi­li­tà. Lo fa­re­mo chie­den­do e ospi­tan­do gli in­ter­ven­ti di tan­ti. Lo fa­re­mo, pro­muo­ven­do al­la fi­ne di que­sto gi­ro d’oriz­zon­te, un gran­de in­con­tro nel­la se­de cen­tra­le del Cor­rie­re del­lo Sport. In­vi­te­re­mo tut­ti: dal­le Isti­tu­zio­ni del­la cit­tà ad al­cu­ni rap­pre­sen­tan­ti dei ti­fo­si, dal­le isti­tu­zio­ni spor­ti­ve - i pre­si­den­ti del Co­ni, del­la Fe­de­ra­zio­ne, del­la Le­ga - ai pre­si­den­ti e ai di­ri­gen­ti del­le due so­cie­tà, con il con­tri­bu­to di os­ser­va­to­ri qua­li­fi­ca­ti. Di­re­mo an­che chi, in­vi­ta­to, ci di­rà che non è di­spo­ni­bi­le. Per­ché è ar­ri­va­to il mo­men­to, co­me di­ce­va­mo, del­le as­sun­zio­ni di re­spon­sa­bi­li­tà. E nes­su­no si può più per­met­te­re di far fin­ta di nul­la.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.