DUB­BIO VIO­LA Di­pen­de tut­to da Borja Va­le­ro

Bal­lot­tag­gio Sua­rez-Ve­ci­no se lo spa­gno­lo gio­ca

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Fiorentina-chievo (ore 15) - Di Fran­ce­sco Gen­si­ni

Chis­sà che co­sa s'è "in­ven­ta­to" Pau­lo Sou­sa sta­vol­ta. Ter­za par­ti­ta in una set­ti­ma­na do­po Ju­ven­tus e Car­pi, che poi è ul­ti­ma dell'an­no e per di più bel­la pe­san­te ai fi­ni del­la clas­si­fi­ca e dell'au­to­sti­ma: qual­co­sa il tec­ni­co por­to­ghe­se ti­re­rà fuo­ri di si­cu­ro dal ci­lin­dro. Se lo fa­rà, sa­rà den­tro ad una stra­te­gia ben pre­ci­sa e or­mai col­lau­da­ta che pre­ve­de l'im­pie­go del mag­gior nu­me­ro di ti­to­la­ri per le par­ti­te che val­go­no e Fio­ren­ti­na-Chie­vo è una di quel­le. Con due va­ria­bi­li non di po­co con­to: Borja Va­le­ro riu­sci­rà ad es­se­re in cam­po? Ros­si me­ri­te­rà la fi­du­cia per gio­ca­re dall'ini­zio? In­tan­to, che Fio­ren­ti­na-Chie­vo pos­sa es­se­re uno sno­do de­ci­si­vo per il fu­tu­ro del­la squa­dra vio­la lo di­mo­stra­no le pa­ro­le di An­drea Del­la Val­le, in­ter­ve­nu­to al­la fe­sta del set­to­re gio­va­ni­le as­sie­me a Ber­nar­de­schi, Ba­ba­car e Lez­ze­ri­ni ol­tre al tec­ni­co por­to­ghe­se. Co­sì il pa­tron vio­la si è ri­vol­to ai ra­gaz­zi del­la Pri­ma­ve­ra: «Sie­te pri­mi e a noi pia­ce sta­re las­sù», con ov­vio ri­fe­ri­men­to al­la po­si­zio­ne e al­le am­bi­zio­ni dei "gran­di".

DUB­BIO BORJA. Tor­nan­do a Borja Va­le­ro e Ros­si, il pri­mo è sof­fe­ren­te a cau­sa di un af­fa­ti­ca­men­to mu­sco­la­re che ov­via­men­te ne met­te a ri­schio l'uti­liz­zo og­gi po­me­rig­gio. Chia­ro: fa­rà il pos­si­bi­le per es­se­re in cam­po, ma de­ter­mi­nan­te sa­rà il te­st atle­ti­co di que­sta mat­ti­na. La spe­ran­za è an­che di Pau­lo Sou­sa che non ri­nun­cia tan­to vo­len­tie­ri ad un ele­men­to es­sen­zia­le qual è l'ex Vil­lar­real e lo di­mo­stra­no le 16 pre­sen­ze su 16 da ti­to­la­re in cam­pio­na­to, pe­rò tut­to di­pen­de dall'esi­to del­la pro­va: a ie­ri se­ra, pro­ba­bi­li­tà equa­men­te di­vi­se tra pre­sen­za e as­sen­za. E l'esi­to è quan­to mai im­por­tan­te per­ché ad es­so è in par­te le­ga­to l'even­tua­le im­pie­go di Ros­si, nel sen­so che se Borja ce la fa au­men­ta­no le pos­si­bi­li­tà di Pe­pi­to di es­se­re in cam­po da tre­quar­ti­sta al po­sto pro­prio del­lo spa­gno­lo che re­tro­ce­de­reb­be a cen­tro­cam­po per con­ce­de­re un tur­no di ri­po­so a Ve­ci­no. Que­sta era l'idea ori­gi­na­ria pen­sa­ta e su­bi­to at­tua­ta nell'im­me­dia­to do­po-Car­pi, ma le esi­gen­ze con­tin­gen­ti po­treb­be­ro ob­bli­ga­re Pau­lo Sou­sa a ri­ve­der­la for­se in ex­tre­mis.

MA­TI O ROS­SI. Quin­di le so­lu­zio­ni so­no due: il pro­vi­no va be­ne, Borja Va­le­ro strin­ge i den­ti e gio­ca, a quel pun­to re­sta da ca­pi­re se da me­dia­no o da tre­quar­ti­sta; vi­ce­ver­sa, Ba­de­lj è co­mun­que si­cu­ro del po­sto e Sua­rez en­tra in con­cor­ren­za con Ve­ci­no. E Pe­pi­to? Ha una pic­co­la, gran­de chan­ce e la col­ti­va da quan­do l'al­le­na­to­re lu­si­ta­no l'ha in­se­ri­to ne­gli sche­mi (an­che ie­ri du­ran­te la ri­fi­ni­tu­ra) insieme a Ka­li­nic e Ili­cic, ma è na­tu­ra­le che que­sta sia sol­tan­to un'ipo­te­si da ve­ri­fi­ca­re co­me al so­li­to al­la co­mu­ni­ca­zio­ne del­le for­ma­zio­ni uf­fi­cia­li. Ros­si si au­gu­ra che sia quel­la giu­sta per ri­pren­der­si un ruo­lo da pro­ta­go­ni­sta, in at­te­sa del­la so­sta che sa­rà uti­le a so­cie­tà e cal­cia­to­re per de­ci­de­re se con­ti­nua­re o no il cam­mi­no co­mu­ne nel­la se­con­da fa­se del­la sta­gio­ne. Ma non è fi­ni­ta: in caso di stop di Borja Va­le­ro, Pau­lo Sou­sa sta va­lu­tan­do di im­pie­ga­re Ma­ti Fer­nan­dez in tan­dem con Ili­cic al­le spal­le di Ka­li­nic.

Cre­sce l’ipo­te­si Ros­si in­se­ri­to ne­gli sche­mi di ri­fi­ni­tu­ra sia con Ili­cic che con Ka­li­nic

LAP­RES­SE

Borja Va­le­ro, 30 an­ni, te­st sta­mat­ti­na e si scio­glie­rà la ri­ser­va sul­la sua pre­sen­za in cam­po

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.