L’or­di­ne di Al­le­gri «Fi­nia­mo da Ju­ve»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Carpi-juventus (ore 12.30) - Di Fi­lip­po Bon­si­gno­re

Un'al­tra vit­to­ria per chiu­de­re al me­glio un an­no «ric­co di sod­di­sfa­zio­ni» e guar­da­re al 2016 spe­ran­do che sia «an­co­ra mi­glio­re». La chie­de Mas­si­mi­lia­no Al­le­gri al­la Ju­ve: tre pun­ti con­tro il Car­pi per «con­so­li­da­re la no­stra clas­si­fi­ca» e «non va­ni­fi­ca­re tut­to quan­to fat­to in que­sti due me­si». Il tec­ni­co or­di­na con­cen­tra­zio­ne mas­si­ma, per­ché l'in­si­dia è die­tro l'an­go­lo. «La par­ti­ta di Na­ta­le è co­me la pri­ma di cam­pio­na­to e la pri­ma do­po la so­sta: ci pos­so­no es­se­re tra­boc­chet­ti. Ma so­no si­cu­ro che, aven­do una squa­dra di ra­gaz­zi mol­to re­spon­sa­bi­li, abi­tua­ti a vin­ce­re, l'ap­proc­cio sa­rà quel­lo giu­sto. Non c'è sta­to bi­so­gno di far­mi sen­ti­re trop­po: san­no per­fet­ta­men­te l'im­por­tan­za del­la par­ti­ta; una ga­ra di gran­de re­spon­sa­bi­li­tà».

BI­LAN­CIO. Max ave­va in­di­ca­to pro­prio la so­sta di Na­ta­le co­me il mo­men­to giu­sto per fa­re un bi­lan­cio: do­po le difficoltà ini­zia­li, i bian­co­ne­ri han­no cam­bia­to mar­cia e ora si può guar­da­re con fi­du­cia all'an­no che ver­rà. «E' sta­to un 2015 ric­co di sod­di­sfa­zio­ni che ri­mar­ran­no si­cu­ra­men­te nel­la sto­ria del­la Ju­ven­tus - ri­co­no­sce Al­le­gri - Ho an­co­ra ne­gli oc­chi l'im­ma­gi­ne del­la pal­la di Te­vez al li­mi­te dell'area nel­la fi­na­le di Cham­pions, quel­la era la pal­la del mat­ch-ball...». Il rim­pian­to c'è, ma si pen­sa al pre­sen­te: «Ora bi­so­gna chiu­de­re be­ne: ve­nia­mo da un pe­rio­do di vit­to­rie im­por­tan­ti pe­rò non scor­dia­mo­ci che ab­bia­mo per­so tan­ti pun­ti con le pic­co­le: con­tro Udinese, Chie­vo, Fro­si­no­ne, Sas­suo­lo. Con il Car­pi dob­bia­mo per for­za vin­ce­re, ab­bia­mo un so­lo obiet­ti­vo, la vit­to­ria». Al­le­gri spie­ga che è «più fa­ci­le» sca­la­re le po­si­zio­ni dal­le re­tro­vie fi­no ad es­se­re quar­ti, co­me ora, piut­to­sto che sa­li­re «dal­la quar­ta al­la ter­za, dal­la ter­za al­la se­con­da, e al­la pri­ma». E si ri­fà an­co­ra una vol­ta al ci­cli­smo: «E' co­me quan­do un ve­lo­ci­sta fa pre­sto a ri­dur­re il di­stac­co da 13 ad 11 se­con­di, ma poi ci met­te una vi­ta ad ar­ri­va­re a 10,5-10,4...». Non si può dun­que per­de­re ter­re­no, per «con­so­li­da­re la clas­si­fi­ca» e «ri­pren­de­re nel 2016, insieme a quel­le di te­sta». Pre­vi­sio­ni Al­le­gri non ne fa, «al­tri­men­ti di­ven­to me­teo­ro­lo­go», ma il pia­no è chia­ro: «Da co­me è l'an­da­men­to, que­sto può es­se­re un cam­pio­na­to che si de­ci­de all'ul­ti­ma gior­na­ta o al­la pe­nul­ti­ma. E in quel mo­men­to bi­so­gna es­ser­ci, bi­so­gna crea­re i pre­sup­po­sti af­fin­chè il 2016 sia mi­glio­re de­gli ul­ti­mi quat­tro me­si del 2015 in cam­pio­na­to». Non è sta­to fa­ci­le ri­sa­li­re la chi­na ma «la mia non è una scom­mes­sa vin­ta». «Sem­pli­ce­men­te - ar­go­men­ta Max - cre­de­vo e cre­do in que­sta squa­dra, cre­do in quel­lo che fac­cio e che fac­cia­mo tut­ti insieme. Poi quan­do sei in una gran­de squa­dra, il cal­cio ti dà ogni tre gior­ni l'oc­ca­sio­ne di ri­far­ti e di ri­met­te­re le co­se a po­sto. Se­gre­ti non ce ne so­no: so­lo la­vo­ro ed equi­li­brio. La squa­dra è cre­sciu­ta sot­to l'aspet­to del­la per­so­na­li­tà, del­la ge­stio­ne del­la par­ti­ta e dell'ap­proc­cio al­le par­ti­te. Que­sto cre­do sia un da­to im­por­tan­te per ades­so e per il fu­tu­ro».

«Con­tro il Car­pi non dob­bia­mo va­ni­fi­ca­re quan­to ab­bia­mo fat­to fi­no ad ora»

«Per lo scu­det­to è tut­to aper­to: si de­ci­de­rà al­la fi­ne Noi dob­bia­mo es­se­re pron­ti»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.