Tac­chi­nar­di: Que­sta squa­dra rag­giun­ge­reb­be l’Eu­ro­pa

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Juventus - Di Eu­ge­nio Rus­so

Per in­ten­der­si, la for­ma­zio­ne che ab­bia­mo scel­to era per die­ci un­di­ce­si­mi in pan­chi­na a Car­pi, a par­te Ro­ber­to Pe­rey­ra, in­for­tu­na­to. Al po­sto dell’ar­gen­ti­no c'era Si­mo­ne Pa­doin, «tut­to­fa­re» gra­di­tis­si­mo ad Al­le­gri. Sen­za di­men­ti­ca­re Her­na­nes nel ruo­lo di tre­quar­ti­sta e la... pan­chi­na di Ma­rio Le­mi­na, gio­iel­lo fran­ce­se ar­ri­va­to in pre­sti­to dal Mar­si­glia (con di­rit­to di ri­scat­to fis­sa­to a 10 mi­lio­ni) , che, al pa­ri Pe­rey­ra, tor­ne­rà a di­spo­si­zio­ne nel 2016. Sa­rà un'al­tra frec­cia im­por­tan­te all'ar­co di Max, che ha sem­pre ri­co­no­sciu­to un ruo­lo de­ci­si­vo ai bian­co­ne­ri su­ben­tran­ti a par­ti­ta in cor­so: «De­vo­no sem­pre de­ter­mi­na­re».

TRA­GUAR­DO. Avran­no cer­ta­men­te Ne­to, Li­ch­tstei­ner, Ca­ce­res, Ru­ga­ni, Alex San­dro, Pe­rey­ra, Stu­ra­ro, Asa­moah, Her­na­nes, Za­za, Mo­ra­ta. La “pan­chi­na” del­la Ju­ve è d’oro mas­sic­cio e va­le 163 mi­lio­ni di eu­ro. E’ que­sto uno dei se­gre­ti del­la stri­scia di vit­to­rie ban­co­ne­re? Po­trà es­se­re que­sta l’ar­ma vin­cen­te nel­la cor­sa fi­na­le al ti­to­lo? Sa­rà il 2016 a de­cre­tar­lo, ma ciò che non è in di­scus­sio­ne è l’im­por­tan­za di po­ter con­ta­re su al­ter­na­ti­ve di va­lo­re as­so­lu­to.

Ales­sio Tac­chi­nar­di, se que­sto un­di­ci gio­cas­se ti­to­la­re nel cam­pio­na­to di Se­rie A, do­ve po­treb­be ar­ri­va­re? «Stia­mo par­lan­do di una su­per ro­sa, di gio­ca­to­ri di qua­li­tà che il club ha strap­pa­to in mol­ti ca­si ad un ot­ti­mo prez­zo. La so­cie­tà ha ac­qui­sta­to i mi­glio­ri sul­la piaz­za, di­mo­stran­do la sua bra­vu­ra. Tol­ti Cri­stia­no Ro­nal­do, Mes­si e gli inar­ri­va­bi­li, di­ver­si gio­ca­to­ri di li­vel­lo mondiale so­no al­la Ju­ven­tus. Par­ten­do dal pre­sup­po­sto che non si trat­ta di pan­chi­na­ri, ma di com­pri­ma­ri, pos­so af­fer­ma­re che una squa­dra co­sì com­po­sta non fa­ti­che­reb­be ad ar­ri­va­re tra le pri­me quat­tro o cin­que, se non più su...».

Cos’è che la fa du­bi­ta­re cir­ca le po­ten­zia­li­tà da Eu­ro­pa Lea­gue o zo­na Cham­pions? «La man­can­za di un vi­ce-Mar­chi­sio: nes­su­no dei cen­tro­cam­pi­sti in­d­cia­ti, per ades­so, può so­sti­tuir­lo. Inol­tre man­ca un di­fen­so­re cen­tra­le for­te co­me uno dei tre ti­to­la­ri. Ca­ce­res è di al­to pro­fi­lo, Ru­ga­ni è for­tis­si­mo in pro­spet­ti­va, ma at­tual­men­te non po­treb­be­ro reg­ge­re il pa­ra­go­ne. Su­gli ester­ni e dal­la tre­quar­ti in poi il li­vel­lo è as­so­lu­to. Li­ch­tstei­ner or­mai lo co­no­scia­mo be­ne e Alex San­dro mi ha pia­ce­vol­men­te col­pi­to. Poi la clas­se di Her­na­nes, la te­ni­ca di Mo­ra­ta e l’ef­fi­ca­cia di Za­za so­no fuor di dub­bio».

Ep­pu­re qual­che cri­ti­ca per un av­vio sten­ta­to e qual­che cri­fra spe­sa è ar­ri­va­ta... «Per­ché si ten­de sem­pre ad ac­cu­sa­re e par­la­re a spro­po­si­to. Io non ho mai vu­to dub­bi, era im­pos­si­bi­le che la Ju­ven­tus non riu­scis­se a ri­sa­li­re la chi­na con un or­ga­ni­co del ge­ne­re. Al­le­gri è sta­to bra­vis­si­mo a te­ne­re uni­to il grup­po e a crea­re amal­ga­ma no­no­stan­te le as­sen­ze di Pir­lo, Te­vez e Vi­dal. Un pe­rio­do di as­se­sta­men­to era pre­ve­di­bi­le, ma ora che i giu­sti equi­li­bri so­no sta­ti ri­tro­va­ti i gio­ca­to­ri han­no an­co­ra più cer­tez­ze sul­le qua­li po­ter fa­re af­fi­da­men­to. E’ me­glio par­ti­re ma­le e poi mi­glio­ra­re, che fa­re il per­cor­so in­ver­so...».

Co­me quel­lo del­la Ro­ma, ad esem­pio? Esat­ta­men­te, la Ro­ma era par­ti­ta al­la gran­de, mol­to me­glio del­la Ju­ven­tus e an­che la ro­sa gial­lo­ros­sa è di al­to li­vel­lo, ma poi il cor­so de­gli even­ti è sta­to net­ta­men­te di­ver­so. In que­sto mo­men­to, pur es­sen­do so­lo ad un pun­to di di­stan­za, l’im­pres­sio­ne che si ha del­le due squa­dre non è pa­ra­go­na­bi­le. La Ju­ven­tus ha fi­du­cia, è con­sa­pe­vo­le dei pro­pri mez­zi e af­fron­ta le ga­re con uno spi­ri­to di­ver­so. Ha sof­fer­to all’ini­zio, ma que­sto l’ha fat­ta cre­sce­re. Non so se sia me­ri­to dell’al­le­na­to­re, dei gio­ca­to­ri o del tra­scor­so di ogni club».

LAP­RES­SE

Ales­sio Tac­chi­nar­di

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.