BO­LO­GNA Do­na­do­ni chie­de gol al cen­tro­cam­po

So­lo Don­sah a se­gno in un re­par­to che ti­ra po­co...

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Bologna - Di Lo­ren­zo Lon­ghi

Fra i nu­me­ri del Bo­lo­gna di Do­na­do­ni, ol­tre ai pun­ti e al­la re­la­ti­va me­dia per par­ti­ta, il da­to del­le re­ti se­gna­te con il nuo­vo tec­ni­co se­gna­la co­me, a que­sto pun­to del­la sta­gio­ne, non sia la ca­pa­ci­tà di an­da­re a re­te il pro­ble­ma prin­ci­pa­le dei ros­so­blù. Que­sto per­ché la ma­no­vra of­fen­si­va è più ef­fi­ca­ce e, ov­via­men­te, an­che per­ché il ri­sve­glio di De­stro ha por­ta­to in po­che set­ti­ma­ne l'at­tac­can­te asco­la­no a se­gna­re cin­que gol, più o me­no un ter­zo o po­co più del bot­ti­no che ci si at­ten­de da lui a fi­ne sta­gio­ne. In­som­ma, De­stro fa il suo: ca­po­can­no­nie­re del­la squa­dra, con una me­dia si­gni­fi­ca­ti­va da quan­do il suo cam­pio­na­to è ini­zia­to sul se­rio. Ma gli al­tri?

AT­TAC­CAN­TI. Dei 19 gol se­gna­ti dal Bo­lo­gna in que­ste pri­me 17 giornate, ben 13 so­no ar­ri­va­ti da­gli at­tac­can­ti. Si trat­ta di ol­tre due ter­zi del­le mar­ca­tu­re, pa­ri al 68,4% del to­ta­le: si­gni­fi­ca che i gio­ca­to­ri of­fen­si­vi rie­sco­no ad in­ci­de­re per quan­to in ge­ne­re si chie­de lo­ro, per­ché tra­di­zio­nal­men­te, in una squa­dra che fun­zio­na (e che se­gna con di­scre­ta con­ti­nui­tà o an­che di più) i gol del­le pun­te in ge­ne­ra­le si at­te­sta­no sul 70% del nu­me­ro as­so­lu­to dei gol fat­ti. Co­sì, die­tro a De­stro, ec­co i tre gol di Mou­nier, tut­ti giun­ti in era Ros­si quan­do Mat­tia an­co­ra non si era sbloc­ca­to, quin­di i due di Giaccherin­i e Brien­za, giun­ti con Do­na­do­ni in pan­chi­na. A lo­ro si ag­giun­ge il cen­tro di Man­co­su con­tro la La­zio, a con­fer­ma­re le di­scre­te sta­ti­sti­che del re­par­to avan­za­to.

DI­FEN­SO­RI. Ma­si­na, Ros­set­ti­ni e Ga­stal­del­lo, che insieme han­no mes­so a se­gno ben 7 re­ti, evi­den­zia­no co­me il Bo­lo­gna sia sta­to abi­le an­che a sfrut­ta­re i col­pi dei di­fen­so­ri, giun­ti più da si­tua­zio­ni da cal­cio piaz­za­to che da in­se­ri­men­ti, ma co­mun­que ec­cel­len­ti: sia­mo al 26,3% del to­ta­le, in al­tri ter­mi­ni un gol su quat­tro. Un da­to di no­te­vo­le in­te­res­se, che pe­rò por­ta ad una let­tu­ra bi­va­len­te: da un la­to, l'ap­por­to dei gio­ca­to­ri di re­tro­guar­dia in zo­na gol sot­to­li­nea che le re­ti dei di­fen­so­ri non so­no ca­sua­li ma fi­glie di si­tua­zio­ni stu­dia­te, dall'al­tro tut­ta­via chia­ri­sce co­me man­chi­no le re­ti di un re­par­to dal qua­le ci si aspet­ta dav­ve­ro di più: il cen­tro­cam­po.

UNA TAN­TUM. Per­ché sì, 13 (at­tac­co) più 5 (di­fe­sa) fa 18, e al­lo­ra re­sta so­lo una re­te giun­ta da un uo­mo di me­dia­na, quel­lo se­gna­to da Don­sah in ca­sa del Ve­ro­na, un in­se­ri­men­to in area dal­la tre­quar­ti de­stra do­po un'azio­ne por­ta­ta avan­ti da Ma­si­na sul­la fa­scia op­po­sta e con il gio­ca­to­re abi­le a fion­dar­si su una pal­la va­gan­te do­po la re­spin­ta smor­za­ta di un di­fen­so­re dell'Hel­las. Tut­to qui. Do­ve ci si aspet­te­reb­be, nor­mal­men­te, che la quo­ta gol non ap­pan­nag­gio de­gli at­tac­can­ti fos­se di­vi­sa in pro­por­zio­ni si­mi­li tra cen­tro­cam­po e di­fe­sa, il Bo­lo­gna fa ec­ce­zio­ne: dai tre ele­men­ti in­ter­ni di me­dia­na, quel­lo che si­no­ra è man­ca­to è il jolly da fuo­ri, ad esem­pio, ma an­che l'in­se­ri­men­to fi­glio del­la ma­no­vra, non estem­po­ra­neo. In­ten­dia­mo­ci: con de­ter­mi­na­ti si­ste­mi di gio­co, è nor­ma­le che dal­la me­dia­na l'ap­por­to di re­ti sia in­fe­rio­re a quel­lo dei di­fen­so­ri. Ma quan­do è co­sì bas­so da ap­pa­ri­re tra­scu­ra­bi­le, è se­gno che c'è da mi­glio­ra­re.

Qua­si il 70% dei gol ar­ri­va dall’at­tac­co, ma il sal­to di qua­li­tà ar­ri­va se an­che i me­dia­ni se­gna­no

Le sor­pre­se tra i di­fen­so­ri so­no Ma­si­na e Ros­set­ti­ni en­tram­bi han­no rea­liz­za­to 2 re­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.