MOS­SE JU­VE LE CON­DI­ZIO­NI PER GÜN­DO­GAN

Nien­te aste con il Li­ver­pool, i bian­co­ne­ri non in­ten­do­no far­si det­ta­re la trat­ta­ti­va. Men­tre re­si­ste l’idea Ba­ne­ga

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Juventus - Di Et­to­re In­tor­cia e Fa­bio Mas­si­mo Splen­do­re

La Ju­ven­tus si pre­pa­ra al mer­ca­to di gen­na­io. La vo­glia di ri­mon­ta or­mai è di­ven­ta­ta con­sa­pe­vo­lez­za di lot­ta­re nuo­va­men­te per lo scu­det­to, me­glio, di di­fen­de­re quel­lo che è cu­ci­to sul­le ma­glie per la quar­ta vol­ta di fi­la. Ma c’è an­che un as­sun­to che in ca­sa bian­co­ne­ra è un va­lo­re: il grup­po va pre­ser­va­to per­ché è at­tra­ver­so que­sto grup­po che la squa­dra ha ri­tro­va­to i mec­ca­ni­smi per sca­la­re la clas­si­fi­ca. Il con­cet­to di fon­do è uno: non ci so­no, per i di­ri­gen­ti, ne­ces­si­tà im­pel­len­ti nei sin­go­li re­par­ti. Que­sto non si­gni­fi­ca che la Ju­ven­tus non fa­rà mer­ca­to a gen­na­io, ma che lo fa­rà sen­za af­fan­ni, sen­za do­ver­si far det­ta­re la sca­let­ta dal­le con­tro­par­ti, sen­za fol­lie ne­gli in­ve­sti­men­ti. Se ac­qui­sto ci sa­rà (e ci sa­rà...), ar­ri­ve­rà va­lu­tan­do un una op­por­tu­ni­tà eco­no­mi­ca­men­te fa­vo­re­vo­le, o an­ti­ci­pan­do un in­ve­sti­men­to tec­ni­co in chia­ve fu­tu­ra. La star, il va­lo­re ag­giun­to per il cam­mi­no in Eu­ro­pa, do­vrà es­se­re un af­fa­re, do­vrà ar­ri­va­re al­le con­di­zio­ni vo­lu­te e non a quel­le det­ta­te. Fin qui il pen­sie­ro del­la Ju­ve, poi è chia­ro che il mer­ca­to ri­spon­de an­che a lo­gi­che... il­lo­gi­che, a strap­pi in­dot­ti dal­la con­cor­ren­za. Ma la li­nea so­cie­ta­ria, a cui ri­spon­do­no in pri­mis sul mer­ca­to il dg Ma­rot­ta e il ds Pa­ra­ti­ci, è la se­guen­te.

L’AF­FA­RE. In que­sto fi­lo­ne si in­se­ri­sce la pi­sta Ba­ne­ga, che re­si­ste e che di­pen­de, ov­via­men­te, an­che da quel­le che so­no le rea­li in­ten­zio­ni del Si­vi­glia: Ba­ne­ga an­drà in sca­den­za di con­trat­to e quin­di le con­di­zio­ni eco­no­mi­che per ar­ri­var­ci do­vreb­be­ro es­se­re van­tag­gio­se. L’ar­gen­ti­no con il pas­sa­por­to spa­gno­lo fi­no­ra ha mes­so insieme 14 pre­sen­ze e 4 gol tra Li­ga e Cham­pions Lea­gue (ri­spet­ti­va­men­te 9 e 5 ga­re gio­ca­te con lo stes­so nu­me­ro di gol). Ba­ne­ga agi­sce pre­va­len­te­men­te da tre­quar­ti­sta ma può gio­ca­re qual­che me­tro più in­die­tro, nel cuo­re del cen­tro­cam­po, ov­via­men­te con un’at­ti­tu­di­ne di­ver­sa: co­strui­re piut­to­sto che fa­re scher­mo da­van­ti al­la di­fe­sa. Chia­ra­men­te il suo ar­ri­vo ri­da­reb­be for­za al pro­get­to tat­ti­co del 4-3-1-2.

Do­ven­do pen­sa­re di in­ter­ve­ni­re a gen­na­io, la Ju­ven­tus lo fa­rà co­mun­que in mez­zo al cam­po do­ve non si è sciol­to l’enig­ma Khe­di­ra, pre­so a ze­ro, pri­ma fer­mo per in­for­tu­nio e poi, for­se, espres­so­si al di sot­to del­le aspet­ta­ti­ve. L’in­ne­sto di un uo­mo in più - di un ti­to­la­re in più - avreb­be co­me con­se­guen­za an­che il “re­cu­pe­ro” di Mar­chi­sio a tem­po pie­no co­me mez­za­la.

IL SO­GNO. Nei pen­sie­ri di Al­le­gri il no­me re­sta sem­pre quel­lo di Ikay Gün­do­gan, pi­la­stro del cen­tro­cam­po di quel Bo­rus­sia Dort­mund che fu gran­de con Klopp e che ora è al­la ri­cer­ca di un nuo­vo equi­li­brio. Pro­prio la vo­glia (e la ne­ces­si­tà) di ri­par­ti­re, di ri­con­qui­sta­re un po­sto in Cham­pions do­po la di­sa­stro­sa sta­gio­ne 2014-15, ha im­po­sto al club tedesco la ne­ces­si­tà di blin­da­re uno dei suoi pun­ti di for­za. Ec­co per­ché in esta­te la Ju­ve ha in­cas­sa­to un sec­co no del Bo­rus­sia per il cen­tro­cam­pi­sta del­la na­zio­na­le te­de­sca. Pe­rò par­lia­mo di un gio­ca­to­re che ha un con­trat­to in sca­den­za nel 2017, dun­que a Dort­mund in esta­te si tro­ve­ran­no di fron­te a un bi­vio e pe­ral­tro con po­co mar­gi­ne di ma­no­vra.

Og­gi co­me og­gi, pe­rò, ser­vi­reb­be un in­ve­sti­men­to da 30 mi­lio­ni di eu­ro, e in quel­la fa­scia di prez­zo la Ju­ve non vuo­le in­se­rir­si. Que­sto si­gni­fi­ca che se la lo­gi­ca è “30 o nien­te” per la Ju­ven­tus è co­me di­re che Gun­do­gan non è in ven­di­ta. Ma non che non ci sia in­te­res­se, an­zi: bi­so­gne­reb­be ra­gio­na­re su un’ope­ra­zio­ne con ba­si dif­fe­ren­ti, pre­sti­to e ri­scat­to. E poi ci sa­reb­be da con­fron­tar­si an­che con la con­cor­ren­za e un’asta è pro­prio ciò che la Ju­ve non vuo­le: Klopp de­si­de­re­reb­be ria­ve­re il suo pu­pil­lo al Li­ver­pool, pur sa­pen­do di non po­ter con­ta­re su di lui in Eu­ro­pa Lea­gue. E in­ve­ce Gün­do­gan con la Ju­ve po­treb­be tor­na­re su­bi­to in Cham­pions per sfi­da­re quel Bayern Mo­na­co che in Bun­de­sli­ga ap­pa­re già trop­po lon­ta­no. Al di là de­gli aspet­ti re­go­la­men­ta­ri, Klopp e la Ju­ve de­vo­no co­mun­que con­fron­tar­si con la vo­lon­tà del Bo­rus­sia. Per ora la ri­spo­sta da­ta agli in­gle­si è sta­ta piut­to­sto de­ci­sa: nes­su­na ces­sio­ne ec­cel­len­te a sta­gio­ne in cor­so. La Ju­ve si ade­gua, ma re­sta al­la fi­ne­stra. Con­sa­pe­vo­le an­che di un fat­to: do­po l’Eu­ro­peo la va­lu­ta­zio­ne di Gun­do­gan po­treb­be lie­vi­ta­re. E quin­di, so­no tem­pi di scher­ma­glie. Aspet­tan­do di po­ter co­glie­re l’at­ti­mo.

Per Al­le­gri la stel­la del Dort­mund re­sta un pal­li­no: il club ci pen­sa, ma so­lo con cer­ti pa­ra­me­tri

La pi­sta Ba­ne­ga è più pra­ti­ca­bi­le per­ché a giu­gno an­drà in sca­den­za Ore di ri­fles­sio­ne

GETTY IMAGES

Ikay Gün­do­gan, 25 an­ni, cen­tro­cam­pi­sta del Bo­rus­sia Dort­mund

GETTY IMAGES

L’ar­gen­ti­no Ever Ba­ne­ga, 27 an­ni, in azio­ne con­tro la Sve­zia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.