Ber­nar­de­schi «Gra­zie Sou­sa»

Pia­ce a Ba­rça, Bayern e Pre­mier Lea­gue. E lui: «A Fi­ren­ze si può tut­to»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Da Prima Pagina - Di Fran­ce­sco Gen­si­ni

Per­so­nag­gio da co­per­ti­na ma so­lo per le sue in­di­scu­ti­bi­li do­ti tec­ni­che, Fe­de­ri­co Ber­nar­de­schi è or­mai al cen­tro del­le at­ten­zio­ni ge­ne­ra­li. Ta­len­to, ca­rat­te­re, pro­fes­sio­na­li­tà, il cen­tro­cam­pi­sta-at­tac­can­te ci ha mes­so me­no di mez­za sta­gio­ne a sca­la­re la clas­si­fi­ca dei cal­cia­to­ri "più" del­la Fio­ren­ti­na: più im­por­tan­ti, più in­ci­si­vi, più se­gui­ti. A 21 an­ni è un pun­to fer­mo del­la squa­dra di Pau­lo Sou­sa che so­gna in gran­de e i ti­fo­si vio­la spe­ra­no che sia so­prat­tut­to un pun­to fer­mo del­la Fio­ren­ti­na che ver­rà, per­ché tan­ti più por­ta­no un'al­tra co­sa: l'ap­pe­ti­to dei gran­dis­si­mi club d'Eu­ro­pa. Il Bar­cel­lo­na l'ha fat­to se­gui­re, An­ce­lot­ti l'ha mes­so in ci­ma ai de­si­de­ri del suo Bayern 2016-17, in In­ghil­ter­ra pas­sa di boc­ca in boc­ca nei sa­lot­ti buo­ni. Lui non se ne cu­ra e pen­sa ai tra­guar­di del­la Fio­ren­ti­na, men­tre al­la Fio­ren­ti­na spet­ta il com­pi­to di at­trez­zar­si per eri­ge­re un mu­ro e far rim­bal­za­re su di es­so tut­te le pro­po­ste

eco­no­mi­che da mol­ti ze­ri.

SO­GNI IN VIO­LA. «Que­sto è un cam­pio­na­to ano­ma­lo - ha af­fer­ma­to Ber­nar­de­schi al si­to dell'Ue­fa - in cui c'è tan­to equi­li­brio e non c'è in­ve­ce una fa­vo­ri­ta net­ta per lo scu­det­to. E al­lo­ra pen­so che la Fio­ren­ti­na pos­sa ar­ri­va­re mol­to in al­to». Quan­to in al­to non lo di­ce, an­che per­ché non lo può sa­pe­re e quin­di la­scia spa­zio all'im­ma­gi­na­zio­ne. Di si­cu­ro Gon­za­lo e com­pa­gni so­no e sa­ran­no tra i pro­ta­go­ni­sti, poi la rea­liz­za­zio­ne di un obiet­ti­vo di­pen­de da mil­le fat­to­ri. Scu­det­to chis­sà, la Cham­pions Lea­gue chis­sà, ma nes­su­na pre­clu­sio­ne co­mun­que. Non ora. «La Cham­pions ri­ma­ne il pal­co­sce­ni­co più pre­sti­gio­so e po­ter par­te­ci­par­vi sa­reb­be un ono­re e un or­go­glio per me e per tut­ta la Fio­ren­ti­na». Sen­za di­men­ti­ca­re, a pro­po­si­to, l'obiet­ti­vo Eu­ro­pa Lea­gue: a feb­bra­io la Fio­ren­ti­na ri­par­ti­rà dal Tot­te­n­ham co­me do­di­ci me­si pri­ma nel­la spe­ran­za che pu­re l'esi­to del­la dop­pia sfi­da con gli in­gle­si sia lo stes­so. «Pre­mes­so che il no­stro gi­ro­ne era af­fat­to sem­pli­ce, al­cu­ne co­se ci so­no riu­sci­te be­ne e al­tre me­no be­ne, pe­rò al­la fi­ne quel­lo che con­ta­va era su­pe­ra­re il tur­no: ce l'ab­bia­mo fat­ta e sia­mo con­ten­ti. Nei 16esi­mi ci toc­che­rà nuo­va­men­te il Tot­te­n­ham e de­vo di­re che non sia­mo sta­ti for­tu­na­ti nel sor­teg­gio co­me non lo era­va­mo sta­ti nell'edi­zio­ne pas­sa­ta: il Tot­te­n­ham è for­te e vor­rà ri­scat­ta­re l'eli­mi­na­zio­ne, ma noi ce la met­te­re­mo tut­ta per an­da­re fi­no in fon­do». Ec­co, sta­vol­ta Ber­nar­de­schi s'è sbi­lan­cia­to. E non ci vuo­le mol­to a con­di­vi­der­ne il mo­ti­vo del­la scel­ta.«Il mio so­gno sa­reb­be gio­ca­re la fi­na­le con­tro il Man­che­ster Uni­ted e fa­re­mo dav­ve­ro il pos­si­bi­le per rea­liz­zar­lo». Uno l'ha rea­liz­za­to: se­gna­re in ma­glia vio­la. «Emo­zio­ne uni­ca, in­de­scri­vi­bi­le».

AL­LE­NA­TO­RI DOC. Scu­det­to, zo­na Cham­pions, Eu­ro­pa Lea­gue: se la Fio­ren­ti­na e Ber­nar­de­schi pos­so­no es­se­re ac­co­mu­na­ti ai tra­guar­di più no­bi­li del­la sta­gio­ne è per l'ot­ti­mo la­vo­ro di Pau­lo Sou­sa. «E di­fat­ti io non pos­so che elo­gia­re il no­stro al­le­na­to­re. Per lui par­la­no i ri­sul­ta­ti che la squa­dra sta met­ten­do insieme, ma Pau­lo Sou­sa è mol­to im­por­tan­te per me an­che a li­vel­lo per­so­na­le: ha ca­ri­sma e mi aiu­ta a cre­sce­re con tan­ti con­si­gli uti­li. E' dav­ve­ro un ot­ti­mo tec­ni­co». Ce ne so­no al­tri due di tec­ni­ci che in qual­che mo­do po­po­la­no i pen­sie­ri del ra­gaz­zo na­ti­vo di Car­ra­ra. Uno è Gi­gi Di Bia­gio, se­le­zio­na­to­re del­la Un­der 21 di cui Ber­nar­de­schi è sim­bo­lo ri­co­no­sciu­to. «Vo­glia­mo ri­scat­tar­ci dall'ul­ti­mo, sfor­tu­na­to Eu­ro­peo in Repubblica Ce­ca e con noi cal­cia­to­ri ha la stes­sa fa­me di ri­vin­ci­ta an­che Di Bia­gio. Stia­mo di­mo­stran­do il no­stro va­lo­re par­ti­ta do­po par­ti­ta». L'al­tro è An­to­nio Con­te. «Se il com­mis­sa­rio tec­ni­co mi chia­mas­se? Sa­reb­be bel­lis­si­mo».

Fe­de­ri­co Ber­nar­de­schi, 21 an­ni

SESTINI

Fe­de­ri­co Ber­nar­de­schi, 21 an­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.