ROS­SI «SE VA­DO È PER VIN­CE­RE

Jes­si­ca, stel­la del ti­ro a vo­lo, non è cer­ta di es­ser­ci «Ho pas­sa­to un pe­rio­do dif­fi­ci­le ma ave­vo so­lo bi­so­gno di ri­pren­der­mi la mia vi­ta pri­va­ta»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Speciale Olimpiadi - Di Lean­dro De Sanc­tis

Il do­ber­mann che si agi­ta in mac­chi­na si chia­ma Olim­pia. Il de­sti­no nel no­me, per­chè nac­que dal­la cuc­cio­la­ta di fa­mi­glia do­po la me­da­glia d’oro vin­ta da Jes­si­ca Ros­si ai Gio­chi di Lon­dra 2012, nel Trap. Tre an­ni do­po, Jes­si­ca è cre­sciu­ta, la ra­gaz­za è di­ven­ta­ta don­na e si è an­che spo­sa­ta, con Mau­ro De Fi­lip­pis, an­che lui ti­ra­to­re.

Ma quel­lo che è cam­bia­to è che Jes­si­ca non ha an­co­ra la cer­tez­za di di­fen­de­re il suo ti­to­lo olim­pi­co a Rio 2016. Ha vis­su­to un pe­rio­do dif­fi­ci­le nel 2014, ma ul­ti­ma­men­te ha mo­stra­to di es­se­re in ri­pre­sa e pen­sa po­si­ti­vo.

Una Jes­si­ca che ha sa­pu­to ri­pren­der­si la sua vi­ta e che ora tor­na a spa­ra­re con mag­gior con­sa­pe­vo­lez­za e una rin­no­va­ta ca­ri­ca di en­tu­sia­smo. «Io ades­so ho ri­tro­va­to tan­ta se­re­ni­tà, ho vi­sto mi­glio­ra­men­ti, ho pre­so un bel bron­zo all’Eu­ro­peo, poi c’è sta­ta la ga­ra di Cop­pa del Mon­do in Azer­bai­gian. Cer­to, quan­do la­vo­ri e non ot­tie­ni ri­sul­ta­ti co­min­ci a far­ti del­le do­man­de. Do­po l’Olim­pia­de ho avu­to un’an­na­ta in­ten­sis­si­ma, non ho avu­to mo­do di ri­po­sar­mi»

Le sa­reb­be ser­vi­ta una pau­sa? «Sì, c’era bi­so­gno di stac­ca­re, evi­den­te­men­te. All’ini­zio l’ave­vo pre­sa ma­le, do­po due an­ni in cui ave­vo vin­to tut­to. Era una co­sa pas­seg­ge­ra ma ti vie­ne da pen­sa­re, av­ver­ti le in­si­cu­rez­ze at­tor­no a te, ti ven­go­no dei pen­sie­ri. Tan­te per­so­ne mi chie­de­va­no: ma co­sa ti è suc­ces­so? In­ve­ce poi ho ri­con­qui­sta­to fi­du­cia, an­che nel­le ga­re»

Me­ri­to del ma­tri­mo­nio? «Mi ha aiu­ta­to. Sta­vo vi­ven­do un pe­rio­do do­ve vo­le­vo fa­re tut­to e ho fi­ni­to col tra­scu­ra­re par­te del­la mia vi­ta pri­va­ta. Non me ne ren­de­vo con­to, non sa­pe­vo di do­ver tro­va­re gli equi­li­bri giu­sti. Ora cer­co di ri­fa­re tut­to quel­lo che fa­ce­vo pri­ma ma an­che di vi­ve­re la mia vi­ta. Ma an­che sul­le noz­ze ave­va­no da ri­di­re: in tan­ti mi han­no det­to che era il mo­men­to sba­glia­to, mi han­no con­te­sta­to la de­ci­sio­ne di spo­sar­mi in quel­la da­ta. In real­tà non è che cam­bias­se mol­to, per­chè sta­va­mo insieme da sei an­ni e da quat­tro si con­vi­ve­va. Pe­rò era quel­lo di cui ave­vo bi­so­gno. Ave­va­mo sem­pre po­sti­ci­pa­to per gli im­pe­gni del ti­ro a vo­lo, che io non vo­le­vo tra­scu­ra­re.

Ave­vo so­lo vo­glia di fa­re qual­co­sa per me stes­sa in un pe­rio­do in cui non c’era­no ga­re. E poi non mi so­no oc­cu­pa­ta dell’or­ga­niz­za­zio­ne, so­no so­lo an­da­ta a spo­sar­mi, a giu­gno. Per­fi­no il viag­gio di noz­ze l’ab­bia­mo po­sti­ci­pa­to, a no­vem­bre: in Po­li­ne­sia, un pa­ra­di­so. Ma poi ho ri­co­min­cia­to con ben al­tre ba­si. Co­me don­na e co­me atle­ta, ave­vo bi­so­gno di un pez­zo del­la mia vi­ta pri­va­ta» Jes­si­ca Ros­si pro­fes­sa tran­quil­li­tà, ha ca­pi­to che re­sta­re se­re­na è il mo­do mi­glio­re per cen­tra­re il ber­sa­glio. «Non vo­glio as­so­lu­ta­men­te vi­ve­re su quel­lo che ho fat­to in pas­sa­to, an­che se do­po Lon­dra ho già di­mo­stra­to di sa­per vin­ce­re an­co­ra. Per ora non è ba­sta­to ma pa­zien­za, è an­da­ta co­sì. So che so­no la cam­pio­nes­sa del qua­drien­nio in cor­so, ho vin­to tan­te co­se, vo­glio sta­re tran­quil­la non mi vo­glio ada­gia­re. E co­mun­que: io l’Olim­pia­de l’ho già fat­ta e l’ho vin­ta, la scel­ta di man­dar­mi a Rio non sa­rà mia, quin­di... Poi ov­via­men­te vor­rei an­dar­ci e non per fa­re un gi­ro a Rio de Ja­nei­ro. Vor­rei vin­ce­re un’al­tra me­da­glia, fa­re del mio me­glio»

A me­tà mar­zo si ri­par­te, Cop­pa del Mon­do a Ci­pro. Nes­sun dub­bio sul­le sue mo­ti­va­zio­ni. «Le ho, le ho, al­tro­chè. Il ti­ro a vo­lo mi di­ver­te ed è la co­sa che vo­glio fa­re nel­la vi­ta. Me ne ren­do con­to an­co­ra di più quan­do sto un pe­rio­do sen­za spa­ra­re. Do­po l’ul­ti­ma ga­ra al­me­no un me­se di stop. Poi un as­sag­gio ogni die­ci gior­ni, tan­to per non per­de­re la con­fi­den­za. Ora so­no con­ten­ta, non ho più dub­bi e so­no fe­li­ce di aver ri­tro­va­to la vo­glia do­po due an­ni di difficoltà e di ten­sio­ni, an­che il non sa­pe­re se par­ti­rò o no»

Nes­su­na cri­si da cam­pio­nes­sa dun­que? «Non mi ha pe­sa­to. Sem­mai nel 2009 eb­bi un pe­rio­do par­ti­co­la­re. Vin­si Eu­ro­peo e Mondiale a 17 an­ni, i gior­na­li­sti, le in­ter­vi­ste, la tv. Ci mi­si un po’per ac­cet­ta­re la nuo­va real­tà. So­stan­zial­men­te non so­no cam­bia­ta, non mi so­no mon­ta­ta la te­sta, ho più con­fi­den­za per­fi­no con le te­le­ca­me­re»

La gior­na­ta del­la si­gno­ra Ros­si? «La mia gior­na­ta è sem­pli­ce. Mi piac­cio­no co­se se­re­ne, tran­quil­le. Non amo usci­re la se­ra, far tar­di, fre­quen­ta­re pub o lo­ca­li. Se fac­cio tar­di una se­ra poi è un dram­ma sve­gliar­si il mat­ti­no do­po. Mi sen­to vec­chia ma so­no fat­ta co­sì. Ab­bia­mo la no­stra ri­stret­ta cer­chia di ami­ci, mi pia­ce pas­sa­re il tem­po con lo­ro, so­no me stes­sa, li­be­ra di sfo­gar­mi. In esta­te ho sco­per­to Sky Ci­ne­ma, ci pia­ce guar­da­re i film sul di­va­no di ca­sa per­chè poi quan­do ga­reg­gio fac­cio vi­ta da va­ga­bon­da. Amo an­che la mu­si­ca, so­prat­tut­to quel­la ita­lia­na: Lau­ra Pau­si­ni, Li­ga­bue»

«Il ma­tri­mo­nio mi ha aiu­ta­to a ri­tro­va­re equi­li­brio: era quel­lo che mi ser­vi­va, mi ero tra­scu­ra­ta»

«Ho de­ci­so di re­sta­re tran­quil­la La scel­ta non sa­rà mia quin­di per­ché pen­sar­ci?» «Amo spa­ra­re Vor­rei fa­re co­me Cai­ne­ro Idem e Vez­za­li mam­me con una car­rie­ra lon­ge­va»

ANSA

Jes­si­ca Ros­si, 23 an­ni, fer­ra­re­se di Cen­to, cam­pio­nes­sa olim­pi­ca di ti­ro a vo­lo nel trap

FITAV

Jes­si­ca esul­ta sul cam­po di ti­ro

FITAV

Jes­si­ca e Mau­ro il gior­no del ma­tri­mo­nio

ANSA

Jes­si­ca Ros­si con me­da­glia al col­lo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.