BORJA VA­LE­RO «Noi pun­tia­mo al­lo scu­det­to»

«Ab­bia­mo di­mo­stra­to tut­to il no­stro va­lo­re»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Fiorentina - Di Fran­ce­sco Gen­si­ni

Ri­ge­ne­ra­to men­tal­men­te, tat­ti­ca­men­te e atle­ti­ca­men­te da Pau­lo Sou­sa co­sì da tor­na­re pro­ta­go­ni­sta co­me non lo era dal­la pri­ma sta­gio­ne a Fi­ren­ze, Borja Va­le­ro è uno dei lea­der ri­co­no­sciu­ti del­la Fio­ren­ti­na e se par­la di scu­det­to un mo­ti­vo ci sa­rà. «Noi pro­ve­re­mo a lot­ta­re per lo scu­det­to fi­no al­la fi­ne - ha di­chia­ra­to a Sky - per­ché ab­bia­mo di­mo­stra­to il no­stro va­lo­re e di non ave­re pau­ra de­gli av­ver­sa­ri quan­do in­ve­ce nes­su­no cre­de­va in noi». E il me­ri­to è an­che (tan­to) di Pau­lo Sou­sa che ha sa­pu­to tra­smet­te­re la men­ta­li­tà vin­cen­te al­la squa­dra. «L'al­le­na­to­re ci ha fat­to ca­pi­re quan­to sia de­ter­mi­nan­te ogni sin­go­la par­ti­ta e co­sì fa­cen­do ha da­to uni­tà e com­pat­tez­za al grup­po. Le sue pa­ro­le ci met­to­no i bri­vi­di». Sem­pre la Fio­ren­ti­na al cen­tro dei de­si­de­ri espres­si dall'ex Vil­lar­real nel Na­ta­le ap­pe­na tra­scor­so, con una pic­co­la de­via­zio­ne per­so­na­le che lo "uma­niz­za". «Il re­ga­lo che ho chie­sto? Di con­ti­nua­re a vin­ce­re. Ma sa­rei an­co­ra più con­ten­to se riu­scis­si a se­gna­re qual­che gol in più».

TUT­TI PRE­SEN­TI. Borja Va­le­ro e gli al­tri in­tan­to han­no svol­to una dop­pia se­du­ta tra pa­le­stra in mat­ti­na­ta (al cen­tro spor­ti­vo) e cam­po nel po­me­rig­gio (al Fran­chi): sta­vol­ta all'ap­pel­lo han­no ri­spo­sto tut­ti pre­sen­ti. Da og­gi so­no set­te gior­ni pre­ci­si al Pa­ler­mo e quin­di vie­ne in­ten­si­fi­ca­to il la­vo­ro di pre­pa­ra­zio­ne al­la ga­ra con­tro i ro­sa­ne­ro, sot­to l'oc­chio at­ten­to dei di­ri­gen­ti che non man­ca­no di far sen­ti­re la vi­ci­nan­za del­la so­cie­tà: lu­ne­dì c'era il pre­si­den­te Co­gni­gni, ie­ri c'era­no il di­ret­to­re ge­ne­ra­le Rogg e il di­ret­to­re spor­ti­vo Pra­dè. Og­gi bis e nuo­vo dop­pio al­le­na­men­to con le stes­se mo­da­li­tà.

SO­LO LI­SAN­DRO. Al­la vo­ce ac­qui­sti so­no due i pun­ti fer­mi mes­si nel pro­gram­ma da Pau­lo Sou­sa e con la Fio­ren­ti­na se­con­da in clas­si­fi­ca al­la so­sta na­ta­li­zia è dif­fi­ci­le cre­de­re che i Del­la Val­le non vo­glia­no ac­con­ten­tar­lo. Al­lo­ra: di­fen­so­re cen­tra­le con at­ti­tu­di­ne a gio­ca­re a de­stra e cen­tro­cam­pi­sta. Il tec­ni­co por­to­ghe­se non tran­si­ge sul­la rea­liz­za­zio­ne di que­sti obiet­ti­vi e il no­me che sod­di­sfa il pri­mo è or­mai no­to: Li­san­dro Lo­pez. In ci­ma al­la li­sta dei rin­for­zi, in ci­ma a tut­ti gli sfor­zi che ver­ran­no fat­ti dal­la so­cie­tà vio­la: Pra­dè e i suoi col­la­bo­ra­to­ri ci pro­ve­ran­no ogni gior­no fi­no all'ul­ti­mo pos­si­bi­le, che non è quel­lo di chiu­su­ra del mer­ca­to ma è quel­lo uti­le per di­rot­ta­re even­tual­men­te le at­ten­zio­ni su un'al­ter­na­ti­va che si po­treb­be chia­ma­re Pe­ruz­zi o Heur­taux, for­se Me­xes, ma so­no al­ter­na­ti­ve a tut­ti gli ef­fet­ti ades­so poi che la Fio­ren­ti­na può con­ta­re sull'al­lean­za del­lo stes­so Li­san­dro Lo­pez che con­si­de­ra chiusa la sua espe­rien­za al Ben­fi­ca e vuo­le l'Ita­lia.

In­tan­to dal mer­ca­to ar­ri­va­no i no­mi di Gnou­kou­ri e Ocam­pos per il cen­tro­cam­po vio­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.