Quan­do Pa­scut­ti al­le­na­va il Sas­suo­lo (in ros­so­blù)

Era il 1973-74, il club si chia­ma­va an­co­ra Sas­so­le­se, mi­li­ta­va in se­rie D e ave­va la ma­glia del...Bo­lo­gna

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Bologna - Di Lo­ren­zo Lon­ghi

BO­LO­GNA - Una ma­glia ros­so­blù a strisce verticali (con pan­ta­lon­ci­ni bian­chi) per cui ti­fa­re, es­sen­do la di­vi­sa de­gli un­di­ci uo­mi­ni in cam­po, Ezio Pa­scut­ti in pan­chi­na in qua­li­tà non so­lo di al­le­na­to­re, ma an­che di nu­me tu­te­la­re. Se non pro­prio il Bo­lo­gna, c'è senz'al­tro qual­co­sa di bo­lo­gne­se nel dna del Sas­suo­lo.

AL­TRI AN­NI. Ca­rat­te­ri, ge­ni. An­ni '70, epo­ca in cui tut­to pa­re­va pos­si­bi­le e nel­la qua­le una leg­gen­da del cal­cio ros­so­blù si tro­vò, a 36 an­ni, con il ruo­lo di tec­ni­co al­la gui­da di squa­dra che par­te­ci­pa­va al­la Se­rie D. È il 1973, il club si chia­ma Sas­so­le­se e sul pra­to ver­de in­dos­sa ca­sac­che del tut­to si­mi­li a quel­le del Bo­lo­gna, ma in un al­tro mon­do cal­ci­sti­co. Pa­scut­ti li co­no­sce en­tram­bi, quei mon­di: la A e il gran­de cal­cio per aver­ci gio­ca­to, la D per­ché da al­cu­ni an­ni al­le­na, e do­po Pe­sa­ro e Lu­go ec­co­lo al­la Sas­so­le­se dai co­lo­ri che lui ama. Sta­gio­ne 19731974, Se­rie D gi­ro­ne D, ci so­no due bo­lo­gne­si (Imo­la e San Laz­za­ro, con i no­mi di al­lo­ra) in un cam­pio­na­to vin­to dal Car­pi. Poi in esta­te - men­tre il Bo­lo­gna fe­steg­gia la vit­to­ria in Cop­pa Ita­lia - la so­cie­tà si fon­de con un al­tro club, de­no­mi­na­to Sas­suo­lo Spor­ti­va e di­ven­ta fi­nal­men­te Unio­ne Spor­ti­va Sas­suo­lo, con­fer­ma i co­lo­ri ros­so­blù e Pa­scut­ti in pan­ca. È il pri­mo an­no del­la nou­vel­la va­gue, "Pa­scott" la por­ta all'ot­ta­vo po­sto e sa­lu­ta. È sta­to il pri­mo tec­ni­co dell'Us Sas­suo­lo pro­pria­men­te det­ta.

CO­LO­RI. Pas­sa­to Pa­scut­ti, ar­ri­ve­rà (an­zi: tor­ne­rà) la ma­glia ne­ra e ver­de. Sin­go­la­re e piut­to­sto in­con­sue­to, l'ac­co­sta­men­to del­la ma­glia at­tua­le del Sas­suo­lo na­scon­de in un am­bi­to di ap­pa­ren­te nor­ma­li­tà - do­po tut­to il cal­cio che con­ta ha im­pa­ra­to a ri­co­no­sce­re nel­le strisce orizzontal­i ne­re e ver­di ap­pun­to un sim­bo­lo del club - le di­ver­se sug­ge­stio­ni cro­ma­ti­che che han­no por­ta­to ai co­lo­ri at­tua­li. Con una sto­ria di fon­da­zio­ni e fu­sio­ni plu­ri­me, le ma­glie cam­bia­ro­no spes­so: una del­le pri­me fu ros­sa e gial­la, poi ver­de con cal­con­ci­ni ne­ri, nel con­tem­po il vio­la e il ne­ro e il ros­so­blù del­le va­rie espres­sio­ni fon­da­ti­ve del Sas­suo­lo, il cui ri­tor­no suc­ces­si­vo al ne­ro­ver­de ne ha vi­ste di ogni, com­pre­se im­pro­ba­bi­li di­se­gni del­le strisce in dia­go­na­le, per­ché gli an­ni '80 non ver­ran­no cer­to ri­cor­da­ti co­me pa­ra­dig­ma di ele­gan­za nean­che sui cam­pi di cal­cio.

BER­TO­LI. Ma la Sas­so­le­se di Pa­scut­ti ave­va il ros­so­blù. E, se­gno dei tem­pi, l'in­no che og­gi è di Nek - lo ave­va scrit­to Pie­ran­ge­lo Ber­to­li. Ti­to­lo: "So­nam el Cam­pa­noun", dal dia­let­to "Suo­nia­mo il Cam­pa­no­ne", ove Cam­pa­no­ne è la cam­pa­na del­la tor­re ci­vi­ca di piaz­za Ga­ri­bal­di, sim­bo­lo del­la cit­tà. «Scen­do­no in cam­po le ma­glie ros­so­blù / la Sas­so­le­se non te­me gli av­ver­sa­ri / dai tri gol che su­nem al cam­pa­naun / dai fe gol / dai fe gol che vo­lam in se­rie C, la sas­so­le­se la sa da fer sen­tir». Ec­co: il so­gno era vo­la­re in Se­rie C, e a ri­leg­ge­re og­gi quel te­sto, con il Sas­suo­lo pri­ma squa­dra del­la re­gio­ne, fa dav­ve­ro sor­ri­de­re. O, for­se, fa im­pres­sio­ne, ma tant'è. In C poi il Sas­suo­lo ci an­dò, e sul­la pan­chi­na dei ne­ro­ver­di Pa­scut­ti vi fe­ce ri­tor­no a me­tà del­la sta­gio­ne 1986-1987 per so­sti­tui­re Ezio Galbiati e ten­ta­re di sal­va­re la ca­te­go­ria (era la C2, vi gio­ca­va an­che il Chie­vo), riu­scen­do­ci. Era il pri­mo Sas­suo­lo con sol­di ve­ri, già fo­rag­gia­to dall'ester­no da Squin­zi, il qua­le poi si al­lon­ta­nò per tor­na­re co­me pa­tron a me­tà an­ni '90. Si­no a sor­pas­sa­re il Bo­lo­gna.

Ab­bia­mo sco­per­to che le due so­cie­tà han­no mol­te co­se in co­mu­ne e l’in­no del Sas­suo­lo...

AR­CHI­VIO

Ezio Pa­scut­ti, 78 an­ni, 130 gol con il Bo­lo­gna dal ‘55 al ‘69, in una fo­to d’epo­ca

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.