EU­RO­PA NEL MI­RI­NO «Con­tro il Bayern ades­so se la gio­ca»

Da Mau­ro a Brio tut­ti d’ac­cor­do: «E’ un’al­tra Juve»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Juventus - Di Fi­lip­po Bon­si­gno­re

«Ora la Juve è di nuo­vo un rul­lo com­pres­so­re». Pa­ro­la di Ales­sio Tac­chi­nar­di, un­di­ci sta­gio­ni e 404 pre­sen­ze in bian­co­ne­ro: «For­se è l'aver man­gia­to ma­le ad ini­zio sta­gio­ne, ma mi sem­bra che la Juve sia più af­fa­ma­ta del so­li­to. Mi sem­bra la Juve di Con­te, cat­ti­va, fre­ne­ti­ca, mol­to fi­si­ca, con il san­gue ne­gli oc­chi. All'ini­zio ma­ga­ri è sta­to da­to tut­to per scon­ta­to e lo si è pa­ga­to ma quan­do vie­ni pun­to nell'or­go­glio, co­me è ac­ca­du­to quan­do le co­se non an­da­va­no be­ne, c'è la rea­zio­ne. E il se­gre­to sta nel­la so­cie­tà: al­la Juve in un am­bien­te co­stan­te­men­te af­fa­ma­to di vit­to­rie. Con­tro la La­zio ho vi­sto una cat­ti­ve­ria non co­mu­ne: l'esem­pio è Za­za». qua­li­tà pen­so che ab­bia­mo di fron­te la so­li­ta Juve, una squa­dra con gran­de per­so­na­li­tà e so­prat­tut­to con­cre­ta, che pren­de po­chi gol. E poi c'è Al­le­gri che in­fon­de se­re­ni­tà e al­za la vo­ce quan­do ser­ve. Mi sem­bra che sia tor­na­ta la Juve di sem­pre». An­che Ser­gio Brio, ora opi­nio­ni­sta Rai, sot­to­li­nea la svol­ta e pun­ta sul­la cre­sci­ta dei nuo­vi: «Per­de­re tre uo- mi­ni del ca­li­bro di Vi­dal, Pir­lo e Te­vez non è sta­to fa­ci­le. Ma la Juve ha rin­gio­va­ni­to la ro­sa ed è usci­ta dal­le dif­fi­col­tà con ca­rat­te­re, i gio­va­ni si so­no am­bien­ta­ti e so­no ma­tu­ra­ti e ora è una del­le squa­dre più in for­ma del cam­pio­na­to».

BAYERN, SI PUO'. La squa­dra di Al­le­gri ha ri­co­min­cia­to a viag­gia­re a rit­mo re­cord in cam­pio- na­to ed è in se­mi­fi­na­le di cop­pa Ita­lia. Ma lo sguar­do cor­re al­la Cham­pions Lea­gue: con una Juve co­sì il Bayern Mo­na­co può fa­re me­no pau­ra. Tac­chi­nar­di ci cre­de: «Al sor­teg­gio ho det­to 60% Bayern e 40% Juve ma mi sem­bra che nell'ul­ti­mo me­se la Juve ab­bia al­za­to l'asti­cel­la e pos­sa gio­car­se­la sen­za pau­ra, al­la pa­ri. Og­gi la squa­dra di Al­le­gri mi sem­bra più for­te men­tal­men­te dell'an­no scor­so ed è to­sta. Lo si ve­de da co­me di­fen­de: in die­ci sot­to la li­nea del­la pal­la, co­me una squa­dra di Le­ga Pro a cui ser­ve sal­var­si. E' que­sto il se­gre­to, è que­sto che fa la dif­fe­ren­za». «Sa­rà dif­fi­ci­lis­si­mo, ci vor­rà un'im­pre­sa - ag­giun­ge Brio - ma se fos­si nel Bayern non dor­mi­rei son­ni tran­quil­li, non è mai sem­pli­ce gio­ca­re con­tro la Juve. Spe­ro che la Juve fac­cia la par­ti­ta dell'an­no». Più pru­den­te Mau­ro: «Ve­do rea­li­sti­ca­men­te il Bayern fa­vo­ri­to, per bud­get e qua­li­tà del­la ro­sa. In Cham­pions Lea­gue è da an­ni che si di­mo­stra che la squa­dra che gio­ca me­glio vin­ce. E in que­sto la Juve do­vreb­be mi­glio­ra­re per­ché aven­do un cen­tro­cam­po con più quan­ti­tà che qua­li­tà, non po­trà mai espri­me­re un gio­co scin­til­lan­te. È più ro­bu­sta che tec­ni­ca e quin­di de­ve sfrut­ta­re que­ste do­ti. Quin­di mi au­gu­ro che pos­sa suc­ce­de­re la stes­sa co­sa dell'an­no scor­so quan­do ha eli­mi­na­to il Real Ma­drid».

«Se fos­si al po­sto dei ba­va­re­si non dor­mi­rei son­ni co­sì tran­quil­li...»

ANSA

Pau­lo Dy­ba­la, 22 an­ni, at­te­so pro­ta­go­ni­sta an­che in Cham­pions

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.