Ca­so Se­pang la te­le­me­tria è se­cre­ta­ta

Ip­po­li­to, pre­si­den­te FIM: «Evi­ta­re al­tre po­le­mi­che»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Olimpiadi - Di Pao­lo Sca­le­ra

La fa­mi­ge­ra­ta te­le­me­tria del­la Hon­da di Marc Mar­quez, re­la­ti­va al­lo scon­tro con Valentino Ros­si a Se­pang e che com­por­tò la ca­du­ta del pi­lo­ta spa­gno­lo non sa­rà mai re­sa pub­bli­ca. A dir­lo è sta­to il Pre­si­den­te del­la Fe­de­ra­zio­ne Mo­to­ci­cli­sti­ca In­ter­na­zio­na­le in una sor­ta di au­toin­ter­vi­sta in­via­ta ie­ri dal suo uf­fi­cio stam­pa.

«Du­ran­te que­st'an­no i me­dia han­no da­to ri­sal­to ad al­cu­ne si­tua­zio­ni dif­fi­ci­li. Ce ne può par­la­re?», si au­toin­ter­ro­ga il pre­si­den­te ve­ne­zue­la­no. «E' ve­ro ci so­no sta­ti dei mo- ren­der­li pub­bli­ci per non da­re adi­to a ul­te­rio­ri po­le­mi­che Gli obiet­ti­vi e i pia­ni FIM per il 2016 so­no chia­ri e con­ti­nue­re­mo a per­se­guir­li. So­no si­cu­ro che i cam­bia­men­ti che ap­por­te­re­mo por­te­ran­no ri­sul­ta­ti po­si­ti­vi. Il mo­to­ci­cli­smo spor­ti­vo ha mol­te di­sci­pli­ne e ci so­no mol­ti cam­pi d'azio­ne ma so­no fi­du­cio­so che i no­stri spe­cia­li­sti fa­ran­no un ot­ti­mo la­vo­ro. Po­tre­te do­man­dar­me­lo an­co­ra a fi­ne an­no!».

Fin qui le di­chia­ra­zio­ni. La de­ci­sio­ne di non ren­de­re pub­bli­che in­for­ma­zio­ni ri­guar­dan­ti un fat­to di sport che ha in­fiam­ma­to gli ani­mi nel no­vem­bre scor­so e con­ti­nua ad agi­ta­re le ti­fo­se­rie è im­por­tan­te e può es­se­re con­di­vi­sa o me­no. In li­nea di mas­si­ma, pe­rò, se­cre­ta­re del­le in­for­ma­zio­ni qua­si mai è una buo­na idea. Nell'im­ma­gi­na­rio col­let­ti­vo in­fat­ti quan­do ciò ac­ca­de è se­gno che si vuo­le na­scon­de­re qual­co­sa. Ma in que­sto (de­li­ca­to) ca­so qua­le era la ra­gion di sta­to?

Ar­ri­van­do i dati dal­la Hon­da - che ci ri­sul­ta sia­no sta­ti mon­ta­ti in sin­cro­no con le te­le­ca­me­re on­board - do­vreb­be­ro na­tu­ral­men­te of­fri­re una pro­va a di­scol­pa del­lo spa­gno­lo.Nel ca­so con­tra­rio, ma non si ve­de per­ché l'HRC avreb­be do­vu­to au­toac­cu­sar­si, o nel ca­so la te­le­me­tria non rie­sca co­mun­que a chia­ri­re la col­pe­vo­lez­za “ol­tre ogni ra­gio­ne­vo­le dub­bio”, for­se la co­sa mi­glio­re sa­reb­be sta­ta non par­lar­ne del tut­to. Ma­ga­ri, in­ve­ce, si sa­reb­be­ro po­tu­ti con­vo­ca­re en­tram­bi i pi­lo­ti per ot­te­ne­re, quan­to­me­no, una tre­gua ar­ma­ta, una stret­ta di ma­no a fa­vo­re di te­le­ca­me­re.

Già per­ché, co­me ci ha con­fer­ma­to la re­cen­te pre­sen­ta­zio­ne del­la Ya­ma­ha a Bar­cel­lo­na, Ros­si ha tutt'al­tro che sep­pel­li­to l'ascia di guer­ra, con­vin­to di es­se­re to­tal­men­te dal­la par­te del­la ra­gio­ne. Gli cre­dia­mo ov­via­men­te, ma sia­mo co­stret­ti a cre­de­re an­che a Mar­quez, fi­no a pro­va pro­va­ta. Pec­ca­to, dun­que, che sia sta­ta se­cre­ta­ta. Se l'arbitro ha sba­glia­to, va be­ne, è uma­no, ma se c'è la mo­vio­la, la pal­la o è den­tro o è fuo­ri. Que­sto ai ti­fo­si lo si de­ve.

I dati so­no sta­ti for­ni­ti dal­la Hon­da e for­se sca­gio­na­no Mar­quez. Ma co­sì re­sta­no so­lo dub­bi

Ep­pu­re Ros­si con­ti­nua ad es­se­re con­vin­to del­le sue ra­gio­ni: a chi ser­ve que­sto si­len­zio?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.