SAS­SUO­LO Ma­pei Sta­dium c’è aria d’Eu­ro­pa

Di Fran­ce­sco: «Che bel­lo gio­ca­re in uno sta­dio pie­no, Que­sto Bo­lo­gna può bat­te­re chiun­que. Bel­la sfi­da»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Sassuolo-bologna (ore 15) - Di Mas­si­mo Boc­cuc­ci

Il for­ti­no del Ma­pei Sta­dium ha bi­so­gno di ve­de­re un'al­tra vit­to­ria per­ché l'im­bat­ti­bi­li­tà ca­sa­lin­ga, che in cam­pio­na­to re­si­ste dall'ul­ti­ma scon­fit­ta del 29 apri­le 2015 con­tro la Ro­ma, ser­ve al Sas­suo­lo nuo­va lin­fa in gra­do di spo­sta­re l'ago del­la bi­lan­cia che fin qui ri­le­va 6 vit­to­rie e al­tret­tan­ti pa­reg­gi. Per que­sto Eu­se­bio Di Fran­ce­sco ca­lan­do­si nel­la sfi­da con­tro il Bo­lo­gna ha espres­so in­nan­zi­tut­to il con­cet­to for­te e chia­ro che bi­so­gna ri­tro­va­re la vit­to­ria ri­cor­dan­do­si quel­la pre­ce­den­te dell'8 no­vem­bre nell'al­tro der­by col Car­pi. Non è ti­po, l’al­le­na­to­re ne­ro­ver­de, da pian­ger­si ad­dos­so per le as­sen­ze che pu­re so­no par­ti­co­lar­men­te pe­san­ti: agli squa­li­fi­ca­ti Ma­gna­nel­li e Vr­sa­l­j­ko, van­no ag­giun­ti gli in­for­tu­na­ti Mis­si­ro­li, Flo­ro Flo­res e Ter­ra­no­va. Va mes­so nel con­to, ol­tre­tut­to, che gio­ca­re tre par­ti­te in una set­ti­ma­na non aiu­ta do­ven­do do­sa­re le ener­gie te­nen­do pur con­to del­le de­fe­zio­ni. Se la di­fe­sa non su­bi­rà stra­vol­gi­men­ti, i con­no­ta­ti del cen­tro­cam­po cam­bie­ran­no pa­rec­chio per la for­za­ta ri­nun­cia a due ti­to­la­ris­si­mi co­me Ma­gna­nel­li e Mis­si­ro­li. La me­dia ana­gra­fi­ca del re­par­to scen­de­rà pau­ro­sa­men­te se Pel­le­gri­ni e Dun­can do­vran­no ri­spon­de- re al­la chia­ma­ta. Di Fran­ce­sco sta pen­san­do al­le mi­glio­ri so­lu­zio­ni per­ché l'emer­gen­za co­strin­ge a do­ver pre­sta­re an­co­ra più at­ten­zio­ne in cer­te scel­te. Il pa­reg­gio nel re­cu­pe­ro con­tro il To­ri­no ha te­sti­mo­nia­to che nel­le dif­fi­col­tà, tan­to le­ga­te al­le as­sen­ze quan­to all'an­da­men­to del­la par­ti­ta, il grup­po non si di­su­ni­sce e il cre­scen­do del­la ri­pre­sa di­ven­ta il pun­to di ri­par­ten­za per af­fron­ta­re il Bo­lo­gna.

UN'AL­TRA STO­RIA. Non c'era Do­na­do­ni all'an­da­ta quan­do il Sas­suo­lo sban­cò il Dall'Ara dan­do se­gui­to al­la vit­to­ria sul Na­po­li. Si ca­pì pro­prio a Bo­lo­gna che que­sta squa­dra avreb­be po­tu­to sor­pren­de­re tut­ti e ren­der­si pro­ta­go­ni­sta di qual­co­sa di spe­cia­le. Quel­la pre­sta­zio­ne con il ri­sul­ta­to pie­no si ri­ve­lò la pri­ma con­fer­ma che un la­vo­ro por­ta­to avan­ti nel tem­po e par­ti­to da lon­ta­no può da­re frut­ti im­por­tan­ti e por­tar­si die­tro il van­tag­gio del pro­get­to con­so­li­da­to. Og­gi è un'al­tra sto­ria per­ché il Bo­lo­gna non è quel­lo di al­lo­ra. « E' cam­bia­to tan­to ri­spet­to al gi­ro­ne d'an­da­ta - ha sot­to­li­nea­to Di Fran­ce­sco -, so­no in gran­de con­di­zio­ne e fuo­ri ca­sa fan­no mol­to be­ne. In at­tac­co han­no gran­di qua­li­tà in­di­vi­dua­li, pos­so­no gio­car­se­la con­tro tut­ti con una for­te men­ta­li­tà. La lo­ro è una piaz­za im­por- tan­te che ha ri­tro­va­to en­tu­sia­smo, sap­pia­mo che sa­ran­no se­gui­ti da tan­tis­si­mi ti­fo­si. A me pia­ce sem­pre gio­ca­re in uno sta­dio pie­no». Il tec­ni­co non si la­men­ta per le de­fe­zio­ni, non l'ha mai fat­to e non co­min­cia sta­vol­ta la­scian­do che sia il grup­po, con tut­ti gli ef­fet­ti, a far par­la­re il cam­po e da­re le ri­spo­ste pos­si­bi­li. Non si può ne­ga­re l'im­por­tan­za dei gio­ca­to­ri co­stret­ti a guar­da­re, pe­rò tut­ti si fi­da­no e Di Fran­ce­sco per pri­mo di quan­ti sa­ran­no chia­ma­ti a ri­pa­ga­re la fi­du­cia. In que­sti tre gior­ni il Sas­suo­lo ha la­vo­ra­to più che al­tro per cu­ra­re i tem­pi di re­cu­pe­ro e met­te­re as­sie­me le ener­gie mi­glio­ri per fron­teg­gia­re la di­sa­bi- tu­di­ne a scen­de­re in cam­po a di­stan­za co­sì rav­vi­ci­na­ta.

RI­TRO­VA­RE FLOC­CA­RI. Chis­sà che ef­fet­to fa­rà al po­po­lo ne­ro­ver­de ri­tro­var­si su­bi­to Floc­ca­ri da av­ver­sa­rio. Il con­ge­do è sta­to ali­men­ta­to da qual­che fri­zio­ne di trop­po che ha in­dot­to Di Fran­ce­sco a te­ne­re fuo­ri l'at­tac­can­te or­mai de­ci­so a tra­sfe­rir­si al Bo­lo­gna. Nes­su­no na­scon­de il di­spia­ce­re per l'epi­lo­go del­la sto­ria, an­che per­ché l'at­tac­can­te ve­ni­va da tre gol pe­san­tis­si­mi se­gna­ti nel­le ul­ti­me par­ti­te che ave­va gio­ca­to. Il di­spia­ce­re sul mo­men­to c'è sta­to, ma ades­so la vi­ta va avan­ti e si ca­pi­rà se il trat­ta­men­to del­la piaz­za per Floc­ca­ri ri- sen­ti­rà dell'ad­dio un po' tur­bo­len­to. Per uno che se ne va, ec­co­ne uno che ar­ri­va vi­sto che Trot­ta è con­vo­ca­to e par­ti­rà dal­la pan­chi­na. L'al­le­na­to­re ha già vi­sto in lui una gran­de vo­glia, de­ter­mi­na­zio­ne e qua­li­tà. E' sta­to lo stes­so Di Fran­ce­sco a espri­mer­si in que­sto mo­do qua­si a vo­ler­lo scal­da­re per­ché se do­ves­se es­ser­ci bi­so­gno po­treb­be pu­re da­re una ma­no tor­nan­do uti­le al­la cau­sa. Non ver­rà mes­sa ad­dos­so a Trot­ta al­cu­na pres­sio­ne. L'at­tac­can­te, che è an­da­to a sa­lu­ta­re i suoi vec­chi com­pa­gni dell'Avel­li­no im­pe­gna­ti ie­ri a Mo­de­na, vuo­le so­lo far­si tro­va­re pron­to e mo­ti­va­tis­si­mo.

«All’an­da­ta non c’era Do­na­do­ni, ora i ros­so­blù in tra­sfer­ta crea­no tan­to en­tu­sia­smo»

Mol­te as­sen­ze tra i ne­ro­ver­di che og­gi avran­no gio­ca­to tre ga­re in una set­ti­ma­na

LAPRESSE

Do­me­ni­co Be­rar­di, 21 an­ni, all’as­sal­to del­la di­fe­sa del Bo­lo­gna

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.