«Ro­ma, ser­ve più co­rag­gio»

Spal­let­ti: Ab­bia­mo fat­to una buo­na par­ti­ta, ma sia­mo sta­ti po­co ef­fi­ca­ci in at­tac­co

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Juventus-roma 1-0 - Di Ro­ber­to Mai­da

Fi­schia Ban­ti, par­te l'in­no ju­ven­ti­no, Lu­cia­no Spal­let­ti re­sta im­mo­bi­le da­van­ti al­la pan­chi­na do­man­dan­do­si do­ve ha sba­glia­to, co­me si po­te­va fa­re di più. E' l'im­ma­gi­ne del­lo smar­ri­men­to del­la Ro­ma, che or­mai è fuo­ri dai gio­chi per lo scu­det­to vi­sta la di­stan­za in­col­ma­bi­le da Na­po­li e Ju­ven­tus. Ma che so­prat­tut­to ri­schia se­ria­men­te di com­pro­met­te­re l'Eu­ro­pa, in qua­lun­que for­ma, del­la pros­si­ma sta­gio­ne. Ave­va pro­va­to, Spal­let­ti, a re­sti­tui­re equi­li­brio e si­cu­rez­za a una squa­dra che in que­sto mo­men­to non ha mol­te gam­be e nem­me­no la te­sta giu­sta. La di­fe­sa a tre, il pal­leg­gio a cen­tro­cam­po. Ma nel ri­nun­cia­re ad ag­gre­di­re l'av­ver­sa­rio, con il ba­ri­cen­tro bas­so, è ba­sta­to un er­ro­re in usci­ta per pren­de­re gol in con­tro­pie­de. Un bef­far­do pa­ra­dos­so. RAM­MA­RI­CO. Il pa­reg­gio po­te­va pu­re star­ci, e sa­reb­be sta­to il pri­mo do­po quat­tro scon­fit­te su quat­tro al­lo Sta­dium, ma avreb­be na­sco­sto una ve­ri­tà vi­si­bi­le: non era so­lo Gar­cia il pro­ble­ma del­la Ro­ma, non po­te­va es­se­re Spal­let­ti in die­ci gior­ni a cam­bia­re la Ro­ma.

Sul­le scin­til­le Man­d­zu­kic-De Ros­si: «Lo ju­ven­ti­no ci ha pre­so in gi­ro, noi ab­bia­mo rea­gi­to»

Il nuo­vo al­le­na­to­re è de­lu­so, mol­to de­lu­so: «Mi aspet­ta­vo qual­co­sa di più. Ab­bia­mo osa­to po­co, dob­bia­mo ave­re più co­rag­gio. Con­tro cer­ti av­ver­sa­ri bi­so­gna es­se­re bra­vi a fa­re squa­dra cor­ta e a ri­bal­ta­re l'azio­ne. E poi cer­ca­re la pro­fon­di­tà.In­som­ma,bi­so­gna­mi­glio­ra­re in tut­to. Pur­trop­po il mo­ra­le è a ter­ra e di con­se­guen­za non van­no nem­me­no le gam­be. L'en­tu­sia­smo è quel­lo che fa la dif­fe­ren­za men­tre il mo­men­to ne­ga­ti­vo in­ti­mo­ri­sce, an­co­ra di più in que­st'am­bien­te».

NER­VI. Le dif­fi­col­tà si espri­mo­no an­che con i ner­vi te­si: De Ros­si che ri­vol­ge un brut­to in­sul­to a Man­d­zu­kic («Stai mu­to, zin­ga­ro di...»); Flo­ren­zi che li­ti­ga nel fi­na­le e vie­ne zit­ti­to dall'al­le­na­to­re. Spal­let­ti si schie­ra con De Ros­si e at­tac­ca l'av­ver­sa­rio: «Man­d­zu­kic ci ha pre­so in gi­ro a lun­go, noi ab­bia­mo rea­gi­to. Non si de­ve fa­re, vor­rà di­re che gli in­se­gne­rò a met­te­re la ma­no da­van­ti al­la boc­ca quan­do par­la... (sor­ri­de, ndr). Per il re­sto dob­bia­mo ri­tro­va­re la giu­sta con­di­zio­ne men­ta­le. Flo­ren­zi è un ra­gaz­zo ec­ce­zio­na­le, un cam­pio­ne che ci può da­re una ma­no. Ma ogni tan­to si per­de in at­teg­gia­men­ti vi­si­bi­li a tut­ti, pro­te­ste inu­ti­li. I cam­pio­ni que­ste co­se non le fan­no. Pe­rò è già tut­to ri­sol­to, mi ha da­to ra­gio­ne». C'è una bac­chet­ta­ta an­che per Sa­lah, al­tro so­sti­tui­to del­la se­ra­ta: «Do­po l'in­for­tu­nio non ha fat­to be­nis­si­mo... De­ve al­le­nar­si di più, per es­se­re più pron­to sul pia­no fi­si­co. In ca­so con­tra­rio i con­tra­sti non si vin­co­no». Di­fen­de in­ve­ce Dze­ko: «Dob­bia­mo sup­por­tar­lo, e io de­vo aspet­tar­lo, per­ché ci ser­ve co­me il pa­ne. E' un gio­ca­to­re fon­da­men­ta­le. Lui la squa­dra l'ha fat­ta sa­li­re, sem­mai è man­ca­to l'aiu­to dei tre­quar­ti­sti». Su Tot­ti spie­ga: «Ver­rà pre­so in con­si­de­ra­zio­ne ma ha di­mo­stra­to con­tro il Mi­lan di non es­se­re a po­sto».

PRO­GRES­SI. Guar­dan­do la clas­si­fi­ca, a Spal­let­ti scap­pa una ri­sa­ta ama­ra: «Il mio obiet­ti­vo è ri­tro­va­re il mo­ra­le del­la squa­dra, per vin­ce­re le par­ti­te. E' inu­ti­le fa­re al­tri di­scor­si. Ab­bia­mo fat­to qual­co­sa in ma­nie­ra cor­ret­ta: ho vi­sto più or­di­ne ri­spet­to al­la par­ti­ta con il Ve­ro­na. Ma è po­chi­no. Bi­so­gna au­men­ta­re il rit­mo, bi­so­gna ten­ta­re più duel­li, bi­so­gna ag­gre­di­re. Più che di­fen­de­re a tre ab­bia­mo di­fe­so a cin­que. Non va. Que­sta era una par­ti­ta mol­to im­por­tan­te per noi, la più im­por­tan­te di tut­te. E non ab­bia­mo fat­to mol­to per vin­ce­re, era­va­mo leg­gi­bi­li».

AR­RI­VI. Spal­let­ti si aspet­ta aiu­to dal mer­ca­to. «Ci ser­vo­no un di­fen­so­re cen­tra­le e due gio­ca­to­ri in at­tac­co. Due in­ten­do, se Ger­vi­n­ho va via. Ab­bia­mo bi­so­gno di gen­te che ci dia qua­li­tà da­van­ti, che sap­pia sal­ta­re l'uo­mo. Pe­rot­ti? Non è il so­lo. La­scia­mo la­vo­ra­re Sa­ba­ti­ni che sa fa­re be­ne le sue co­se».

GETTY

Lu­cia­no Spal­let­ti, 56 an­ni: un pa­ri e un ko nel­le pri­me due par­ti­te al­la gui­da del­la Ro­ma

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.