Gi­lio­li: Il Mo­de­na nel der­by de­ve sta­re at­ten­to a Ca­tel­la­ni

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Calcio - Ste­fa­no Fer­ra­ri/in­fo­press

MO­DE­NA - Se li me­ri­ta tut­ti i ri­flet­to­ri, Cris Gi­lio­li. Do­po tut­to quel­lo che ha pas­sa­to, un an­no e più di inat­ti­vi­tà a cau­sa di una se­rie im­pres­sio­nan­te di in­for­tu­ni a ca­te­na e di ri­ca­du­te, la di­sce­sa in Le­ga Pro a Cre­mo­na per gio­ca­re con­tra­sta­ta dai so­li­ti pro­ble­mi e il ri­tor­no a Mo­de­na. Per di­spu­ta­re l'an­no de­ci­si­vo, che Cris sta in­ter­pre­tan­do nel mo­do mi­glio­re: lo di­co­no le me­die-vo­to, lo di­co­no i com­pa­gni di squa­dra che lo co­pro­no di eol­gi e poi ba­sta ve­der­lo in cam­po vo­la­re sul­la de­stra e ser­vi­re as­si­st al ba­cio. Una po­si­zio­ne, pe­ral­tro, che Gi­lio­li ave­va ab­ban­do­na­to or­mai da pa­rec­chie sta­gio­ni: «Da mol­tis­si­mi an­ni io, un de­stro na­tu­ra­le, ve­ni­vo im­pie­ga­to a si­ni­stra - ri­co­no­sce l'ester­no cre­sciu­to nel Mo­de­na dei va­ri Mau­ri e Mi­la­net­to, il Mo­de­na mi­glio­re - Di­cia­mo che mi sto ria­bi­tuan­do a gio­ca­re in quel­la po­si­zio­ne: me lo ha chie­sto mi­ster Ber­go­di ed ho ac­cet­ta­to di buon gra­do».

I ri­sul­ta­ti per­so­na­li e di squa­dra si ve­do­no, tan­to che il Mo­de­na og­gi fa va­le­re le pro­prie qua­li­tà of­fen­si­ve al­me­no per un'ora buo­na, di so­li­to la pri­ma: «Con i tre tre­quar­ti­sti in cam­po al­le spal­le del­la pun­ta cen­tra­le sia­mo og­get­ti­va­men­te più pericolosi. Pri­ma, Ca­ni op­pu­re Stan­co che fos­se­ro, era­no trop­po iso­la­ti. Co­sì gio­chia­mo più pal­lo­ni con più qua­li­tà. Mol­to del me­ri­to pe­rò va ascrit­to a Clau­dio Bel­luc­ci, un gio­ca­to­re che co­me po­chi sa in­se­rir­si fra le li­nee e ci dà una gros­sa ma­no dav­ve­ro». Lo stes­so Bel­luc­ci che sa­ba­to gli ha "ce­du­to" me­tà del suo gol, il pri­mo se­gna­to con la ma­glia del Mo­de­na dal bom­ber ro­ma­no: «Lo rin­gra­zio, ma ov­via­men­te la re­te è tut­ta sua - di­ce Gi­lio­li - Ho vi­sto Si­ci­gna­no che usci­va a va­lan­ga su di me, non sa­pe­vo co­me fos­si piaz­za­to ma di cer­to Clau­dio era mes­so me­glio e gli ho pas­sa­to il pal­lo­ne. E' sta­ta una re­te im­por­tan­te so­prat­tut­to per il pun­to che ci ha per­mes­so di fa­re clas­si­fi­ca e di usci­re in­den­ni da un cam­po dif­fi­ci­le. Ed è an­che la di­mo­stra­zio­ne che ades­so il Mo­de­na crea ed è una squa­dra so­li­da».

I gial­lo­blù avran­no su­bi­to una bel­la pro­va del no­ve, cir­ca la so­li­di­tà: sa­ba­to al "Bra­glia" an­drà in sce­na il der­by con­tro il Sas­suo­lo e per Cris che vi ha gio­ca­to per quattro sta­gio­ni, i ri­cor­di si in­trec­cia­no all'at­tua­li­tà: «Per me è una pri­ma vol­ta - fa no­ta­re il di­ret­to in­te­res­sa­to - Da quan­do so­no tor­na­to a Mo­de­na, ami­che­vo­li esti­ve a par­te, con­tro il Sas­suo­lo in cam­pio­na­to non so­no mai sta­to di­spo­ni­bi­le per­ché ero sem­pre in­for­tu­na­to op­pu­re, la scor­sa pri­ma­ve­ra, gio­ca­vo a Cre­mo­na. Non sa­rà una par­ti­ta co­me tut­te le al­tre, ov­vio: sen­to spes­so i no­stri tre "ex", Ca­tel­la­ni, Bru­no e Tro­ia­no, gran­di ami­ci, e per noi sa­rà una sfi­da nel­la sfi­da. Il Mo­de­na do­vrà sta­re at­ten­to al­la lo­ro rab­bia, al­le qua­li­tà in­dub­bie e in par­ti­co­la­re a un gio­ca­to­re».

A chi? «An­drea Ca­tel­la­ni. Mi ha te­le­fo­na­to e mi ha det­to di es­se­re gua­ri­to e che sa­ba­to po­treb­be tor­na­re in cam­po pro­prio con­tro di noi. E' cre­sciu­to tan­to, tec­ni­ca­men­te e fi­si­ca­men­te, og­gi per me An­drea va­le la se­rie A. Gli ho ri­spo­sto di te­ner­si pron­to a rien­tra­re, ma­ga­ri pe­rò a Sie­na nel tur­no suc­ces­si­vo - scher­za Gi­lio­li - Co­sì, per noi il der­by sa­reb­be me­no com­pli­ca­to».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.