Va­len­ti­no una Ros­sa da do­ma­re

Ros­si po­trà pro­va­re la Du­ca­ti su­bi­to do­po l’ul­ti­mo Gp iri­da­to Gua­re­schi: «Mo­to­re più po­ten­te, ne ad­dol­ci­re­mo la gui­da»

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Moto - di Pao­lo Sca­le­ra

Il Mon­dia­le non si è an­co­ra con­clu­so ma per Ros­si è già tem­po di pen­sa­re al fu­tu­ro

La buo­na no­ti­zia li ha col­ti qua­si di sor­pre­sa. Ora­mai, in Du­ca­ti, qua­si nes­su­no spe­ra­va più che la Ya­ma­ha li­be­ras­se Va­len­ti­no Ros­si per i pri­mi te­st del 2011, all’in­do­ma­ni dell’ul­ti­mo Gran Pre­mio, a Va­len­cia, l’8 no­vem­bre. La buo­na no­ti­zia è ar­ri­va­ta, in­ve­ce, do­me­ni­ca scor­sa, a Phil­lip Island co­glien­do qua­si di sor­pre­sa lo stes­so Ros­si

«Ho par­la­to con Ma­sao Fu­ru­sa­wa (lo sho­gun del­la Ya­ma­ha, ndr.) e mi ha da­to l’ok per pro­va­re la Du­ca­ti su­bi­to do­po l’ul­ti­ma ga­ra» , ha ri­ve­la­to Va­le. E da quel mo­men­to a Bor­go Pa­ni­ga­le han­no ti­ra­to un so­spi­ro di sol­lie­vo.

«So­no mol­to fe­li­ce - ha det­to Ci­co­gna­ni, re­spon­sa­bi­le del mar­ke­ting del­la ca­sa ita­lia­na - per­ché cre­do sia un se­gno im­por­tan­te nei con­fron­ti del pi­lo­ta ita­lia­no da par­te del­la ca­sa giap­po­ne­se per quel­lo che ha fat­to in que­sti an­ni. Vo­glio rin­gra­zia­re Ya­ma­ha e so­prat­tut­to Lin Jar­vis che è sem­pre sta­to aper­to al­la di­scus­sio­ne e non è una co­sa da tut­ti. Ora la­vo­re­re­mo per chiu­de­re la sta­gio­ne e ini­zia­re la pros­si­ma già nei te­st do­po Va­len­cia». I TE­ST - Pro­prio sul­la gior­na­ta di te­st spa­gno­li, Ci­co­gna­ni ha con­clu­so: « Cre­do sia giu­sto che tut­ti i pi­lo­ti pro­vi­no una mo­to che poi ri­ve­dran­no so­lo qual­che me­se do­po a cau­sa del re­go­la­men­to. Sa­rà im­por­tan­te per tut­ti. Al mo­men­to non ab­bia­mo an­co­ra det­ta­gli par­ti­co­la­ri sul­la mo­to che pro­ve- rà Ros­si a Va­len­cia, di si­cu­ro sa­rà il pro­to­ti­po 2011, ma ci stia­mo la­vo­ran­do».

In real­tà so­no me­si, da quan­do il pas­sag­gio di Ros­si al­la Du­ca­ti è sta­to uf­fi­cia­liz­za­to, l’ago­sto scor­so, a Br­no, che a Bo­lo­gna si stan­no pre­pa­ran­do a que­sto mo­men­to ed il più coin­vol­to, ov­via­men­te è l’ex col­lau­da­to­re, og­gi team ma­na­ger, del­la Ros­sa: Vit­to­ria­no Gua­re­schi.

Co­me ex pi­lo­ta Vit­to co­no­sce per­fet­ta­men­te i pro­ble­mi che è chia­ma­to ad af­fron­ta­re un cam­pio­ne nel mo­men­to in cui la­scia una mo­to con la qua­le ha cor­so e vin­to per set­te an­ni, per sa­li­re su un’al­tra.

A que­sto li­vel­lo, in­fat­ti, più in Mo­toGP che in F.1, una mo­to­ci­clet­ta si può di­re che sia cu­ci­ta let­te­ral­men­te ad­dos­so al pi­lo­ta chia­ma­to a gui­dar­la. IN PI­STA - «Na­tu­ral­men­te ho os­ser­va­to Ros­si, dall’ester­no, in pi­sta, ma è dif­fi­ci­le in que­sto mo­do ca­pi­re di co­sa real­men­te ab­bia bi­so­gno - spie­ga Gua­re­schi - fi­no ad og­gi Va­len­ti­no ha avu­to una mo­to re­la­ti­va­men­te po­ten­te, ma agi­le e con un te­la­io mol­to sta­bi­le. La Du­ca­ti è qua­si il con­tra­rio: il mo­to­re è fra i più po­ten­ti e ne­gli ul­ti­mi tem­pi ab­bia­mo la­vo­ra­to mol­to per ad­dol­cir­ne la gui­da».

Un aiu­to, in que­sto sen­so, l’ha da­to Nic­ky Hay­den, me­no a suo agio con la pre­ce­den­te ver­sio­ne del mo­to­re, più scor­bu­ti­ca, le cui pre­sta­zio­ni so­no de­ci­sa­men­te mi­glio­ra­te que­st’an­no con l’ar­ri­vo del­la GP10.

«Or­mai non ci cre­de­va­mo più mol­to che la Ya­ma­ha li­be­ras­se Va­len­ti­no - ri­pren­de a par­la­re Vit­to­ria­no - ov­via­men­te sia­mo con­ten­ti, ma l’ab­bia­mo sa­pu­to an­che noi so­lo do­me­ni­ca scor­sa, men­tre era­va­mo in Au­stra­lia, quin­di non ci so­no an­co­ra pia­ni pre­ci­si per il te­st. Si­cu­ra­men­te avre­mo per Ros­si una ca­re­na­tu­ra di­ver­sa, un po’ più gran­de, più pro­tet­ti­va, per­ché Va­len­ti­no è più al­to e sta sul­la mo­to in mo­do di­ver­so da Sto­ner. Poi avre­mo due con­fi­gu­ra­zio­ni di mo­to­re con suc­ces­sio­ne di scop­pi di­ver­si. Si gui­da­no in mo­do di­ver­so per­ché l’ero­ga­zio­ne del­la po­ten­za è dif­fe­ren­te. Toc­che­rà a Ros­si sce­glie­re quel­lo che gli pia­ce di più, sa­rà lui ad in­di­car­ci la stra­da da se­gui­re, sem­pre te­nen­do con­to che una Du­ca­ti è una Du­ca­ti, le sue ca­rat­te­ri­sti­che so­no no­te, non pos­sia­mo ri­vol­ta­re il mon­do. Il pro­to­ti­po del­la GP11 è già pron­to ed è una evo­lu­zio­ne del­la De­smo­se­di­ci che ha vin­to do­me­ni­ca con Sto­ner a Phil­lip Island». SEN­SA­ZIO­NI - In Au­stra­lia Sto­ner è sa­li­to sul gra­di­no più al­to del po­dio, ma Nic­ky Hay­den ha per­so la vo­la­ta per il ter­zo po­sto pro­prio con­tro Va­len­ti­no. Gua­re­schi è sta­to vi­sto par­la­re con Ros­si do­po il Gran Pre­mio, gli avrà det­to per chi ha ti­fa­to?

«E’ sta­ta du­ra, vo­le­vo che Nic­ky ce la fa­ces­se ma nel con­tem­po ero con­ten­to di ve­de­re che Va­len­ti­no era co­sì in for­ma. Fi­no al­la fi­ne so­no sta­to mol­to com­bat­tu­to». Pec­ca­to che nel mo­to­ci­cli­smo non ci sia­no gli ex ae­quo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.