Gio­ia Fab­bri­ni l’oro di Em­po­li

«Qui sto be­nis­si­mo». Vi­ta­le lo blin­da: «Non par­ti­rà»

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Calcio - An­to­nio Bas­si/atc

EM­PO­LI - Giu­sto il tem­po di far fe­sta do­po il fan­ta­sti­co der­by di lu­ne­dì sera - «E’ sta­ta una gran­dis­si­ma par­ti­ta, poi vin­ce­re 3-0 con­tro una su­per squa­dra co­me il Sie­na re­ga­la so­prat­tut­to mo­ra­le e pu­re clas­si­fi­ca» - e poi di rac­con­ta­re il suo se­con­do gol sta­gio­na­le - «La pal­la è ri­ma­sta lì e d'istin­to ho cal­cia­to con for­za. Che gio­ia ve­de­re il pal­lo­ne in fon­do al­la re­te» - che per Die­go Fab­bri­ni è già tem­po di par­la­re del suo fu­tu­ro. Or­mai da tem­po in­fat­ti sul fan­ta­si­sta, uno dei tan­ti pro­dot­ti del fio­ren­te vi­va­io em­po­le­se, si è sca­te­na­to un in­te­res­se co­sì os­ses­si­vo da tra­sfor­ma­re un gio­va­not­to che ha com­piu­to vent'an­ni da po­co più di due me­si nell’og­get­to del de­si­de­rio di mez­za Ita­lia, qua­si che nes­su­no ri­cor­di co­me il suo car­tel­li­no sia già di­vi­so a me­tà fra l’Em­po­li, che lo ha cre­sciu­to e lan­cia­to, e l’Udi­ne­se, che nell’ul­ti­mo cal­cio­mer­ca­to ha al­lun­ga­to la sua ma­no per ac­ca­par­rar­se­lo. VOL­TO NUO­VO - Do­po gli ul­ti­mi en­tu­sia­sman­ti ex­ploit del ra­gaz­zi­no di San Giu­lia­no Ter­me, pri­ma con la ma­glia az­zur­ra del­la na­zio­na­le Un­der 21 e l’al­tra sera con quel­la, al­tret­tan­to az­zur­ra, dell’Em­po­li, è tut­to un rin­cor­rer­si di vo­ci sul suo fu­tu­ro, im­me­dia­to o lon­ta­no, co­me se un cal­cio ita­lia­no al­la di­spe­ra­ta ri­cer­ca di vol­ti nuo­vi e di gio­va­ni di va­lo­re non pos­sa fa­re a me­no del suo na­so cor­vi­no e del­le sue chio­me ric­cio­lu­te ol­tre che dei suoi drib­bling sem­pre spet­ta­co­la­ri e ubria­can­ti. Per for­tu­na l'az­zur­ri­no, pur ac­co­glien­do con un bel sor­ri­so le cre­scen­ti at­ten­zio­ni ed i con­ti­nui com­pli­men­ti, non ha nes­su­na vo­glia di far­si at­trar­re da fal­se chi­me- re e pro­prio nel gior­no del suo gran ri­tor­no al Ca­stel­la­ni ha un so­lo pen­sie­ro in te­sta. «Fi­nal­men­te so­no tor­na­to a ca­sa, di fron­te ai no­stri ama­tis­si­mi ti­fo­si - con­fes­sa il ba­by - per­ché fra gli im­pe­gni del­la Na­zio­na­le e un pic­co­lo in­for­tu­nio non è che fi­no ad og­gi ab­bia gio­ca­to poi mol­to con i miei ve­ri com­pa­gni, in pra­ti­ca sol­tan­to quattro vol­te, der­by com­pre­so» . BLIN­DA­TO - Ma con que­ste sem­pre più in­si­sten­ti vo­ci di mer­ca­to co­me la met­tia­mo? E' ad­di­rit­tu­ra pos­si­bi­le che già a gen­na­io si muo­va qual­co­sa? «L’ho det­to e lo ri­pe­to una vol­ta an­co­ra - ri­bat­te Die­go Fab­bri­ni - io a Em­po­li sto d’in­can­to e ho sol­tan­to una gran vo­glia di far be­ne per que­sti co­lo­ri. Se poi le due so­cie­tà pro­prie­ta­rie del mio car­tel­li­no do­ves­se­ro de­ci­de­re di­ver­sa­men­te, non sa­rò cer­to io a ti­rar­mi in­die­tro. An­che per­ché non toc­ca a me pen­sa­re a que­ste co­se, per cui è chia­ro che per­so­nal­men­te mi at­ter­rò a quel che per­so­ne bra­ve e com­pe­ten­ti vor­ran­no de­ci­de­re» . E sem­mai ce ne fos­se sta­to bi­so­gno gli even­tua­li dub­bi sul de­sti­no dell'az­zur­ri­no ven­go­no su­bi­to fu­ga­ti dal di­ret­to­re ge­ne­ra­le az­zur­ro Pi­no Vi­ta­le che, a pre­ci­sa do­man­da, ri­bat­te fer­mo e se­re­no: «Fi­no al 30 giu­gno dell'an­no pros­si­mo il ra­gaz­zo gio­che­rà nell'Em­po­li. Ab­bia­mo trop­po bi­so­gno del­le sue gran­di qua­li­tà, co­sì per nes­su­na ra­gio­ne al mon­do ri­nun­ce­rem­mo all'ap­por­to di quel­lo che con­si­de­ro da tem­po il mi­glior gio­ca­to­re clas­se ’90 che og­gi ci sia in Ita­lia» . Di­scor­so chiu­so dun­que.

Die­go Fab­bri­ni, 20 an­ni, in gol con­tro il Sie­na

UN GRAN­DE FU­TU­RO DA­VAN­TI

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.