Ca­pi­tan Mon­to­li­vo «Non mi ope­ro pen­so a Fi­ren­ze»

Mon­to­li­vo: cor­re per es­ser­ci sa­ba­to, non si fa ope­ra­re per­ché non è ora «Pau­ra? No. Da que­sta si­tua­zio­ne dob­bia­mo usci­re noi, il grup­po in­te­ro» 2012 198 20

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Front Page - RIALTI

«Ol'an­no di sca­den­za del con­trat­to di Mon­to­li­vo con la Fio­ren­ti­na che a bre­ve sa­rà di nuo­vo og­get­to di di­scus­sio­ne tra le due par­ti. In bal­lo c'è il rin­no­vo su ba­se quin­quen­na­le pe­rar­mi? Non ora, ora non ce n’è bi­so­gno e poi la squa­dra pas­sa un mo­men­to dif­fi­ci­le, di emer­gen­za...». Se mar­te­dì era­no sta­ti i ti­fo­si, tut­ti, a di­re le pa­ro­le giu­ste («Tut­ti al Fran­chi per so­ste­ne­re la squa­dra») ie­ri è sta­to Ric­car­do Mon­to­li­vo, il ca­pi­ta­no, il pri­mo pun­to di ri­fe­ri­men­to a di­re quel­lo che Mi­ha­j­lo­vic e non so­lo lui spe­ra­va­no di sen­tir di­re. C’è una ve­ri­tà che per ades­so ha fat­to ca­po­li­no di­sot­ter­ran­do­si ogni tan­to: Ric­car­do gio­ca li­mi­ta­to nel­le sue pos­si­bi­li­tà. Il do­lo­re è un tar­lo che ti en­tra nel cer­vel­lo e non ti dà pa­ce. Ma lui si sen­te ca­pi­ta­no e non vuol la­scia­re dub­bi. Da og­gi fi­no a sa­ba­to mat­ti­na fa­rà di tut­to per es­ser­ci, per di­re al­la cit­tà: «Uni­ti ce la pos­sia­mo fa­re». E’ quel­lo che ci vuo­le, poi più avan­ti si par­le­rà le par­ti­te con la ma­glia del­la Fio­ren­ti­na per il ca­pi­ta­no, al­la sua se­sta sta­gio­ne in vio­la, co­sì sud­di­vi­se: 165 in cam­pio­na­to (11 i gol), 28 tra Cham­pions Lea­gue e Ue­fa (2 gol) e 5 in Cop­pa Ita­lia an­che del­la ne­ces­si­tà o me­no di fa­re l’in­ter­ven­to. «Ora no, ora non vo­glio». Ric­car­do sen­te il pe­so del­la squa­dra, ne sen­te il pe­so e l’or­go­glio e non si sot­trae. Lui e il suo grup­po, tut­to, dai ra­gaz­zi­ni ai cam­pio­ni co­me Mu­tu («Adrian non si tie­ne più, per lui è il mo­men­to più dif­fi­ci­le, vuol gio­ca­re su­bi­to. E lui è dav­ve­ro im­por­tan­te ma non può es­se­re il sal­va­to­re del­la pa­tria») vo­glio­no ri­scat­tar­si. «Da que­sta si­tua­zio­ne dob­bia­mo usci­re noi, il grup­po in­te­ro». E’ il ca­pi­ta­no di que­sta squa­dra che rac­con­ta for­te den­tro, co­me aves­se un’ani­ma d’ac­cia­io, quin­di non si può chia­ma­re fuo­ri, si sen­ti­reb­be un di­ser­to­re. Pe­rò de­ve ascol­ta­re ogni se­gna­le per es­se­re si­cu­ro di ri­sul­ta­re uti­le e non un pe­so.

Mon­to­li­vo, co­me va la ca­vi­glia? «Sto me­glio, ma an­co­ra non so­no al cen­to per cen­to. Una co­sa è cer­ta: fa­rò di tut­to per es­se­re con­vo­ca­bi­le per sa­ba­to. Se do­ves­se es­ser­ci qual­che ri­schio? E’ una de­ci­sio­ne de­li­ca­ta, va­lu­te­rò, ma so­no ot­ti­mi­sta. Per­cen­tua­li non ne do, co­mun­que gior­no do­po gior­no ca­pi­rò qual è la so­lu­zio­ne mi­glio­re».

La squa­dra ha pau­ra con­si­de­ra­ta la po­si­zio­ne di clas­si­fi­ca?

«Pau­ra no. Do­po la ga­ra di Ge­no­va i ra­gaz­zi era­no ram­ma­ri­ca­ti, de­lu­si, fi­no a die­ci mi­nu­ti dal­la fi­ne era­va­mo nel­la par­te si­ni­stra del­la clas­si­fi­ca. Que­sto di­ce tut­to di co­me fun­zio­na que­sta sta­gio­ne». Pe­rò sa­ba­to... «Sa­ba­to è trop­po im­por­tan­te. Il Ba­ri ci creò pro­ble­mi an­che l’an­no scor­so, è una buo­na squa­dra ma noi dob­bia­mo vin­ce­re, gio­ca­re be­ne e vin­ce­re».

E’ l’an­no in cui do­ve­te pen­sa­re ad ar­ri­va­re pri­ma pos­si­bi­le a quo- il gior­no di giu­gno di Ita­lia-Nuo­va Ze­lan­da ai Mon­dia­li 2010: il gior­no in cui so­no co­min­cia­ti i pro­ble­mi al­la ca­vi­glia per Mon­to­li­vo do­po uno scon­tro di gio­co con un av­ver­sa­rio del­la Na­zio­na­le ocea­ni­ca ta qua­ran­ta per sal­var­vi o sie­te da quin­to-se­sto po­sto?

«In con­di­zio­ni nor­ma­li, con la ro­sa al com­ple­to, sia­mo una squa­dra for­te che può pun­ta­re dav­ve­ro a en­tra­re fra le pri­me sei, ma ades­so sia­mo in emer­gen­za e quin­di non sia­mo al top e dob­bia­mo la­vo­ra­re con­sa­pe­vo­li del mo­men­to dif­fi­ci­le».

Ma è da mar­zo che le co­se non fun­zio­na­no.

«Mo­men­ti di­ver­si. Al­lo­ra pa­gam­mo l’usci­ta dal­la Cham­pions, ora ma­ga­ri il cam­bio ge­ne­ra­le». An­che del­la pre­pa­ra­zio­ne? «No, per­ché il nuo­vo staff di Mi­ha­j­lo­vic la­vo­ra in stret­to rap­por­to con lo staff di Pran­del­li». Di co­sa ave­te bi­so­gno? «In­tan­to con­tia­mo su noi stes­si, sul­la so­li­di­tà del no­stro grup­po. Poi, ab­bia­mo un al­le­na­to­re for­te che ha per in­te­ro la no­stra fi­du­cia e con il qua­le c’è fee­ling, una gran­de so­cie­tà (con An­drea Del­la Val­le mi sen­to di con­ti­nuo) e i no­stri for­mi­da­bi­li ti­fo­si che non ci la­scia­no mai so­li».

Che a Ge­no­va pe­rò non ave­te sa­lu­ta­to (col­pa dei fi­schi con la La­zio) e lo­ro in­ve­ce con­ti­nua­no a star­vi vi­ci­no...

«Vi as­si­cu­ro che non suc­ce­de­rà più, i ti­fo­si me­ri­ta­no sem­pre un sa­lu­to an­che quan­do sia­mo in tra­sfer­ta, an­zi an­co­ra di più». Dun­que il pro­ble­ma è sta­to quel­lo dei trop­pi in­for­tu­ni?

«Non sia­mo sta­ti for­tu­na­ti ed è al­to il fat­to­re ca­sua­li­tà, ma non cer­chia­mo ali­bi, cer­to che Mi­ha­j­lo­vic la squa­dra al com­ple­to non l’ha mai avu­ta».

Con­ti­nua­no le vo­ci sul suo fu­tu- ro: ora do­po l’In­ter e il Mi­lan, stan­no cre­scen­do le vo­ci che la vo­glio­no al­la Ju­ven­tus.

«Vo­ci, an­co­ra so­lo vo­ci. Ma non c’è as­so­lu­ta­men­te nien­te. Vo­ci che non so­no uti­li a nes­su­no. La mia po­si­zio­ne la sa­pe­te: ora so­lo Fio­ren­ti­na, poi ver­rà il mo­men­to di par­la­re con il pre­si­den­te An­drea Del­la Val­le». In­tan­to sta tor­nan­do Mu­tu. «Che sa­rà il no­stro va­lo­re ag­giun­to. La­vo­ra so­do, la­vo­ra il dop­pio di noi per far­ce­la con il Ca­ta­nia ma non dia­mo­gli tut­to il pe­so ad­dos­so».

Ma lei sa di ave­re una gran­de re­spon­sa­bi­li­tà spe­cial­men­te ades­so che man­ca­no tan­ti gio­ca­to­ri im­por­tan­ti?

«E vo­glio pren­der­me­la la re­spon­sa­bi­li­tà di que­sta Fio­ren­ti­na, con l’esem­pio e con il la­vo­ro, per­ché è giu­sto, per­ché è so­lo co­sì che uno può dav­ve­ro di­re di es­se­re il ca­pi­ta­no, di es­se­re un lea­der. Sì, que­sta re­spon­sa­bi­li­tà la sen­to mia».

Ric­car­do Mon­to­li­vo, 25 an­ni, ca­pi­ta­no vio­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.