Bu­scè: La sfi­da di do­me­ni­ca non si tra­sfor­mi in ul­ti­mo esa­me do­po la ba­to­sta di Pa­ler­mo

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Calcio - c. ben.

BO­LO­GNA - Cin­quan­ta­due gior­ni fer­mo ai box per un gua­io mu­sco­la­re e una ri­ca­du­ta, poi riec­co­lo nel­la do­me­ni­ca di­spa­ri di Pa­ler­mo. E ora co­sa suc­ce­de­rà? An­to­nio Bu­scè tro­ve­rà spa­zio dal pri­mo mi­nu­to o so­lo a gio­chi av­via­ti? «Ma­le­sa­ni pro­va sem­pre tan­to e tan­ti nel cor­so del­la set­ti­ma­na, è fat­to co­sì, ri­cor­do che all’Em­po­li non ri­ve­la­va i ti­to­la­ri nean­che al­la vi­gi­lia, vo­len­do te­ne­re tut­ti sul­la cor­da». Bu­scè con­ta di es­ser­ci da su­bi­to con­tro la Ju­ven­tus, è fa­ci­le in­tuir­lo, an­che se si guar­da be­ne dal con­fes­sar­lo. «Sto be­ne, de­vo so­lo la­vo­ra­re du­ra­men­te e con in­ten­si­tà per ri­tro­va­re i giu­sti rit­mi del­la par­ti­ta». No, non si ti­re­reb­be in­die­tro nel ca­so in cui Ma­le­sa­ni gli des­se una ma­glia, è po­co ma si­cu­ro. «Mi so­no sem­pre mes­so in gio­co, è il mio mo­do di vi­ve­re il cal­cio. Ec­co, for­se il fat­to di con­qui­star­mi il po­sto in squa­dra par­ti­ta do­po par­ti­ta è sta­ta la mia for­tu­na». Nel cam­pio­na­to pas­sa­to di­ven­ne im­por­tan­te da gen­na­io in poi, cor­ren­do e rin­cor­ren­do sul­la fa­scia de­stra sep­pe ga­ran­ti­re equi­li­brio in tut­te e due le fa­si del gio­co, quel­la at­ti­va e quel­la pas­si­va. Sen­za di­men­ti­ca­re al­tri due par­ti­co­la­ri non di si­cu­ro tra­scu­ra­bi­li. Il pri­mo: Bu­scè è uno che da sem­pre ha il gol ad­dos­so, bra­vo com’è a but­tar­si den­tro sen­za pal­la, so­prat­tut­to sul se­con­do pa­lo. Poi il se­con­do: con il suo ar­ri­vo re­ga­lò si­cu­rez­ze an­che ad An­drea Rag­gi, che guar­da ca­so co­struì una sta­gio­ne estre­ma­men­te po­si­ti­va. UMILTA’ E SAL­VEZ­ZA - C’è la Ju­ve, Bo­lo­gna non sta nel­la pel­le, ma pri­ma di par­la­re di quel­lo che sa­rà è giu­sto tor­na­re un at­ti­mo su quel­lo che è sta­to do­me­ni­ca pas­sa­ta a Pa­ler­mo, do­ve il Bo­lo­gna ha sba­glia­to di tut­to e di più. «Una gior­na­ta ne­ga­ti­va può star­ci, l’im­por­tan­te è che ri­man­ga un epi­so­dio, so­lo un in­ci­den­te di per­cor­so. Ca­so mai va fat­to un al­tro di­scor­so: quan­do ci si im­bat­te in una do­me­ni­ca stor­ta è con­si­glia­bi­le ri­co­min­cia­re con tran­quil­li­tà e po­si­ti­vi­tà, cer- can­do di di­men­ti­ca­re quel­lo che è suc­ces­so, do­po aver cor­ret­to quel­li che so­no sta­ti i no­stri er­ro­ri, per evi­ta­re che non si ri­pe­ta­no. Cer­to, di col­po la no­stra clas­si­fi­ca è peg­gio­ra­ta, ma il cam­pio­na­to è lun­go e per noi l’im­por­tan­te è rag­giun­ge­re la sal­vez­za con cal­ma e umil­tà». Se è un van­tag­gio o uno svan­tag­gio il fat­to che Bo­lo­gna non crei mai trop­pe ten­sio­ni e pres­sio­ni at­tor­no al Bo­lo­gna? Su que­sto fron­te Bu­scè non ha dub­bi. «A Bo­lo­gna si la­vo­ra con gran­de se­rie­tà e si può la­vo­ra­re se­re­na­men­te, ed è un fat­to­re po­si­ti­vo». NIEN­TE STRESS - Par­la con l’espe­rien­za di chi ne ha vi­ste di cot­te e di cru­de in tut­ti que­sti an­ni, i gio­va­ni fa­ran­no be­ne a driz­za­re le an­ten­ne. «C’è la Ju­ven­tus, avre­mo ad­dos­so gli oc­chi di tan­ta gen­te e di fron­te una squa­dra con gran­di gio­ca­to­ri che nel­le ul­ti­me do­me­ni­che han­no tro­va­to la qua­dra­tu­ra del cer­chio. Ec­co, l’im­por­tan­te è che per il Bo­lo­gna que­sta par­ti­ta non di­ven­ti l’esa­me del do­po Pa­ler­mo, per­ché nel ca­so in cui ciò ac­ca­des­se ri­schie­rem­mo di per­de­re la ne­ces­sa­ria lu­ci­di­tà. Sì, se ci ca­ri­cas­si­mo di stress po­trem­mo poi com­met­te­re er­ro­ri che van­no a tut­ti i co­sti evi­ta­ti». Co­me va af­fron­ta­ta al­lo­ra la Ju­ven­tus? «Do­vre­mo vi­ver­la co­me tut­te le al­tre par­ti­te, è evi­den­te con qual­che at­ten­zio­ne in più. Il Bo­lo­gna do­vrà tor­na­re a es­se­re com­pat­to, equi­li­bra­to, do­vrà es­se­re squa­dra co­me lo è sta­to fi­no al­la par­ti­ta con­tro la Samp­do­ria». E se ciò ac­ca­drà, il Bo­lo­gna po­treb­be an­che re­ga­lar­si una do­me­ni­ca fe­li­ce. «Ab­bia­mo vo­glia di ri­scat­tar­ci, fa­re­mo l’im­pos­si­bi­le per por­ta­re a ca­sa un ri­sul­ta­to po­si­ti­vo, e cre­de­te­mi, il Bo­lo­gna ne è ca­pa­ce». Se Bu­scé ha un pen­sie­ro da of­fri­re su quel­le che so­no le at­tua­li dif­fi­col­tà del­la so­cie­tà? Sì, ec­co­lo: «Dob­bia­mo pen­sa­re so­lo a gio­ca­re, a cia­scu­no il suo com­pi­to, a fi­ne an­no poi si ti­re­ran­no le som­me».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.