Ma­ri­no: Io non im­prov­vi­so

Sa­rà an­co­ra 4-3-3. Gio­vin­co c’è ma non al cen­to per cen­to: par­ti­rà dal­la pan­chi­na

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Calcio - Pao­lo Gros­si/ass

AU­TO­STI­MA - Ie­ri Pa­squa­le Ma­ri­no ha di­mo­stra­to di ave­re ben chia­ra la de­li­ca­tez­za di que­sta vi­gi­lia: «Lo­ro han­no bi­so­gno di pun­ti e cer­che­ran­no di vin­ce­re, co­me è giu­sto che sia. Ma mi aspet­to una gran­de par­ti­ta da par­te del Par­ma. Ve­do i ra­gaz­zi mo­ti­va­ti. Se de­vo es­se­re sin­ce­ro, la pre­sta­zio­ne di Ce­se­na ci ha da­to qual­co­sa in più in ter­mi­ni di au­to­sti­ma. Do­me­ni­ca, no­no­stan­te il ri­sul­ta­to, che non è sta­to pie­no, si so­no vi­sti dei pas­si in avan­ti, sia co­me gio­co che co­me men­ta­li­tà». Sul pia­no tat­ti­co è sta­ta una set­ti­ma­na di pro­ve, an­che se al­la fi­ne, al­me­no all'ini­zio, il Par­ma do­vreb­be si­ste­mar­si con il 4-3-3: «Noi non im­prov­vi­sia­mo. Pro­via­mo tan­to e poi cer­chia­mo di va­lu­ta­re qua­le si­ste­ma di gio­co, in ba­se al­la con­di­zio­ne dei gio­ca­to­ri, at­tec­chi­sce di più sul­la squa­dra. Cer­ca­re, in­som­ma, con qua­le si­ste­ma si tro­va­no me­glio, per cer­ca­re di sfrut­ta­re le qua­li­tà dei sin­go­li gio­ca­to­ri» UN PO’ DI GIO­VIN­CO - Do­po un me­se di stop è sta­to con­vo­ca­to Gio­vin­co ma, spie­ga il tec­ni­co, «non è an­co- PAR­MA - La Ro­ma al Tar­di­ni a ora di pran­zo non è for­se l'av­ver­sa­ria idea­le per il so­spi­ra­to ri­lan­cio del Par­ma, sci­vo­la­to, tra pa­reg­gi e scon­fit­te, al pe­nul­ti­mo po­sto in clas­si­fi­ca. E' ve­ro che in que­sto mo­men­to an­che la trup­pa di Ra­nie­ri ha i suoi bei pro­ble­mi, den­tro e fuo­ri dal cam­po, ma quel­la gial­lo­ros­sa è an­che la squa­dra che, ne­gli ul­ti­mi die­ci an­ni, più spes­so è ve­nu­ta a ma­ra­mal­deg­gia­re a Par­ma. Al pun­to che il com­pu­to dei pre­ce­den­ti al Tar­di­ni re­gi­stra, com­ples­si­va­men­te, set­te vit­to­rie cro­cia­te, 5 pa­reg­gi e ben no­ve suc­ces­si del­la Ro­ma. ra al 100%, Se­ba­stian ha fat­to il pri­mo al­le­na­men­to gio­ve­dì. La co­sa più im­por­tan­te, co­mun­que, è che stia be­ne fi­si­ca­men­te. Ades­so gli man­ca qual­co­sa nel­la cor­sa, in­som­ma non può te­ne­re i 90'». Le ma­ga­gne emer­se in fa­se of­fen­si­va nel­la pri­ma par­te del­la sta­gio­ne so­no sta­te rias­sun­te da Cre­spo gio­ve­dì: «An­dia­mo mol­to al cross ma non riu­scia­mo a por­ta­re più ele­men­ti in area» .Una so­lu­zio­ne po­treb­be es­se­re pas­sa­re al 4-2-3-1, già pro­va­to, con esi­ti as­sai ne­ga­ti­vi, con­tro il Mi­lan. Ov­vio che un cam­bio di si­ste­ma do­vreb­be es­se­re sup­por­ta­to co­mun­que da un at­teg­gia­men­to pro­po­si­ti­vo e non dal­la vo­lon­tà at­ten­di­sti­ca che ave­va se­gna­to il pri­mo tem­po con­tro i rossoneri. Ec­co al­lo­ra che Gio­vin­co, quan­do sa­rà pron­to, schie­ra­to die­tro la pun­ta, po­treb­be ri­sul­ta­re as­sai le­ta­le per gli av­ver­sa­ri, che ci pen­se­reb­be­ro due vol­te pri­ma di far­gli, in zo­ne pe­ri­co­lo­se, quel­la mi­ria­de di fal­li con cui l'han­no in­ve­ce tar­tas­sa­to, ad esem­pio, Ca­ta­nia e Lec­ce che han­no po­tu­to fron­teg­giar­lo sull'out de­stro. In quel­la po­si­zio­ne Gio­vin­co po­treb­be far va­le­re il suo bel ti­ro sia su azio­ne che su cal­cio piaz­za­to, ma an­che dia­lo­ga­re nel­lo stret­to con il cen­tra­van­ti, che ha spes­so sof­fer­to di so­li­tu­di­ne in que­ste pri­me usci­te. MO­DU­LI - Non si trat­te­reb­be di una re­tro­mar­cia per­ché an­che il 4-2-3-1 o 4-4-1-1 che dir si vo­glia, può es­se­re in­ner­va­to con le bel­le idee di Ma­ri­no, dal­la co­stru­zio­ne bas­sa del gio­co, al­la cir­co­la­zio­ne ve­lo­ce del­la pal­la per vi­va­ciz­za­re un pos­ses­so pre­va­len­te. In­som­ma, a vol­te ten­tar non nuoce.

UN PO’ DI LU­CE

Se­ba­stian Gio­vin­co, 23 an­ni, è sta­to con­vo­ca­to do­po un me­se di stop: non ha an­co­ra i 90’ nel­le gam­be, po­treb­be su­ben­tra­re a ga­ra in cor­so

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.