«Pi­sa, il sal­to di qua­li­tà»

Cuo­ghi: Af­fron­tia­mo una squa­dra co­strui­ta per vin­ce­re il cam­pio­na­to

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Calcio - di Al­do Gag­gi­ni

PI­SA - «Non lo sco­pro cer­to io. Il Be­ne­ven­to è un'ot­ti­ma squa­dra, co­strui­ta per vin­ce­re con ester­ni for­tis­si­mi - D'An­na, Pin­to­ri, La Ca­me­ra, Joel­son e Zi­to so­no un lus­so per la ca­te­go­ria co­sì co­me Cle­men­te - ma com­ple­ta in tut­ti i re­par­ti. L'af­fron­te­re­mo con la con­sa­pe­vo­lez­za di star be­ne e di es­se­re in crescita».

Ste­fa­no Cuo­ghi si coc­co­la i pro­gres­si del suo Pi­sa im­bat­tu­to da cin­que gior­na­te e pro­va ad al­za­re l'asti­cel­la del­le am­bi­zio­ni: «Que­st'in­con­tro de­ve far­ci ca­pi­re a che pun­to sia­mo ar­ri­va­ti, cioè se sia­mo pron­ti a gio­car­ce­la al­la pa­ri con le co­raz­za­te del cam­pio­na­to, op­pu­re se dob­bia­mo la­vo­ra­re an­co­ra mol­to» . Più espli­ci­to: «Il Be­ne­ven­to ci di­rà se sia­mo pron­ti per lot­ta­re per le pri­me set­te o ot­to po­si­zio­ni: la no­stra con­di­zio­ne è buo­na sia sot­to l'aspet­to fi­si­co che men­ta­le e qua­si tut­ta la ro­sa è sul­lo stes­so li­vel­lo, ma que­sto non ba­sta. Ora sia­mo chia­ma­ti a fa­re scel­te in ma­nie­ra di­ver­sa, ma­ga­ri con esclu­sio­ni ec­cel­len­ti, ma sen­za de­flet­te­re dall'ob­bli­go di met­te­re in cam­po una squa­dra che sia equi­li­bra­ta per­ché nel cal­cio ci so­no due fa­si e non ci si può per­met­te­re di far­ne una sol­tan­to».

Il pie­no re­cu­pe­ro di Amo­ro­so di­schiu­de la pos­si­bi­li­tà di ve­de­re all'ope­ra un Pi­sa di­ver­so sot­to il pro­fi­lo tat­ti­co an­che se Cuo­ghi non si sbi­lan­cia più di tan­to: «Due pun­te più il tre­quar­ti­sta? Po­trem­mo per­met­ter­ce­lo per­ché ab­bia­mo pun­te mol­to ge­ne­ro­se che col­la­bo­ra­no an­che nel­le fa­si di non pos­ses­so e poi Amo­ro­so è un cen­tro­cam­pi­sta che cor­re e che con­tra­sta, so­no qua­li­tà che ha sem­pre avu­to. Nell'ul­ti­mo te­st sul­la pal­la è cre­sciu­to al­la di­stan­za, vuol di­re che sta be­ne. Po­treb­be par­ti­re fin dal pri­mo mi­nu­to, ma de­vo va­lu­ta­re un po' tut­to». OC­CHIO A CLE­MEN­TE - In­tel­li­gen­za ed equi­li­brio, squa­dra cor­ta e ma­no­vra con pal­la a ter­ra co­me pun­to di par­ten­za. «Il Be­ne­ven­to - ri­pren­de Cuo­ghi - è una squa­dra che su­bi­sce po­chis­si­mo e non bi­so­gna con­ce­der­gli spa­zi per­ché poi po­trem­mo pen­tir­ce­ne ama­ra­men­te. E' con­sa­pe­vo­le del­le pro­prie po­ten­zia­li­tà, è un com­ples­so qua­dra­to che sa di po­ter col­pi­re in qual­sia­si mo­men­to. Van­no evi­ta­ti gli er­ro­ri di Luc­ca quan­do nel se­con­do tem­po le pun­te han­no smes­so di pres­sa­re e i cen­tro­cam­pi­sti si so­no ab­bas­sa­ti trop­po. Il lo­ro pun­to di for­za? E' Cle­men­te che fa gi­ra­re tut­ta la squa­dra, è bra­vo sia sot­to l'aspet­to tec­ni­co che tat­ti­co. Noi do­vre­mo es­se­re abili ad ab­bas­sa­re il cen­tra­le di cen­tro­cam­po in cer­te fa­si del­la par­ti­ta e mar­car­lo con un di­fen­so­re quan­do at­tac­ca» . Par­ti­ta di dif­fi­ci­le let­tu­ra? «Bi­so­gna aver la for­za di af­fron­tar­lo e di at­tac­car­lo. Con una buo­na or­ga­niz­za­zio­ne si può vin­ce­re: il Be­ne­ven­to non è il Real Ma­drid o il Bar­cel­lo­na o per re­sta­re in Ita­lia, l'In­ter o il Mi­lan an­che se re­sta un'ot­ti­ma squa­dra».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.