Alon­so va al­la psi­co­guer­ra

Non so­lo gui­da e tec­ni­ca: lo spa­gno­lo met­te in pra­ti­ca gli in­se­gna­men­ti di Schu­ma­cher

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Formula 1 - Dall’in­via­to

La Fer­ra­ri di Fer­nan­do Alon­so, 29 an­ni, sfrec­cia sul­la nuo­va pi­sta ri­ca­va­ta tra le col­li­ne del­la pro­vin­cia co­rea­na di Yeon­gam MOKPO - Fer­nan­do Alon­so non pro­iet­te­rà mai l’au­ra ros­sa di pu­ro sen­so di su­pe­rio­ri­tà che spar­ge­va ti­mo­re re­ve­ren­zia­le tra gli av­ver­sa­ri di Mi­chael Schu­ma­cher. Non è nel suo sti­le. Gli pia­ce su­sci­ta­re am­mi­ra­zio­ne più che in­quie­tu­di­ne, gli pia­ce es­se­re ap­prez­za­to più che te­ne­re gli al­tri al­la lar­ga. Ma ha ca­pi­to l’im­por­tan­za di in­flig­ge­re pres­sio­ne psi­co­lo­gi­ca ai ri­va­li nel­le par­ti­te dif­fi­ci­li. L’ha ap­pre­sa da Schu­ma­cher, in­sie­me con al­cu­ne tec­ni­che di ba­se in ma­te­ria.

Se mai c’è sta­ta una par­ti­ta dif­fi­ci­le, è que­sta. Nel 2005 e nel 2006 Alon­so ha con­qui­sta­to il ti­to­lo con la Re­nault bat­ten­do­si con­tro un av­ver­sa­rio al­la vol­ta, ri­spet­ti­va­men­te Raik­ko­nen e l’or­mai vec­chio Kai­ser. Ades­so è nel­la mor­sa di Web­ber e Vet­tel; e av­ver­te al­le spal­le la pre­sen­za rab­bio­sa di Ha­mil­ton e But­ton.

CA­PRIC­CIO­SO - Ba­sta nien­te per vin­ce­re o per­de- re que­sto cam­pio­na­to. Alon­so sta gio­can­do tut­te le car­te che ha in ma­no o che pe­sca lun­go il cam­mi­no. Non sca­ri­ca su­gli av­ver­sa­ri un’ari­sto­cra­ti­ca aria di su­pe­rio­ri­tà. La la­scia tra­pe­la­re in ap­pa­ren­za di­strat­ta­men­te, co­me die­tro una ten­da mos­sa dal ven­to. Schu­ma­cher a suo tem­po lo trat­ta­va co­me un ra­gaz­zi­no ca­pric­cio­so, scuo­ten­do la te­sta. Lui in que­sti gior­ni re­ci­ta il ruo­lo dell’adul­to pre­ci­pi­ta­to in mez­zo a un’iso­la abi­ta­ta da bam­bi­ni. So­lo a Web­ber con­ce­de una con­fi­den­za pa­ri­ta­ria e pri­ma del­le qua­li­fi­ca­zio­ni di que­sta mat­ti­na lo de­gna­va di un’iro­nia non­cu­ran­te: «Lo co­no­scia­mo Mark, no? Se il ve­ner­dì è len­to poi il sa­ba­to va for­te. Se il ve­ner­dì è ve­lo­ce, è ve­lo­ce an­che il sa­ba­to. Quin­di non sto mai mol­to a guar­da­re quel­lo che com­bi­na nel­le pro­ve li­be­re» .

Di Vet­tel non fa pa­ro­la e an­che que­sto è un mo­do per far mon­ta­re la rab­bia di un ne­mi­co pe­ri­co­lo­so. But­ton è un al­tro adul­to e Fer­nan­do non può ne­gar­lo, ma è an­co­ra ab­ba­stan­za lon­ta­no in clas­si­fi­ca da po­ter es­se­re con­si­de­ra­to un al­lea­to più che un av­ver­sa­rio. Re­sta Ha- mil­ton, con il qua­le lo spa­gno­lo ha con­di­vi­so per tut­to il 2007 una tur­bo­len­ta se­pa­ra­zio­ne in ca­sa.

Chi lo co­no­sce be­ne sa che Alon­so non di­ce una pa­ro­la in pub­bli­co per ca­so, e nep­pu­re in pri­va­to. La sua usci­ta di gio­ve­dì: «Co­mun­que va­da a fi­ni­re il cam­pio­na­to, que­sto è sta­to l’an­no mi­glio­re del­la mia car­rie­ra» . è un pre­zio­so mes­sag­gio di gra­ti­fi­ca­zio­ne per la Fer­ra­ri, ma an­che un’or­go­glio­sa pun­tua­liz­za­zio­ne di­ret­ta ai ri­va­li. Va tra­dot­ta: io ho vin­to due Mon­dia­li e non ho bi­so­gno d’al­tro. Co­sì in ogni ca­so è sta­ta in­ter­pre­ta­ta dai pi­lo­ti del­la Red Bull e del­la McLa­ren. Che li spin­ga a qual­che eccesso po­co sag­gio in pi­sta è da ve­de­re, ma in­tan­to Alon­so ha piaz­za­to la sua trap­po­la. PA­RA­DOS­SO - Il ca­po del­la Red Bull, Ch­ri­stian Hor­ner, ha fiu­ta­to l’esca. Di­ce, in quel­la che è chia­ra­men­te una ri­spo­sta al ser­vi­zio di Fer­nan­do: «Ave­re già avu­to la pos­si­bi­li­tà di bat­ter­si per il ti­to­lo non con­ta nul­la. Nes­su­na espe­rien­za può es­se­re pa­ra­go­na­ta all’equi­li­brio e al­la ten­sio­ne di que­sto cam­pio­na­to. Noi in­tan­to pos­sia­mo vin­ce­re arit­me­ti­ca­men­te il ti­to­lo co­strut­to­ri sin da do­me­ni­ca» .

E’ un bel col­po, ma fi­ni­sce in ac­qua. Ad Alon­so per­so­nal­men­te del Mon­dia­le co­strut­to­ri in­te­res­sa un bel nien­te - non lo di­rà mai, per­ché sa­reb­be con­tra­rio al­la po­li­ti­ca Fer­ra­ri - e co­mun­que lo spa­gno­lo sa iso­lar­si dal­le provocazio­ni. In qual­sia­si squa­dra ar­ri­vi, la fa sua con il sor­ri­so e l’af­fa­sci­na con le pre­sta­zio­ni. Il buf­fo è che nes­su­no tra quel­li che han­no di­vi­so il ga­ra­ge con lui gli ser­ba ran­co­re, nep­pu­re Trul­li e Fi­si­chel­la ai qua­li Briatore rim­pro­ve­ra­va an­zi di es­se­re in rap­por­ti sin trop­po buo­ni con Fer­nan­do. L’uni­co a cui si oscu­ra­no gli oc­chi quan­do lo ve­de è pro­prio Fe­li­pe Mas­sa, ab­ba­stan­za sag­gio co­mun­que da at­ten­de­re tem­pi mi­glio­ri. Al mas­si­mo ca­pi­ta che chi non c’è pre­fe­ri­sca re­sta­re lon­ta­no dal­la Fer­ra­ri. Co­me Ro­bert Kubica, che di Alon­so vuo­le es­se­re com­pa­gno as­si­duo di po­ker e di chiac­chie­re e per il fu­tu­ro pros­si­mo nient’al­tro. del team, la co­sa ine­vi­ta­bil­men­te ha le sue con­se­guen­ze.

Nel­la zo­na che ruo­ta in­tor­no a Lo­ve Squa­re - si chia­ma pro­prio co­sì - è fi­ni­to an­che per­so­na­le di ri­lie­vo, co­me il ca­po de­gli in­ge­gne­ri del­la Fer­ra­ri, Ch­ris Dyer. Spes­so in que­gli al­ber­ghi si tro­va so­lo un let­to, ma­ga­ri cir­co­la­re, nes­sun ar­ma­dio - tan­to chi ci va non re­sta a lun­go: l’al­log­gio ser­ve so­lo per po­che ore - e un kit con­te­nen­te den­ti­fri­cio e due pro­fi­lat­ti­ci. Ah, a qual­cu­no è an­che ca­pi­ta­to di tor­na­re la sera e tro­va­re la stan­za ine­qui­vo­ca­bil­men­te usa­ta in sua as­sen­za. Da al­me­no due per­so­ne.

SCE­NA­RIO

NUO­VA FRON­TIE­RA

Kubica al­le pre­se con l’asfal­to spor­co di Yeon­gam. In al­to, un ser­pen­te in pi­sta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.