KRA­SIC CO­SI’ NO

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Front Page - di Alessandro Vo­ca­lel­li

La La­zio con­ti­nua il suo vo­lo in te­sta al­la clas­si­fi­ca ed ha per­fet­ta­men­te ra­gio­ne Re­ja a ri­ven­di­ca­re la le­git­ti­mi­tà del pri­ma­to. Non era fa­ci­le in­fi­la­re la quar­ta vit­to­ria con­se­cu­ti­va, con­tro un Ca­glia­ri che è riu­sci­to a re­sta­re in par­ti­ta si­no al 90’, ma i bian­co­ce­le­sti han­no con­fer­ma­to di non es­se­re lì per ca­so - co­me an­dia­mo di­cen­do dal­la pri­ma gior­na­ta, mal­gra­do la scon­fit­ta in ca­sa del­la Samp - e di ave­re tut­to per am­bi­re a un cam­pio­na­to di al­tis­si­mo pro­fi­lo. La La­zio an­che ie­ri ha fat­to va­le­re le sue qua­li­tà, la sua ca­pa­ci­tà di gio­ca­re al cal­cio, l’in­tel­li­gen­za e la pra­ti­ci­tà che so­no al­la ba­se del gio­co di Re­ja, il suo ca­rat­te­re.

Ma tut­to que­sto sen­za far pas­sa­re mi­ni­ma­men­te in se­con­do pia­no la qua­li­tà com­ples­si­va del grup­po. Ba­sta la ci­fra del­le sue so­sti­tu­zio­ni per di­mo­stra­re tut­to que­sto: fuo­ri Her­na­nes e Za­ra­te, i due ele­men­ti di mag­gior ta­len­to, so­no co­mun­que en­tra­ti Ma­tu­za­lem e Roc­chi. Gen­te che fa­reb­be la for­tu­na di qual­sia­si al­le­na­to­re.

Non c’è dub­bio dun­que che i me­ri­ti sia­no di Re­ja e del­la squa­dra, ma an­che - e mol­ti - di Lo­ti­to e di una so­cie­tà che ne­gli ul­ti­mi sei me­si ha co­min­cia­to a muo­ver­si nel mo­do mi­glio­re. E’ ar­ri­va­to giu­sta­men­te, e chia­ra­men­te, il mo­men­to di chie­der­si do­ve può ar­ri­va­re que­sta squa­dra che ha già con­qui­sta­to... la me­tà dei pun­ti che ser­vo­no per la sal­vez­za. E’ evi­den­te che l’obiet­ti­vo, mo­de­sta­men­te sban­die­ra­to da Re­ja, pos­sa e deb­ba es­se­re un al­tro. Di si­cu­ro quel­lo di re­sta­re in al­to, mol­to in al­to, in un cam­pio­na­to che sin dall’ini­zio ci era sem­bra­to più aper­to e in­cer­to di quan­to fos­se sem­pli­ce pre­ve­de­re. La La­zio ha la do­te più im­por­tan­te per una squa­dra di cal­cio: l’equi­li­brio. E una qua­li­tà me­dia mol­to al­ta. Sia­mo si­cu­ri, per fa­re un esem­pio, che ci sia­no tan­ti por­tie­ri più for­ti di Mu­sle­ra? Qual­cu­no si­cu­ra­men­te sì, ma si con­ta­no sul­le di­ta di una ma­no. Sia­mo si­cu­ri, per fa­re il se­con­do esem­pio, che ci sia­no tan­ti ester­ni di di­fe­sa più for­ti di Li­ch­tstei­ner e Ra­du?

Qual­cu­no si­cu­ra­men­te sì, ma si con­ta­no sul­le di­ta di una ma­no. Sia­mo si­cu­ri che a cen­tro­cam­po ci sia tan­ta gen­te più for­te di Le­de­sma, Mau­ri, Ma­tu­za­lem ed Her­na­nes? Qual­cu­no si­cu­ra­men­te sì, ma l’ap­pel­lo sa­reb­be piut­to­sto bre­ve. Co­sì co­me non è fa­ci­le tro­va­re tan­ti ta­len­ti più lu­mi­no­si di Za­ra­te, o tan­ti cen­tra­van­ti più ef­fi­ca­ci di Floc­ca­ri. In­som­ma, la La­zio è de­sti­na­ta a du­ra­re: fa be­ne Re­ja a go­der­si il mo­men­to, a te­ne­re tut­ti con i pie­di per ter­ra, ma gli in­gre­dien­ti so­no di pri­ma qua­li­tà.

In­tan­to il van­tag­gio del­la La­zio sul­la se­con­da è di­ven­ta­to di 4 pun­ti per­ché, in at­te­sa del­la sfi­da di sta­se­ra tra Na­po­li e Mi­lan, l’In­ter si è fat­ta fer­ma­re in ca­sa dal­la Samp. I ne­raz­zur­ri han­no pa­reg­gia­to con il so­li­to fe­no­me­na­le Eto’o do­po ave­re su­bi­to un gol bel­lo, ma su cui è for­te il dub­bio di un fal­lo di Cas­sa­no in av­vio di azio­ne.

Si è fer­ma­ta an­che la Ju­ve, che non è riu­sci­ta ad an­da­re ol­tre il pa­reg­gio con un Bo­lo­gna pro­fon­da­men­te rin­no­va­to. I ros­so­blù, co­me ha det­to giu­sta­men­te Ma­le­sa­ni, han­no cer­ca­to la pra­ti­ci­tà e, scot­ta­ti da pre­ce­den­ti espe­rien­ze, so­no ri­ma­sti un po’ più guar­din­ghi. For­se un po’ trop­po guar­din­ghi. Ma era im­por­tan­te l’esi­to del­la ga­ra per quel­la crescita di au­to­sti­ma che è al­la ba­se di qual­sia­si ri­sul­ta­to. E’ ar­ri­va­to co­sì uno 0-0 che, al con­tra­rio, non può far fe­li­ce la Ju­ve. Per la se­con­da vol­ta ab­bia­mo sen­ti­to Del Ne­ri a Sky sus­sur­ra­re che «non è la Ju­ve a do­ver vin­ce­re lo scu­det­to». No, non è det­to che la Ju­ve deb­ba vin­ce­re lo scu­det­to. Ma è nell’or­di­ne del­le co­se che la Ju­ve lot­ti per le pri­mis­si­me po­si­zio­ni e an­che per lo scu­det­to.

Re­sta sul­la par­ti­ta la pe­san­tis­si­ma om­bra per il ri­go­re che Kra­sic si è gua­da­gna­to e che Ia­quin­ta ha fal­li­to. L’epi­so­dio non ha in­ci­so sul ri­sul­ta­to, ma ria­pre un vec­chio que­si­to sull’uti­liz­zo del­la pro­va tv e su co­me do­vreb­be­ro com­por­tar­si pro­fes­sio­ni­sti di que­sto li­vel­lo. Co­me sa­pe­te non ho gran­de sti­ma dell’at­tua­le clas­se ar­bi­tra­le, che mi sem­bra sba­gli mol­to e non si sia li­be­ra­ta da quel­la sud­di­tan­za psi­co­lo­gi­ca che Cal­cio­po­li avreb­be do­vu­to az­ze­ra­re. Nel ca­so spe­ci­fi­co, mal­gra­do al­cu­ni giu­di­zi ascol­ta­ti nel do­po­par­ti­ta, cre­do che De Marco (pe­ral­tro col­pe­vo­le in al­tri mo­men­ti del­la ga­ra) non sia il pri­mo re­spon­sa­bi­le per ciò che è suc­ces­so. L’in­ter­pre­ta­zio­ne di Kra­sic è in­fat­ti da at­to­re con­su­ma­to. Non la ca­du­ta, che ci sta, per­ché in ve­lo­ci­tà ba­sta un sof­fio o uno «spa­ven­to» per far­ti per­de­re l’equi­li­brio. Ma il pie­de che si im­pun­ta, lo slan­cio di re­ni, co­me se un osta­co­lo - ine­si­sten­te - ti aves­se co­stret­to a sal­ta­re per evi­ta­re guai fi­si­ci peg­gio­ri. No, è tut­to que­sto che non va be­ne ed è lon­ta­no il gior­no in cui, co­me au­spi­ca­to, pos­sa ar­ri­va­re la «con­fes­sio­ne». Sia­mo se­ri e lo­gi­ci: per­ché do­vreb­be con­fes­sa­re chi ha si­mu­la­to co­sì be­ne, chi si è im­pe­gna­to co­sì tan­to, per ot­te­ne­re il ri­sul­ta­to che vo­le­va? Il pro­ble­ma è cul­tu­ra­le e non ri­guar­da so­lo Kra­sic. Di fron­te a ca­si si­mi­li do­vreb­be es­se­re ge­ne­ra­le la levata di scu­di die­gli ad­det­ti ai la­vo­ri, di al­le­na­to­ri e di­ri­gen­ti pron­ti a far sa­pe­re ai lo­ro gio­ca­to­ri che - ad­di­rit­tu­ra al di là di una squa­li­fi­ca per pro­va Tv - sa­reb­be­ro i pri­mi a con­dan­na­re com­por­ta­men­ti del ge­ne­re. Ma que­sto non suc­ce­de: e co­me og­gi gli in­te­res­sa­ti chiu­do­no gli oc­chi, o pro­va­no a cer­ca­re una spie­ga­zio­ne, do­ma­ni sa­ran­no al­tri a in­fi­la­re una se­rie sco­rag­gian­te di «for­se, ma­ga­ri, chis­sà». Se non «con­fes­sa­no» con­su­ma­ti al­le­na­to­ri e di­ri­gen­ti, a men­te fred­da e do­po aver ad­di­rit­tu­ra vi­sto la co­sa in tv, per­ché do­vreb­be far­lo un ra­gaz­zo a cal­do?

Non è an­da­ta ol­tre il pa­reg­gio nep­pu­re la Ro­ma, che ha so­lo la con­so­la­zio­ne di aver in­ter­rot­to la lun­ga se­rie di scon­fit­te ester­ne. Per da­re una ster­za­ta ser­vi­va una vit­to­ria in ca­sa del Par­ma, che - sia chia­ro - ha gio­ca­to al­la pa­ri. Ra­nie­ri ci ha pro­va­to al­ter­nan­do tut­ti i gio­ca­to­ri d’at­tac­co: Bor­riel­lo, Tot­ti, Vu­ci­nic, Ju­lio Bap­ti­sta e Okaka. No­no­stan­te que­sto il più pe­ri­co­lo­so - e la di­ce lun­ga - è sta­to Me­xes. Una ri­spo­sta è ar­ri­va­ta sul pia­no fi­si­co: la Ro­ma ci ha pro­va­to si­no al­la fi­ne, con Cas­set­ti e Rii­se che han­no ma­ci­na­to chi­lo­me­tri. Se que­sta è da una par­te una buo­na no­ti­zia - non è un pro­ble­ma fi­si­co - dall’al­tra fi­ni­sce per evi­den­zia­re an­co­ra di più i li­mi­ti di cui sof­fre og­gi la Ro­ma. Che so­no li­mi­ti evi­den­te­men­te det­ta­ti dal­la scar­sa tran­quil­li­tà, ma an­che da una chia­rez­za tec­ni­ca e tat­ti­ca che do­po ot­to gior­na­te tar­da ad ar­ri­va­re. Ra­nie­ri avrà ades­so tut­ta la ro­sa, o qua­si, a di­spo­si­zio­ne. E sa­rà in­di­spen­sa­bi­le da­re un’iden­ti­tà pre­ci­sa al­la squa­dra: sce­glie­re un mo­du­lo, i pri­mi in­ter­pre­ti e le al­ter­na­ti­ve. Non per una di­fe­sa d’uf­fi­cio di Tot­ti, ma an­che ie­ri - do­po il pri­mo tem­po - il ca­pi­ta­no sem­bra­va tra i me­no re­spon­sa­bi­li del­lo scial­bo pri­mo tem­po. E la sto­ria ci in­se­gna che do­ve non si ar­ri­va con il gio­co spes­so si ar­ri­va con i gio­ca­to­ri. E da pun­to di vi­sta dei colpi in­di­vi­dua­li, Tot­ti con­ti­nua ad ave­re po­chi ri­va­li.

Fon­da­men­ta­li le vit­to­rie di Ge­noa, Udi­ne­se e Chie­vo. Fa ri­flet­te­re la ca­du­ta del Pa­ler­mo, che ha gen­te di va­lo­re e un al­le­na­to­re di ugua­le va­lo­re. In que­sti ca­si, co­me suc­ce­de spes­so, si fi­ni­sce spes­so col di­scu­te­re del tec­ni­co. Ma la dia­gno­si è esat­ta­men­te con­tra­ria. Il Pa­ler­mo di­ven­te­rà una gran­de squa­dra, i gio­ca­to­ri del Pa­ler­mo di­ven­te­ran­no da gran­de squa­dra, quan­do im­pa­re­ran­no ad ave­re la ca­pa­ci­tà di at­ten­zio­ne e con­cen­tra­zio­ne di De­lio Ros­si.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.