Cou­ti­n­ho in­se­gue Za­net­ti

L’In­ter si coc­co­la il nuo­vo gio­iel­lo: «Vo­glio di­ven­ta­re un ido­lo co­me Ja­vier ma mi ispi­ro a Sneijder. An­co­ra non so­no al top: ve­dre­te». E Mo­rat­ti chiu­de il “bu­co” con 40 mi­lio­ni

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Front Page - di Pie­tro Gua­da­gno e An­drea Ra­maz­zot­ti

Do­me­ni­ca con­tro la Samp­do­ria si è vi­sto il ve­ro Cou­ti­n­ho? «E' sta­ta sen­za dub­bio la mia mi­glio­re par­ti­ta in ne­raz­zur­ro, ma pos­so cre­sce­re an­co­ra pa­rec­chio. Sta­vol­ta spe­ra­vo pro­prio di se­gna­re, pec­ca­to». Le è man­ca­to so­lo il gol, in­som­ma? «Mi man­ca, ma ar­ri­ve­rà. Mi da­reb­be ul­te­rio­re fi­du­cia».

In­tan­to si de­di­ca agli as­si­st: l'emo­zio­ne è la stes­sa del gol?

«Il mio obiet­ti­vo è sem­pre quel­lo di aiu­ta­re la mia squa­dra a vin­ce­re. Ec­co per­chè un as­si­st mi dà la stes­sa gio­ia di una re­te».

Co­me pro­ce­de l'adat­ta­men­to al ruo­lo di ester­no?

«Un pas­so do­po l'al­tro, sem­pre me­glio. Non ave­vo mai gio­ca­to in que­sta po­si­zio­ne: è nor­ma­le quin­di che ab­bia an­co­ra qual­co­sa da im­pa­ra­re».

Si sen­te an­co­ra un tre­quar­ti­sta o pen­sa che in Ita­lia la sua po­si­zio­ne pos­sa cam­bia­re?

«In Bra­si­le ho gio­ca­to sem­pre da tre­quar- ti­sta e pen­so an­co­ra che sia il mio ruo­lo idea­le. Ben in­te­so, pe­rò, che, se l'al­le­na­to­re ha bi­so­gno di me sull'ester­no, lo fac­cio sen­za al­cun pro­ble­ma».

Fuo­ri dal cam­po che ti­po di ra­gaz­zo è Cou­ti­n­ho?

«So­no ti­mi­do. Mi pia­ce mol­to re­sta­re a ca­sa a tra­scor­re­re le ore di li­ber­tà as­sie­me al­la mia fa­mi­glia e al­la mia fi­dan­za­ta». E Mi­la­no com'è? «E' una cit­tà che mi pia­ce, an­che se an­co­ra non la co­no­sco. In­ve­ce, co­no­sco la cu­ci­na ita­lia­na e ado­ro la pa­sta con il ra­gù». Che rap­por­to ha con Be­ni­tez? «Mi aiu­ta, mi dà con­si­gli e mi par­la sem­pre mol­to. E' im­por­tan­te per­ché co­sì può in­se­gnar­mi me­glio il ruo­lo e i com­pi­ti in cam­po».

In fu­tu­ro si ve­drà un Cou­ti­n­ho con più mu­sco­li, sul­la fal­sa­ri­ga di Pa­to?

«Non di­pen­de sol­tan­to da me. So che de­vo cre­sce­re sul pia­no fi­si­co, ma, con tut­te que­ste par­ti­te, non è sem­pli­ce ri­ta­gliar­si il tem­po per svol­ge­re un la­vo­ro spe­ci­fi­co».

Tra i suoi com­pa­gni, ce n'è qual­cu­no che l'ha im­pres­sio­na­ta?

«Sneijder ed Eto'o so­no ele­men­ti di gran­de qua­li­tà, ma non ce n'è uno in par­ti­co­la­re che mi ab­bia col­pi­to. An­che per­ché, ve­den­do­li sem­pre in tv in Bra­si­le, li co­no­sce­vo già tut­ti». Si può di­re che Sneijder sia il suo mo­del­lo? «Lo guar­do sem­pre in al­le­na­men­to. La sua do­te prin­ci­pa­le è la ra­pi­di­tà, sia nel pen­sa­re sia nel toc­ca­re il pal­lo­ne». L'olan­de­se me­ri­ta il Pal­lo­ne d'Oro? «Sen­za dub­bio. In Cham­pions è sta­to straor­di­na­rio».

L'esclu­sio­ne di Mi­li­to è sta­ta un'in­giu­sti­zia?

«So­no ri­ma­sto mol­to sor­pre­so. Nel­la scor­sa sta­gio­ne, Die­go è sta­to de­ci­si­vo per far vin­ce­re tut­to all'In­ter».

Co­sa le di­ce Eto'o, quan­do le si av­vi­ci­na pri­ma del fi­schio d'ini­zio?

«Sa­muel è sem­pre at­ten­to nel da­re con­si­gli a me e Bia­bia­ny. Si rac­co­man­da di ri­ma­ne­re tran­quil­lo, di da­re sem­pre il mas­si­mo e di di­ver­tir­mi».

A 18 an­ni fa già par­te del­la Se­leçao, che sen­sa­zio­ni le re­ga­la in­dos­sa­re la ma­glia ver­deo­ro?

«Pro­vo un gran­de or­go­glio. So­no già sta­to con­vo­ca­to due vol­te e spe­ro di es­se­re chia­ma­to an­co­ra».

La pros­si­ma ga­ra sa­rà con­tro l'Ar­gen­ti­na e Mes­si, che ul­ti­ma­men­te vie­ne ac­co­sta­to all'In­ter.

«E' un cam­pio­ne straor­di­na­rio e sfi­dar­lo in cam­po sa­reb­be una gran­de emo­zio­ne. Se ver­rò chia­ma­to».

Con lei nel­la Se­leçao, sta­vol­ta, po­treb­be es­ser­ci Ro­nal­di­n­ho?

«L'ho sem­pre sti­ma­to, co­me cal­cia­to­re e co­me per­so­na. L'ho am­mi­ra­to in te­le­vi­sio­ne e ab­bia­mo gio­ca­to in­sie­me per be­ne­fi­cen­za in Bra­si­le». E Pa­to? Qui a Mi­la­no vi fre­quen­ta­te? «Se ci in­cro­cia­mo, par­lia­mo. Ma, co­me ho già det­to, non mi ca­pi­ta di usci­re spes­so». Con Ney­mar, an­dreb­be di­ver­sa­men­te? «Ney­mar, ol­tre che un gran­de gio­ca­to­re, è an­che un mio ami­co. Ci sia­mo tro­va­ti spes­so in­sie­me nel­la rap­pre­sen­ta­ti­ve gio­va­ni­li. E' sta­to uno dei pri­mi che ho in­vi­ta­to al­la mia fe­sta di com­plean­no». Sa­reb­be già pron­to per l'Ita­lia? «Cer­to e so­no con­vin­to che, no­no­stan­te deb­ba an­co­ra cre­sce­re, fa­reb­be mol­to be­ne

Phi­lip­pe Cou­ti­n­ho, 18 an­ni, ta­len­to In­ter

Il gio­va­ne cam­pio­ne con­fi­da in esclu­si­va emo­zio­ni e am­bi­zio­ni Ta­len­to, idee chia­re ed en­tu­sia­smo: co­sì sta con­qui­stan­do tut­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.