«Non vo­le­vo più fa­re il ter­zo play in Nba»

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Basket - di Giam­pie­ro Mar­ras

SAS­SA­RI - «Il mio mo­del­lo è sta­to John Stock­ton, ma il mio eroe è pa­pà Bob. E mio cu­gi­no Dra­ke è l'av­ver­sa­rio che più mi di­spia­ce bat­te­re» .

In po­che bat­tu­te Tra­vis Die­ner for­ni­sce le pro­prie coor­di­na­te di gio­ca­to­re e di uo­mo. Un play tut­to ba­sket e fa­mi­glia. Due am­bien­ti che si so­vrap­pon­go­no e in­trec­cia­no per­ché i Die­ner del­la pal­la a spic­chi so­no ben no­ve.

«Da ra­gaz­zi gio­ca­va­mo spes­so in­sie­me, ora di ba­sket par­lia­mo tan­tis­si­mo a ta­vo­la du­ran­te le riu­nio­ni fa­mi­lia­ri» .

Ma­tri­co­la in se­rie A, è ar­ri­va­to in Ita­lia pro­prio gra­zie al­le in­di­ca­zio­ni del cu­gi­no Dra­ke.

«Mi ha par­la­to be­nis­si­mo del coa­ch Meo Sac­chet­ti, che lo ha al­le­na­to. L’Ita­lia sem­bra dav­ve­ro il po­sto idea­le per ri­lan­ciar­mi: non mi an­da­va di fa­re il ter­zo play nel­la Nba» .

A Tra­vis è ba­sta­ta una ga­ra per de­co­di­fi­ca­re la pal­la­ca­ne­stro ita­lia­na; ai ti­fo­si del Pa­laSer­ra­di­mi­gni po­chi mi­nu­ti per es­se­re con­qui­sta­ti da que­sto play dav­ve­ro si­mi­le co­me ca­rat­te­ri­sti­che a Stock­ton. Guar­da ca­so il nu­me­ro di ma­glia, 12, è lo stes­so del lea­der sto­ri­co de­gli Utah Jazz.

«A Sas­sa­ri ho tro­va­to un pub­bli­co mol­to ap­pas­sio­na­to. E' di­ver­ten­te gio­ca­re qui, sem­bra di es­se­re tor­na­to ai tem­pi del col­le­ge» .

Tem­pi fe­li­ci quel­li di Mar­quet­te. Mo­men­ti di glo­ria (le Fi­nal Four NCAA del 2003 con Dway­ne Wa­de in squa­dra) e di sfi­de col cu­gi­no Dra­ke, del­la De Paul Uni­ver­si­ty.

«Ci sia­mo af­fron­ta­ti sei vol­te: quattro par­ti­te le ho vin­te io. So­no ec­ci­ta­to per que­sto nuo­vo duel­lo. Dra­ke è mi­glio­ra­to mol­to in Ita­lia, di­mo­stran­do di ave­re un gio­co mol­to va­li­do per l'Eu­ro­pa. E' for­te, sa fa­re mol­te co­se ed è un av­ver­sa­rio pe­ri­co­lo­so per chiun­que. L'uni­ca co­sa che mi di­spia­ce è che al­la fi­ne uno dei due avrà per­so. Co­mun­que va­da, sta­re­mo in­sie­me do­po la par­ti­ta. A par­la­re di ba­sket e fa­mi­glia» .

Ne­gli ul­ti­mi due gior­ni Tra­vis è sta­to fer­ma­to per una con­trat­tu­ra ad una co­scia. La stes­sa che lo ave­va co­stret­to al­lo stop di un me­se. So­sta pre­cau­zio­na­le per uno che spin­ge sem­pre, an­che quan­do sta ma­le. Sa­ba­to con­tro Ca­ser­ta ha ac­cu­sa­to do­lo­re. E' usci­to in­di­spet­ti­to, ma quan­do ha vi­sto gli av­ver­sa­ri a +7 è vo­lu­to rien­tra­re con­tro qual­sia­si pa­re­re me­di­co. Ha se­gna­to 8 pun­ti di fi­la e ri­bal­ta­to il mat­ch. Non per nul­la il suo film pre­fe­ri­to è "Man on fi­re" con Den­zel Wa­shing­ton. Stes­so ti­to­lo del bra­no di Ro­ger Taylor che can­ta “When ti­mes are hard and ti­mes are rou­gh then you bet­ter be ma­de of ster­ner stuff”. Tra­du­zio­ne: “Quan­do i tem­pi so­no du­ri e ru­vi­di al­lo­ra è me­glio es­se­re fat­ti di ro­ba du­ra”. E i Die­ner, si sa, so­no fat­ti di ac­cia­io.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.