«Non me­ri­tia­mo que­sto»

Fic­ca­den­ti: «Co­me uscir­ne? Con­ti­nuan­do a gio­ca­re co­sì. Ma con più cat­ti­ve­ria»

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Calcio - Fla­vio Bertozzi/In­fo­press

CE­SE­NA - Tan­to bel gio­co. Ma pun­ti ze­ro. An­co­ra scon­fit­to. An­co­ra bef­fa­to. Im­me­ri­ta­ta­men­te. No­na scon­fit­ta sta­gio­na­le per il Ce­se­na di Mas­si­mo Fic­ca­den­ti. «Per il sot­to­scrit­to è dav­ve­ro dif­fi­ci­le riu­sci­re a rac­con­ta­re que­sto stop - at­tac­ca a fi­ne ga­ra il con­dot­tie­ro bian­co­ne­ro - si­cu­ra­men­te, il Pa­ler­mo, nei pri­mi quin­di­ci mi­nu­ti ci ha mes­so in se­ria dif­fi­col­tà. Sia­mo an­da­ti sot­to me­ri­ta­ta­men­te. Poi, pe­rò, il Ce­se­na len­ta­men­te ma co­stan­te­men­te ha co­min­cia­to a cre­sce­re. Ab­bia­mo rag­giun­to il pa­ri con Bog­da­ni. Ab­bia­mo sfio­ra­to il rad­dop­pio. Il gol di Mic­co­li a ini­zio ri­pre­sa non ci ha tra­mor­ti­to. Le ab­bia­mo pro­va­te tut­te pur di ri­met­ter­ci in car­reg­gia­ta. Ma pur­trop­po non c'è sta­to nul­la da fa­re. Avrem­mo me­ri­ta­to al­me­no il pa­reg­gio».

IL SO­LI­TO DI­SCOR­SO - «Di fron­te a noi ave­va­mo una si­gno­ra squa­dra - con­ti­nua Fic­ca­den­ti - ma no­no­stan­te que­sto ab­bia­mo fat­to una gran­de par­ti­ta. Ab­bia­mo avu­to tan­tis­si­me pal­le gol. Cla­mo­ro­so è sta­to il ri­go­re in mo­vi­men­to sba­glia­to da Pa­ro­lo. An­che Si­ri­gu ci ha mes­so del suo. In­som­ma, è sem­pre il so­li­to di­scor­so. Que­sto Ce­se­na c'è. E' più che mai vi­vo e mo­ti­va­to. Ma, là da­van­ti, ci man­ca la giu­sta cat­ti­ve­ria. Bi­so­gna con­cre­tiz­za­re di più». La do­man­da, a que­sto pun­to sor­ge spon­ta­nea: ma per­ché a un cer­to pun­to del­la par­ti­ta è sta­to chia­ma­to in pan­ca il su­per­la­ti­vo Giac­che­ri­ni per far en­tra­re in cam­po Ma­lon­ga? «Per­ché più si an­da­va avan­ti, più il Pa­ler­mo si co­pri­va. E più gli spa­zi a di­spo­si­zio­ne per Ema­nue­le di­mi­nui­va­no. Ec­co per­ché l'ho tol­to. Ec­co per­ché ho but­ta­to nel­la mi­schia Do­mi­ni­que che è si­cu­ra­men­te più at­tac­can­te ri­spet­to a Giac­che­ri­ni».

IL PA­RA­DOS­SO - Pe­nul­ti­mo po­sto in clas­si­fi­ca. Quattro ri­si­ca­ti pun­ti rac­col­ti nel­le ul­ti­me die­ci ga­re. Co­me si può usci­re da que­sta dif­fi­ci­le si­tua­zio­ne? «Non ve­do al­tre stra­de da se­gui­re - con­clu­de Fic­ca­den­ti - dob­bia­mo gio­ca­re sem­pre co­sì. Non è fa­ci­le di­ge­ri­re un si­mi­le stop, non è fa­ci­le ripartire do­po que­st'en­ne­si­ma im­me­ri­ta­ta scon­fit­ta. Dob­bia­mo pe­rò ri­ma­ne­re lu­ci­di e con­sta­ta­re che nel­le ul­ti­me ot­to par­ti­te ab­bia­mo sem­pre gio­ca­to al­la pa­ri con tut­ti, an­che con le su­per­big. Ci sia­mo rial­za­ti già do­po le ba­to­ste pa­ti­te con Chie­vo, Samp­do­ria e Ju­ven­tus. Ci rial­ze­re­mo an­che que­sta vol­ta, ve­dre­te. La clas­si­fi­ca è sem­pre mol­to cor­ta. Ora sot­to con que­sti tre scon­tri di­ret­ti con Ba­ri, Bo­lo­gna e Ca­glia­ri».

L’AL­TRA FAC­CIA - Fic­ca­den­ti è scu­ro in vol­to. A fi­ne ga­ra, in­ve­ce, sfo­de­ra un bel sor­ri­set­to com­pia­ciu­to il ro­ma­gno­lis­si­mo De­lio Ros­si. «Al­la vi­gi­lia di que­sta ga­ra era­va­mo ben con­sa­pe­vo­li del­le dif­fi­col­tà che avrem­mo in­con­tra­to qui al Ma­nuz­zi - di­ce il trai­ner ro­sa­ne­ro - il Ce­se­na, d'al­tron­de, è un av­ver­sa­rio to­sto. Non di­men­ti­chia­mo­ci che so­lo una de­ci­na di gior­ni fa ha scon­fit­to la La­zio ca­po­li­sta. Det­to que­sto, de­vo di­re che ab­bia­mo di­spu­ta­to a mio av­vi­so una buo­na par­ti­ta. Sia­mo par­ti­ti for­te. Do­po il no­stro van­tag­gio il Ce­se­na è cre­sciu­to. Do­po il 2 a 1 c'è sta­to an­che da sof­fri­re. Pe­rò di­rei che, al­la fi­ne, la no­stra vit­to­ria è me­ri­ta­ta». Tre pun­ti d'oro. Ma non so­lo. Que­sta tra­sfer­ta in Ro­ma­gna a Ros­si ha re­ga­la­to tan­te al­tre no­te lie­te. «Ab­bia­mo lot­ta­to su ogni pal­lo­ne. Ho vi­sto poi tra i miei ra­gaz­zi, so­prat­tut­to in Ili­cic e Pa­sto­re, un gran­de spi­ri­to di sa­cri­fi­cio. Al­la fi­ne i no­stri sfor­zi so­no sta­ti pre­mia­ti. Be­ne co­sì». Im­por­tan­te il gol di Mic­co­li. Per tan­ti, tan­tis­si­mi mo­ti­vi. «Que­sto gol ha mil­le si­gni­fi­ca­ti - con­clu­de Ros­si - Fa­bri­zio per noi è un va­lo­re ag­giun­to. Un gio­ca­to­re che, quan­do è in cam­po, sa tra­smet­te­re si­cu­rez­za a tut­ta la squa­dra».

Do­po il gol, Bog­da­ni va ad ab­brac­cia­re Fic­ca­den­ti

«Con­tro una gran­de squa­dra ab­bia­mo fat­to la so­li­ta gran­de ga­ra Que­sto Ce­se­na c’è E’ vi­vo più che mai» «Ho tol­to Giac­che­ri­ni per­ché il Pa­ler­mo si co­pri­va e gli spa­zi per lui di­mi­nui­va­no. E ora gli scon­tri di­ret­ti»

QUE­STO E’ PER TE

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.