Ned­ved: Kra­sic su­per e... più ve­lo­ce di me

«Bel gio­ca­to­re, ot­ti­mo ac­qui­sto. Non so­no io a do­ver di­re se è mi­glio­re del sot­to­scrit­to». In­tan­to il pre­si­den­te Agnel­li glis­sa sul rin­no­vo di Del Pie­ro

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Calcio - Do­me­ni­co La­ta­glia­ta/ass

TO­RI­NO - L'oc­ca­sio­ne era da­ta dal­la se­ra­ta or­ga­niz­za­ta dall'As­so­cia­zio­ne Ales­sio e Ric­car­do, i due ra­gaz­zi del­la for­ma­zio­ne Ber­ret­ti scom­par­si a Vi­no­vo quattro an­ni fa: una se­ra­ta vol­ta a rac­co­glie­re fon­di da de­sti­na­re al­le cu­re del pic­co­lo Mat­teo. La Ju­ven­tus era pre­sen­te con il pre­si­den­te An­drea Agnel­li («è giu­sto ri­cor­da­re ed es­se­re sem­pre pre­sen­ti»), con Ma­rot­ta e Blanc, con Pes­sot­to e Car­re­ra, con Gry­ge­ra e Lan­za­fa­me. Con Fer­ra­ra, all'epo­ca re­spon­sa­bi­le del set­to­re gio­va­ni­le bian­co­ne­ro. E an­che con Pa­vel Ned­ved, al­la pri­ma usci­ta pub­bli­ca da quan­do è sta­to no­mi­na­to nel con­si­glio di am­mi­ni­stra­zio­ne.

IL CON­SI­GLIE­RE PA­VEL - Giac­ca e cra­vat­ta, co­me or­mai qua­si sem­pre, il ce­co è sta­to tra i più fe­steg­gia­ti e non si è ti­ra­to in­die­tro quan­do gli è sta­to chie­sto un pa­re­re sul­la Ju­ven­tus at­tua­le: «E' una squa­dra che mi pia­ce mol­to e che ha an­co­ra am­pi mar­gi­ni di mi­glio­ra­men­to. No­stal­gia o rim­pian­ti? No, sin­ce­ra­men­te. Ho da­to tut­to quel­lo che po­te­vo: ades­so fac­cio al­tro, ov­ve­ro tut­to quel­lo che non mi era con­ces­so quan­do ero un gio­ca­to­re. E co­mun­que la squa­dra non ha più bi­so­gno di me». Nel frat­tem­po, ne ha tro­va­to l'ere­de in Milos Kra­sic: «Ot­ti­mo ac­qui­sto, dav­ve­ro. E' ve­lo­cis­si­mo, pro­ba­bil­men­te an­che più di quan­to lo fos­si io: per es­ser­ne cer­ti, pe­rò, bi­so­gne­reb­be con­fron­ta­re i suoi da­ti con i miei di quan­do ave­vo ven­ti­cin­que an­ni. Scher­zi a par­te, si trat­ta dav­ve­ro di un gran bel gio­ca­to­re». Mi­glio­re an­che del mi­glior Ned­ved? «Que­sto non lo de­vo di­re io e co­mun­que non ha gran­de im­por­tan­za. Ha me­no ti­ro di me? Può dar­si, ma i giu­di­zi spet­ta­no ad al­tri». In at­te­sa di ca­pi­re dav­ve­ro co­me po­trà ren­der­si uti­le al­la so­cie­tà bian­co­ne­ra («sto im­pa­ran­do tan­te co­se, ve­dre­mo stra­da fa­cen­do»), l'ex Pal­lo­ne d'Oro non ha nem­me­no esclu­so la pos­si­bi­li­tà di tor­na­re gio­ca­to­re per un gior­no. Ma­ga­ri nel nuo­vo sta­dio, per una gran­de fe­sta che suo­ni an­che co­me par­ti­ta d'ad­dio. E ma­ga­ri con Del Pie­ro an­co­ra una vol­ta com­pa­gno di squa­dra, pur se non è an­co­ra chia­ro qua­li sia­no le in­ten­zio­ni del­la so­cie­tà ri­guar­do il rin­no­vo del con­trat­to del ca­pi­ta­no. An­che ie­ri An­drea Agnel­li ha pre­fe­ri­to glis­sa­re sull'ar­go­men­to, svian­do il di­scor­so sul­la sa­gra del por­ro di Cer­ve­re svol­ta­si lu­ne­dì, quan­do gli è sta­to an­che in­ti­to­la­to uno Ju­ven­tus Club. Nes­su­na ten­sio­ne, in real­tà: sem­pli­ce­men­te, per quel che se ne può ca­pi­re al mo­men­to, il te­ma "rin­no­vo per il nu­me­ro die­ci" non è all'or­di­ne del gior­no. Pri­ma bi­so­gne­rà ca­pi­re co­me rin­for­za­re la squa­dra al mer­ca­to di gen­na­io.

VI­NO­VO - Ie­ri mat­ti­na, a por­te chiu­se, il grup­po ha svol­to un la­vo­ro tec­ni­co e una par­ti­tel­la no­ve con­tro no­ve sen­za por­tie­ri. Al­le­na­men­to dif­fe­ren­zia­to per Aqui­la­ni e Mot­ta, im­pe­gna­ti a smal­ti­re i ri­spet­ti­vi ac­ciac­chi mu­sco­la­ri ma pro­ba­bil­men­te con­vo­ca­bi­li in vi­sta dell'im­pe­gno ca­sa­lin­go di sa­ba­to sera con­tro la Fio­ren­ti­na. Bo­nuc­ci, il so­lo gio­ca­to­re di mo­vi­men­to ad ave­re fi­no­ra sem­pre gio­ca­to in cam­pio­na­to, ha svol­to un pro­gram­ma per­so­na­liz­za­to. Le­grot­ta­glie e Gry­ge­ra, due de­gli in­for­tu­na­ti di lun­go cor­so, do­vreb­be­ro ri­pren­de­re a la­vo­ra­re con il grup­po a par­ti­re dal­la pros­si­ma set­ti­ma­na.

L’AC­COR­DO COL­LET­TI­VO

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.