Di Car­lo: Pos­sia­mo fa­re di più

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Calcio -

GE­NO­VA - Usci­re dall'Eu­ro­pa Lea­gue ri­schia di la­scia­re sem­pre qual­che stra­sci­co. E' per que­sto mo­ti­vo che la Samp te­ne­va par­ti­co­lar­men­te al­la ga­ra con­tro il Ba­ri: di­men­ti­ca­re al più pre­sto l'espe­rien­za in­ter­na­zio­na­le per ri­tuf­far­si con am­bi­zio­ni in cam­pio­na­to. Mis­sio­ne com­piu­ta, an­che se un ruo­lo im­por­tan­te nell'eco­no­mia del­la ga­ra l'ha ri­co­per­to il di­ret­to­re di ga­ra, Pier­pao­li, e al­cu­ne sue de­ci­sio­ni che han­no fat­to mol­to di­scu­te­re.

IL MO­RA­LE - «Gli epi­so­di a vol­te cam­bia­no le par­ti­te - am­met­te il tec­ni­co blu­cer­chia­to Do­me­ni­co Di Car­lo - Non mi ero nep­pu­re ac­cor­to che Ros­si fos­se sta­to espul­so e Cur­ci am­mo­ni­to. In que­sta sta­gio­ne, co­mun­que, sia­mo sta­ti pe­na­liz­za­ti tan­te vol­te e re­stia­mo an­co­ra in cre­di­to con la for­tu­na». Vin­ce­re fa sem­pre be­ne, tan­to al mo­ra­le quan­to al­la clas­si­fi­ca. La ga­ra con­tro il Ba­ri si è su­bi­to mes­sa in di­sce­sa ma il tec­ni­co blu­cer­chia­to in­di­vi­dua di­ver­si mo­ti­vi per sor­ri­de­re. «Sia­mo en­tra­ti in cam­po con il pi­glio giu­sto e con la vo­glia di da­re una scrol­la­ta al­la clas­si­fi­ca - as­si­cu­ra Di Car­lo - Inol­tre il pub­bli­co ci tie­ne a ve­de­re an­che qual­che gol in più, e que­sta vol­ta lo ab­bia­mo ac­con­ten­ta­to. Gu­ber­ti ha rea­liz­za­to una re­te al­la Del Pie­ro. Se l'aves­se se­gna­ta Ro­nal­di­n­ho o Mes­si, la ri­so­nan­za sa­reb­be sta­ta no­te­vo­le. Paz­zi­ni, inol­tre, con­ti­nua a ve­de­re la por­ta e per noi que­sto aspet­to è estre­ma­men­te im­por­tan­te». I CON­TI - I tre pun­ti con­tro il Ba­ri per­met­to­no al­la Samp di is­sar­si fi­no al quin­to po­sto e di rag­giun­ge­re in clas­si­fi­ca Ro­ma ed In­ter. Per il mi­ster blu­cer­chia­to, pe­rò, si trat­ta di un pun­to di par­ten­za e non cer­to di ar­ri­vo: «Ab­bia­mo an­co­ra am­pi mar­gi­ni di mi­glio­ra­men­to - ga­ran­ti­sce Di Car­lo - e, inol­tre, man­dia­mo in cam­po con re­go­la­ri­tà tan­ti gio­ca­to­ri gio­va­ni che han­no il fu­tu­ro dal­la lo­ro par­te. A ini­zio sta­gio­ne ave­va­mo am­bi­zio­ni nel­le tre com­pe­ti­zio­ni, ades­so, una vol­ta eli­mi­na­ti dall'Eu­ro­pa Lea­gue, ci get­tia­mo a ca­po­fit­to in cam­pio­na­to e in Cop­pa Ita­lia. Di­fe­sa im­per­fo­ra­bi­le? Sia­mo con­ten­ti, ma il me­ri­to non è del sin­go­lo re­par­to ben­sì dell'equi­li­brio che rie­sce a man­te­ne­re tut­ta la squa­dra».

«Quel­lo di Gu­ber­ti è un gol al­la Del Pie­ro Ed è im­por­tan­te per noi che Paz­zi­ni con­ti­nui a fa­re gol»

CHE GOL - Dop­piet­ta d'au­to­re ma nes­su­na esul­tan­za. Per Ste­fa­no Gu­ber­ti è an­co­ra trop­po for­te il le­ga­me con Ba­ri, piaz­za che gli ha per­mes­so di con­sa­crar­si ad al­ti li­vel­li. «So­no con­ten­to per aver se­gna­to - am­met­te con un piz­zi­co di im­ba­raz­zo - ma in que­sto mo­men­to con­ta mol­to di più la vit­to­ria del­la Samp­do­ria e il nuo­vo vol­to del­la clas­si­fi­ca: sia­mo dav­ve­ro mes­si be­ne. Dif­fi­ci­le, pe­rò, sta­bi­li­re do­ve po­trem­mo ar­ri­va­re: qual­che cal­co­lo in più lo si po­trà fa­re so­lo a par­ti­re da mar­zo. Il der­by? E' an­co­ra pre­sto per par­lar­ne. Se si gio­che­rà, pri­ma ci aspet­ta la tra­sfer­ta di Bre­scia».

«In que­sta sta­gio­ne sia­mo sta­ti tan­te vol­te pe­na­liz­za­ti, re­stia­mo an­co­ra in cre­di­to con la buo­na sor­te»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.