Il ba­cio di In­si­gne «Scu­det­to? Si può»

«Una dop­piet­ta qui, qual­co­sa di fan­ta­sti­co»

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Milan-napoli 0-4 - di An­to­nio Gior­da­no

Ci so­no co­se che si pen­sa­no e poi, ma va­da al­la ma­lo­ra la sca­ra­man­zia, si di­co­no: per­ché quan­do è suc­ces­so tut­to, ma pro­prio tut­to, quat­tro re­ti al Mi­lan, la pri­ma dop­piet­ta con la ma­glia del Na­po­li e in uno dei San­tua­ri del cal­cio, co­sa vo­le­te che sia pro­nun­ciar­la per in­te­ro.... «Scu­det­to? Ce la gio­chia­mo». La not­te è fat­ta per se­gna­re, per so­gna­re, per tuf­far­si nel­le te­ne­bre e poi uscir­ne ba­cia­ti dal­la lu­ce di san Si­ro: «Due gol in que­sto stadio è qual­co­sa di fan­ta­sti­co». E’ sta­to bel­lo, an­zi bel­lis­si­mo è sta­ta l’espres­sio­ne al­ta d'un cal­cio di­ve­nu­to su­bli­me, esal­ta­to da un 4-0 che spin­ge Sac­chi a de­fi­nir­lo «il ta­len­to più ge­nia­le dell’ul­ti­ma ge­ne­ra­zio­ne» e che la­scia ad In­si­gne bril­la­re gli oc­chi, per­ché la Sca­la del cal­cio è ai suoi pie­di, fa­ta­ti, che di­se­gna­no assist e pa­ra­bo­le ado­ra­bi­li che evo­ca­no il Fe­no­me­no: «Pe­rò cal­ma, lui è Dio per sem­pre. Nes­sun pa­ra­go­ne con Ma­ra­do­na.Eco­mun­queè­sta­ta una pre­sta­zio­ne col­let­ti­va fan­ta­sti­ca, di squa­dra: so­no fe­li­ce per me, ma lo so­no an­cor di più per i tre pun­ti».

IL SUO CAL­CIO. Eccolo là, lo scu­gniz­zo, eccolo esal­ta­to dal tri­den­te, da quel che sa fa­re dal­la fan­ciul­lez­za vis­su­ta con Ze­man, ed at­tra­ver­sa­ta at­tra­ver­so i ta­gli, le dia­go­na­li, l’ag­gres­sio­ne del­lo spa­zio e la sen­si­bi­li­tà d’un pie­de (il de­stro) che quan­do va a chiu­de­re di­vie­ne per­fi­do, dia­bo­li­co e co­mun­que de­va­stan­te. «Io mi tro­vo be­nis­si­mo in que­sto si­ste­ma, l’ho sem­pre sen­ti­to nel­la pel­le, mi di­ver­te fa­re l’ester­no al­to di si­ni­stra e con Ze­man riu­scii a se­gna­re tan­to. Pe­rò va det­to che an­che quan­do sfrut­ta­va­mo il rom­bo io ce l’ho mes­sa tut­ta co­me tre­quar­ti­sta...».

IL SUO PI­PI­TA. In­si­gne, Hi­guain: si an­nu­sa­no, si scru­ta­no, si tro­va­no, si di­ver­to­no, fan­no il dai e vai, si spo­sta­no, strin­go­no, si sca­te­na­no e se fi­no­ra era sta­to lo scu­gniz­zo ad an­da­re a pe­sca­re el Pi­pi­ta, San Si­ro spin­ge l’ar­gen­ti­no a ri­cam­bia­re, ad of­fri­re un pal­lo­ne che sem­bra un gio­iel­lo­ne a di­ciot­to ca­ra­ti e che può aiu­ta­re il “mo­nel­lo del gol” a ti­rar fuo­ri dal per­so­na­lis­si­mo re­per­to­rio la gio­ca­ta che gli va a ge­nio, il col­lo-in­ter­no che va a gi­ra­re sul pa­lo lon­ta­no. «Non im­por­ta chi se­gna, in que­sta squa­dra, gio­chia­mo per vin­ce­re as­sie­me. E Gon­za­lo è un gran­de, gran­dis­si­mo cam­pio­ne: ha di­mo­stra­to di es­se­re at­tac­ca­to a que­sta ma­glia, è al suo ter­zo an­no con noi e ce lo te­nia­mo stret­to».

IL SUO SAN SI­RO. Ci so­no sta­di che sca­te­na­no l’im­ma­gi­na­rio col­let­ti­vo dei pro­ta­go­ni­sti e il Meaz­za rien­tra tra le Cat­te­dra­li in cui con­sa­crar­si: l’In­si­gne che non t’aspet­ti non si ac­con­ten­ta di ciò che ha fat­to in oc­ca­sio­ne del­la sua pri­ma re­te, vuo­le pren­der­si la glo­ria, la va a co­glie­re dal li­mi­te area (pa­rec­chio fuo­ri), av­ven­tan­do­si su quel pal­lo­ne che gli con­se­gna la stan­ding ova­tion: «Rin­gra­zio tut­ti, ti­fo­si del Na­po­li e del Mi­lan che mi han­no ap­plau­di­to. Ora è fa­ci­le in­tui­re la mia gio­ia, per­ché que­sta è una ga­ra par­ti­co­la­re, per l’en­ti­tà del pun­teg­gio, per la di­mo­stra­zio­ne di cal­cio che ab­bia­mo of­fer­to: noi cre­dia­mo in noi stes­si, il cam­pio­na­to è ap­pe­na co­min­cia­to ed è lun­ghis­si­mo, fa­re­mo il pos­si­bi­le per ar­ri­va­re il più in al­to pos­si­bi­le. In que­sto mo­men­to sto be­ne, av­ver­to la fi­du­cia che mi dà il mi­ster. Mi ten­go que­sta dop­piet­ta e co­mun­que ab­bia­mo lan­cia­to un se­gna­le de­ci­so a chiun­que». Si di­ce, sta­vol­ta si di­ce: «Ce la gio­chia­mo». Sciò, sciò.....: te­ne­ri­si­ma è la not­te...

«Per il pun­teg­gio e la di­mo­stra­zio­ne di cal­cio ab­bia­mo da­to un se­gna­le Ce la gio­chia­mo...»

AN­SA

L’ab­brac­cio tra Sar­ri e Mi­ha­j­lo­vic pri­ma del mat­ch

AN­SA

Lo­ren­zo In­si­gne si­gla il rad­dop­pio del Na­po­li

MO­SCA

In­si­gne ba­cia la ma­glia do­po il 3-0

AN­SA

Il de­stro vin­cen­te di Al­lan: 1-0 per il Na­po­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.