EF­FET­TO SOU­SA E co­sì Pau­lo di­ven­ne Mes­se­re

Ful­mi­nea asce­sa del por­to­ghe­se: da­gli in­sul­ti al trion­fo

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Fiorentina - di Ales­san­dro Rial­ti

Non ave­va nep­pu­re firmato il suo ac­cor­do con i Del­la Val­le che sul la­to del­la por­ta prin­ci­pa­le del ce­le­ber­ri­mo Bar Ma­ri­sa ma­no igno­ta ave­va scrit­to: «Pao­lo Sou­sa gob­bo di m.». Po­co tem­po e ades­so il tec­ni­co por­to­ghe­se è pra­ti­ca­men­te di­ven­ta­to il Mes­se­re per ec­cel­len­za, il nuo­vo Lo­ren­zo, ap­pun­to Ma­gni­fi­co.

IL NUO­VO LO­REN­ZO. Nien­te da di­re, è sta­to bra­vis­si­mo. As­so­mi­glia po­co al bel ra­gaz­zo dai ca­pel­li lun­ghi e il sor­ri­so ma­lan­dri­no: og­gi è un ele­gan­te si­gno­re in gri­gio (ca­pel­li) e gran­de di­spo­ni­bi­li­tà ap­pa­ren­te. Nel sen­so che rac­con­ta nel det­ta­glio ogni sua ini­zia­ti­va, l'es­sen­za del­le sue fi­lo­so­fie cal­ci­sti­che, ma con una for­mi­da­bi­le ca­pa­ci­tà di non far ca­pi­re as­so­lu­ta­men­te nien­te di quel­lo che in real­tà vuol fa­re. A vol­te sem­bra To­gnaz­zi in «Ami­ci miei». Na­scon­de i suoi al­le­na­men­ti pu­re ai di­ri­gen­ti vio­la. Esem­pio, a Li­sbo­na un'ora pri­ma del­la ga­ra ab­bia­mo in­con­tra­to il di­ret­to­re ge­ne­ra­le Rogg e il so­cio di mas­si­ma espe­rien­za to­ta­le del CdA vio­la, l'av­vo­ca­to Mon­ta­gna. Gli ab­bia­mo chie­sto: «Sou­sa vi ha det­to qual­co­sa del­le scel­te per la ga­ra che sta per ini­zia­re?». En­tram­bi all'uni­so­no: «As­so­lu­ta­men­te nien­te». E por­te chiu­se pu­re ai re­spon­sa­bi­li tec­ni­ci, ti­po il ds Pra­dè. Il Cen­tro spor­ti­vo vio­la è di­ven­ta­to una sor­ta di Guantanamo. Ep­pu­re, pub­bli­ca­men­te, Pau­lo è l'uo­mo che ha ria­per­to le por­te ai ti­fo­si per ve­de­re gli al­le­na­men­ti. E' as­so­lu­ta­men­te sim­pa­ti­co e pron­to a ri­spon­der­ti ad ogni do­man­da. Ma­ga­ri la ri­spo­sta ti tra­pas­sa il cer­vel­lo la­scian­do un vuo­to ter­ro­riz­zan­te, ma la col­pa è tua e so­lo tua. E' bra­vo, af­fa­sci­nan­te e in­di­scu­ti­bil­men­te in­tel­li­gen­te. Ri­de me­no di Mon­tel­la, ri­la­scia mi­no­ri bat­tu­te? For­se, ma a ben guar­da­re ha iro­nia ta­glien­te. Non re­ga­la spet­ta­co­lo e gio­co co­me Vin­cen­zi­no? Ve­ro, ma è in te­sta al­la clas­si­fi­ca in cam­pio­na­to, co­sa che non era riu­sci­ta a nes­su­no nell'era del­la­val­lia­na. Non è ama­to co­me Ce­sa­re Pran­del­li? Pro­ba­bil­men­te sì, ma nes­su­no si so­gna più di dir­gli «gob­bo» an­che per­ché di ex ju­ven­ti­ni è pie­na la sto­ria re­cen­te, e po­si­ti­va, del­la Fio­ren­ti­na. Ri­cor­dan­do ap­pun­to Pran­del­li, ma an­che Di Li­vio, Bu­so, Tor­ri­cel­li, Mu­tu, ec­ce­te­ra. For­se non vi­ve la cit­tà co­me gli il­lu­stri pre­de­ces­so­ri, pe­rò ha un mo­do di se­dur­re Fi­ren­ze che al­la lun­ga po­treb­be di­ven­ta­re an­cor più so­li­do. Una co­sa è cer­ta: sta ina­nel­lan­do ri­sul­ta­ti che nep­pu­re il Trap.

MAI UN PA­REG­GIO. Pro­via­mo a leg­ge­re i nu­me­ri di Sou­sa: ot­to le ga­re di­spu­ta­te dai vio­la tra cam­pio­na­to e Eu­ro­pa Lea­gue per sei vit­to­rie e due scon­fit­te. Il por­to­ghe­se pa­re re­frat­ta­rio ai pa­reg­gi. In Cop­pa la scon­fit­ta con il Ba­si­lea e la vit­to­ria ro­boan­te e cor­ro­bo­ran­te con il Be­le­nen­ses. In cam­pio­na­to cin­que suc­ces­si e un ko (quel­lo a To­ri­no con i gra­na­ta). Nel­le cin­que vit­to­rie in A van­no ri­cor­da­ti an­che i due ri­sul­ta­ti con­vin­cen­ti con le mi­la­ne­si. Com­ples­si­va­men­te so­no 11 i gol se­gna­ti e so­lo 4 quel­li su­bi­ti (3 in 9 mi­nu­ti, col To­ro, in un im­prov­vi­so black-out). In Cop­pa 5 re­ti fat­te e 2 in­cas­sa­te. A mol­ti ri­cor­da, ap­pun­to Tra­pat­to­ni, per il mo­do in cui met­te la squa­dra (la fa­se di­fen­si­va de­ve va­le­re al­me­no quan­to quel­la of­fen­si­va), ma non so­lo per quel­lo. C'è chi di­ce che Pau­lo del Trap ha an­che il "c." Già, vi ri­cor­da­te il "c. del Trap", la sua, sep­pur me­ri­ta­tis­si­ma, for­tu­na? An­che il por­to­ghe­se non scher­za. Jo­ve­tic che si fer­ma al riscaldame­nto, Pi­nil­la che non ci sa­rà e via di­scor­ren­do. Ca­sua­li­tà? Cer­ta­men­te, ma il mi­to cre­sce an­che co­sì. E' in­di­scu­ti­bi­le in­ve­ce che Sou­sa è un for­mi­da­bi­le mo­ti­va­to­re co­sì co­me lo è sta­to Te­rim. Pu­re Gon­za­lo Ro­dri­guez, il di­fen­so­re-ca­pi­ta­no, ha det­to: «E’ ar­ri­va­to al mo­men­to giu­sto, tra­smet­te grin­ta». Tut­ti in­di­spen­sa­bi­li, tut­ti pron­ti a da­re l'ani­ma per squa­dra e ri­sul­ta­to. Ka­li­nic por­ta­to co­me esem­pio, do­ve ognu­no può far­si ti­to­la­re e cam­pio­ne. La squa­dra fin qui ha mo­stra­to di cre­der­ci e ades­so gli sta cre­den­do tut­ta la cit­tà. Ap­pun­to, mi­ra­co­li, co­me il ri­tor­no di un nuo­vo Ma­gni­fi­co mes­se­re. Og­gi è co­sì, do­ma­ni si ve­drà.

Al suo ar­ri­vo le scrit­te più du­re E ci si ri­cor­da­va so­lo il pas­sa­to da ju­ven­ti­no

Ora ha con­qui­sta­to tut­ti sen­za con­ce­de­re nul­la Viag­gio nei se­gre­ti del tec­ni­co ca­po­li­sta

ORE 9.30 Le nuo­ve di­vi­se di rap­pre­sen­tan­za del­la Fio­ren­ti­na sa­ran­no quel­le di L.B.M. 1911. I ca­pi so­no sta­ti con­se­gna­ti in que­sti gior­ni: si trat­ta di un com­ple­to in tre pez­zi, in una par­ti­co­la­re nuan­ce blu aper­to. L’ac­cor­do stret­to è va­li­do per due sta­gi

Pau­lo Sou­sa, 45 an­ni, pri­ma sta­gio­ne al­la Fio­ren­ti­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.