Ibra: due re­ti, fe­sta e re­cord

Sa­ba­to 34 an­ni, ie­ri nel­la sto­ria del Psg: mi­glior bom­ber

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Estero - di Va­len­ti­na Cle­men­te ©RIPRODUZIO­NE RISERVATA

Con le due re­ti mes­se a se­gno ie­ri se­ra, Zla­tan Ibra­hi­mo­vic ha firmato un'al­tra pa­gi­na di sto­ria del cal­cio in­ter­na­zio­na­le, di­ven­tan­do il nuo­vo mi­glior rea­liz­za­to­re del Pa­ris Saint Ger­main con 110 re­ti all'at­ti­vo, su­pe­ran­do il re­cord ap­par­te­nu­to a Pau­le­ta, in un mat­ch che ha sa­pu­to ri­scal­da­re la not­te pa­ri­gi­na pre­sa dai pri­mi fred­di. A dif­fe­ren­za in­fat­ti del­le at­te­se, quel­lo tra Psg ed Olym­pi­que Mar­si­glia non è sta­to un in­con­tro sen­za mor­den­te per­ché a da­re il via al­la sfi­da ci han­no pen­sa­to gli ospi­ti ca­pa­ci di ac­cen­de­re la mic­cia in po­chi mi­nu­ti e chiu­de­re i pa­dro­ni di ca­sa nel­la lo­ro tre­quar­ti per al­me­no un quar­to d'ora. Al­la lun­ga il Psg ha rial­za­to la te­sta, ma a dif­fe­ren­za di quel­lo che ha di­mo­stra­to fi­no ad og­gi, la squa­dra di Mi­chel è ap­par­sa più com­pat­ta ed or­di­na­ta, pron­ta a lot­ta­re su ogni pal­lo­ne per non par­ti­re già scon­fit­ta. I pri­mi acu­ti de­gli uo­mi­ni di Lau­rent Blanc so­no ar­ri­va­ti fle­bi­li sui pie­di di Ibra­hi­mo­vic che, sen­za im­pen­sie­ri­re più di tan­to Ste­ve Man­dan­da, ha cer­ca­to la via del­la re­te per ria­pri­re le si­ner­gie del­la pro­pria squa­dra. Dal ven­te­si­mo in poi in­fat­ti la par­ti­ta si è fat­ta sem­pre più equi­li­bra­ta e ric­ca di emo­zio­ni, con i pa­dro­ni di ca­sa vi­ci­ni al van­tag­gio con An­gel Di Ma­ria e una pal­la sfi­la­ta a la­to di po­co. C'è da di­re che gli ospi­ti avreb­be­ro avu­to la con­cre­ta pos­si­bi­li­tà di un ri­go­re per una ma­no di Thia­go Mot­ta, ma l'ar­bi­tro non si è pro­nun­cia­to in ma­nie­ra fa­vo­re­vo­le no­no­stan­te le vi­va­ci pro­te­ste del Mar­si­glia.

LA SE­RIE DEI GOL. So­no sta­ti gli ospi­ti ad apri­re le mar­ca­tu­re al 31’ con Ba­tshuayi, che ha avu­to co­me com­pli­ce in­vo­lon­ta­rio Da­vid Luiz. Un van­tag­gio co­strui­to sul­la ca­par­bie­tà e per­so sue due er­ro­ri ba­na­li, da cui so­no na­ti due ri­go­ri nel­lo spa­zio di due mi­nu­ti: il pri­mo per un fal­lo di Man­dan­da su Ibra­hi­mo­vic, fer­ma­to con una­spal­la­ta, e il se­con­do per una ma­no di Ro­lan­do in area che ha por­ta­to nuo­va­men­te il di­ret­to­re di ga­ra ad in­di­ca­re il di­schet­to. Ibra non si è fat­to at­ten­de­re ed ha mes­so a se­gno en­tram­bi i ri­go­ri. An­che gli ospi­ti han­no avu­to la lo­ro chan­ce su ri­go­re, in av­vio di ri­pre­sa, ma Bar­ra­da si è fat­to de­via­re il ti­ro da Trapp. Psg sem­pre in te­sta, la cri­si del Mar­si­glia si ag­gra­va.

AN­SA

L’ur­lo di Ibra­hi­mo­vic

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.