Pie­mon­te, l’al­lun­go di Ba­ke­lan­ts

Il bel­ga sfer­ra l’at­tac­co de­ci­si­vo a 5 km dal tra­guar­do. Tren­tin è 2°

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Tennis - Di Rug­ge­ro Qua­drel­li

Re­cu­pe­ra­to dall'oblio che per­si­ste­va dal 2012 è tor­na­to il Gi­ro del Pie­mon­te, cor­sa sto­ri­ca na­ta nel 1908. E' tor­na­to con la nuo­va de­no­mi­na­zio­ne di Gran Pie­mon­te, un'eti­chet­ta che pia­ce a nes­su­no. E, an­co­ra, è tor­na­to nel gior­no in cui an­che il vin­ci­to­re, il bel­ga Jan Ba­ke­lan­ts, 29 an­ni, cre­sciu­to fra i Mu­ri del­le Fian­dre, è rien­tra­to da una lun­ga pau­sa di ri­sul­ta­ti. Al di là di un pa­io di piaz­za­men­ti in una tap­pa del Gi­ro di Sviz­ze­ra e nel Gp di Val­lo­nia, que­st'an­no in grup­po era in­fat­ti in­cap­pa­to in più di una dif­fi­col­tà. Le sue ul­ti­me, ma an­che uni­che pre­sta­zio­ni di ri­lie­vo, ri­sal­go­no al 2013 quan­do al Tour de Fran­ce vin­se la 1ª tap­pa ad Ajac­cio e ve­stì per 2 gior­ni la ma­glia gial­la.

Nel to­ta­le, in 8 an­ni da pro' ha ot­te­nu­to 4 vit­to­rie e una... fan­toz­zia­na ca­du­ta che nel­la tap­pa Lu­ce­ra-L'Aqui­la del Gi­ro d'Ita­lia 2010 gli tar­pò le ali già vi­ci­no all'ar­ri­vo e gli vie­tò l'esal­ta­zio­ne del suc­ces­so. Ie­ri, al via con il dor­sa­le 1, ha co­strui­to la vit­to­ria gra­zie a un po­de­ro­so al­lun­go a 5 km dall'ar­ri­vo. Ha mes­so 50 me­tri fra sè e il grup­po, quan­ti gli so­no ba­sta­ti per ag­giu­di­car­si la cor­sa da­van­ti a Tren­tin e Col­brel­li.

Ba­ke­lan­ts, dun­que vin­ci­to­re rea­le. Ma se fos­se as­se­gna­ta la vit­to­ria con la re­go­la del­la com­bat­ti­vi­tà, il pre­mio an­dreb­be a Fa­bio Fel­li­ne, già 5° mer­co­le­dì nel­la Tre Val­li Va­re­si­ne. Do­po ap­pe­na 6 km il 25en­ne to­ri­ne­se ha da­to av­vio a una fu­ga pro­trat­ta­si per 172 km. E' sta­to ri­suc­chia­to dal grup­po ai me­no 7 all'ar­ri­vo, ap­pe­na do­po aver la­scia­to l'olan­de­se Roo­sen e Bram­bil­la ul­ti­mi suoi com­pa­gni d'av­ven­tu­ra. Fel­li­ne ha poi chiu­so 19° a 9''.

La cor­sa, 185 km sul­le stra­de dell'al­to Pie­mon­te (par­ten­za da San Fran­ce­sco al Cam­po, ar­ri­vo a Ci­riè) si è tut­ta di­spu­ta­ta sot­to la piog­gia, con­di­zio­ni me­teo av­ver­se che han­no fi­ni­to per con­di­zio­nar­ne l'an­da­men­to: più del­la me­tà dei 150 par­ten­ti si è in­fat­ti ri­ti­ra­to. E fra quan­ti han­no con­clu­so ci so­no sta­ti di­stac­chi ri­le­van­ti: Cu­ne­go è ar­ri­va­to a qua­si 4', Agno­li, Guar­di­ni e i 17 che com­po­ne­va­no l'ultimo grup­po a 8'.

Fe­li­ce ov­via­men­te Ba­ke­lan­ts per la vit­to­ria ri­tro­va­ta, un po' me­no Tren­tin per il 2° po­sto. «E' man­ca­ta la col­la­bo­ra­zio­ne in grup­po - di­ce e il bel­ga se n'è an­da­to. Con me a in­se­guir­lo c'era­no so­lo due uo­mi­ni Lam­pre».

Col­brel­li si ram­ma­ri­ca per ave­re aspet­ta­to trop­po a or­ga­niz­za­re l'in­se­gui­men­to di Ba­ke­lan­ts. «Ma tut­to som­ma­to ag­giun­ge - un 3° po­sto dà mo­ra­le».

(S. Fran­ce­sco al Cam­po-Ci­riè, 185 km): 1. Jan Ba­ke­lan­ts (Ag2r/Bel) 4h17’43’’ (me­dia 43,040 km/h); 2. Tren­tin a 4’’; 3. Col­brel­li; 4. Gro­su (Rom); 5. Ro­jas (Spa); 6. Mo­do­lo; 7. Ben­na­ti; 8. Sba­ra­gli...19. Fel­li­ne; 34. Ulis­si a 33’’; 49. Cu­ne­go a 3’37’’; 59. Agno­li a 8’04’’; 64. Guar­di­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.