La mos­sa del­la Ju­ve: De­bu­chy o Vr­sa­l­j­ko

Al­le­gri con Buf­fon e per il Bo­lo­gna con­fer­ma Khe­di­ra

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Da Prima Pagina - di Fi­lip­po Bon­si­gno­re

Un gi­ro d'oriz­zon­te per non far­si tro­va­re im­pre­pa­ra­ti in ca­so di ne­ces­si­tà. Uno sguar­do qua e là, in Ita­lia e in Eu­ro­pa, per ve­ri­fi­ca­re la pre­sen­za di op­por­tu­ni­tà adat­te a riem­pi­re a gen­na­io un bu­co che po­treb­be aprir­si sul­la fa­scia de­stra. Per­ché l'as­sen­za di Li­ch­tstei­ner po­treb­be pro­trar­si ol­tre il me­se uf­fi­cial­men­te in­di­ca­to dal­la so­cie­tà bian­co­ne­ra per il re­cu­pe­ro. Per­chè at­tual­men­te Ca­ce­res è fuo­ri ro­sa do­po l’in­ci­den­te di lu­ne­dì not­te. E per­ché Pa­doin è fuo­ri dal­la li­sta Ue­fa. Sia chia­ro, la Ju­ven­tus aspet­te­rà Li­ch­tstei­ner e lo ac­com­pa­gne­rà ver­so il com­ple­to re­cu­pe­ro sen­za al­cu­na for­za­tu­ra dei tem­pi, che na­tu­ral­men­te tut­ti si au­gu­ra­no sia­no i più ri­dot­ti pos­si­bi­le. Vor­reb­be di­re che Ste­phan avreb­be su­pe­ra­to il con­trat­tem­po nel mi­glio­re dei mo­di. Una even­tua­le mos­sa di mer­ca­to sa­reb­be quin­di pre­cau­zio­na­le, per ga­ran­ti­re un’al­ter­na­ti­va a Mas­si­mi­lia­no Al­le­gri in un ruo­lo chia­ve, spe­cie quan­do vie­ne scel­ta la di­fe­sa a quat­tro.

AP­PROC­CI. La pi­sta che po­treb­be di­ven­ta­re in fret­ta cal­da è quel­la che por­ta a Si­me Vr­sa­l­j­ko. Il croa­to del Sas­suo­lo, 23 an­ni, è già sta­to se­gui­to a lun­go da­gli uo­mi­ni mer­ca­to bian­co­ne­ri, con tan­to di ap­proc­ci con la so­cie­tà emi­lia­na e con i suoi rap­pre­sen­tan­ti. La scor­sa esta­te è sta­to an­che a lun­go in­se­gui­to dal Na­po­li, che ha cer­ca­to lui, ol­tre a Dar­mian, per rin­for­za­re la fa­scia de­stra pri­ma di op­ta­re per Hy­saj. E pro­prio di fron­te al pres­sing del Na­po­li, il Sas­suo­lo ha avan­za­to una ri­chie­sta di 10-12 mi­lio­ni per il gio­ca­to­re. Que­sta dun­que la va­lu­ta­zio­ne,an­che se gli ot­ti­mi rap­por­ti tra la Ju­ve la so­cie­tà ne­ro­ver­de po­treb­be­ro fa­ci­li­ta­re la trat­ta­ti­va e met­ter­la in di­sce­sa. Cer­to è che Vr­sa­l­j­ko è un pun­to fer­mo del­la squa­dra di Di Fran­ce­sco: già 466 mi­nu­ti e 5 pre­sen­ze per lui in que­sto av­vio di sta­gio­ne. L'al­ter­na­ti­va «ita­lia­na» è Sil­van Wid­mer dell'Udi­ne­se, 22 an­ni, con­na­zio­na­le di Li­ch­tstei­ner. An­che lui è sta­to già se­gui­to in pas­sa­to dai bian­co­ne­ri, che in ca­sa friu­la­na con­clu­do­no sem­pre ot­ti­mi af­fa­ri. Al mo­men­to Wid­mer ha avu­to po­che chan­ce nel­le pri­me gior­na­te - sol­tan­to 10 mi­nu­ti fi­no­ra in cam­pio­na­to - a cau­sa di qual­che ac­ciac­co fi­si­co, ma co­sti­tui­sce co­mun­que un’op­zio­ne va­li­da.

CI­FRA. Una so­lu­zio­ne sol­tan­to per il cam­pio­na­to sa­reb­be Ma­thieu De­bu­chy, ester­no de­stro dell’Ar­se­nal, un po' ai mar­gi­ni per ora nei Gun­ners. Tan­to che in In­ghil­ter­ra i me­dia par­la­no di un in­te­res­se dei bian­co­ne­ri per il 30en­ne fran­ce­se cui or­mai il tec­ni­co del club lon­di­ne­se, Ar­se­ne Wen­ger, pre­fe­ri­sce il più gio­va­ne Bel­le­rin co­me ti­to­la­re. De­bu­chy, quin­di, è fi­no­ra ri­ma­sto ai mar­gi­ni: in que­sto pri­mo scor­cio di sta­gio­ne ha to­ta­liz­za­to in­fat­ti 3 pre­sen­ze per 246 mi­nu­ti com­ples­si­vi. Una di que­ste pe­rò è ar­ri­va­ta in Cham­pions Lea­gue: 90 mi­nu­ti da ti­to­la­re con­tro la Di­na­mo Za­ga­bria, che lo ren­de­reb­be­ro inu­ti­liz­za­bi­le in cop­pa dai bian­co­ne­ri in ca­so di su­pe­ra­men­to del­la fa­se a gi­ro­ni; even­tua­li­tà pos­si­bi­le spe­cie do­po il dop­pio suc­ces­so nel­le pri­me due gior­na­te con Man­che­ster Ci­ty e Si­vi­glia. De­bu­chy ha una va­lu­ta­zio­ne di cir­ca 13 mi­lio­ni e cer­ta­men­te bi­so­gne­reb­be la­vo­ra­re su que­sta ci­fra in ca­so l’in­te­res­se di cui si vo­ci­fe­ra do­ves­se di­ven­ta­re qual­co­sa di più con­cre­to.

Op­zio­ni al­lo stu­dio se do­ves­se­ro al­lun­gar­si i tem­pi di re­cu­pe­ro di Li­ch­tstei­ner

SO­LU­ZIO­NI. In­tan­to, per tam­po­na­re l'emer­gen­za. Al­le­gri ri­pro­por­rà og­gi con il Bo­lo­gna il 3-5-2 che in fa­se di­fen­si­va di­ven­ta un 4-4-2 co­me si è vi­sto con il Si­vi­glia, con la sca­la­ta di Evra sul­la li­nea di­fen­si­va e con la ro­ta­zio­ne che por­ta Bar­za­gli sull'ester­no de­stro. E pro­prio Bar­za­gli è sta­to uno dei mi­glio­ri con­tro gli an­da­lu­si. Con il ri­tor­no di Ca­ce­res, ve­ro­si­mil­men­te do­po la so­sta ma an­co­ra non cer­to, ci sa­rà un’op­zio­ne in più, spe­cie in ot­ti­ca Cham­pions Lea­gue, do­ve è inu­ti­liz­za­bi­le Pa­doin, non in­se­ri­to nel­la li­sta Ue­fa. Con il 3-5-2 c’è poi l'op­zio­ne of­fen­si­va con Cua­dra­do, che ver­rà pro­po­sta og­gi, op­pu­re lo stes­so Pa­doin, per un'idea più di con­te­ni­men­to.

Il croa­to se­gui­to già in esta­te, il fran­ce­se è fi­ni­to ai mar­gi­ni con Wen­ger. Pia­ce an­che Wid­mer

AC­TION IMAGES

Ma­thieu De­bu­chy, 30 an­ni: nel­le ge­rar­chie di Wen­ger è sta­to sca­val­ca­to da Bel­le­rin

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.