I se­gre­ti del boom? Il Fran­chi e la di­fe­sa

L’ultimo gol pre­so in ca­sa è sta­to su­bì­to... dal­la squa­dra di Mon­tel­la

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Fiorentina - Di Ales­san­dro Rial­ti

Im­per­mea­bi­li. Da an­ni la Fio­ren­ti­na ha una del­le mi­glio­ri di­fe­se del cam­pio­na­to. Le ave­va nel­la squa­dra vio­la di Pran­del­li che ave­va il lea­der del re­par­to in Frey, l'ha avu­ta la squa­dra di Mon­tel­la che sep­pur gio­cas­se in mo­do ag­gres­si­vo sem­pre un cer­to equi­li­brio ha di­mo­stra­to di aver­lo, lea­der Ne­to e Gon­za­lo. Ma da que­st'an­no la di­fe­sa vio­la ha dav­ve­ro fat­to un ul­te­rio­re sal­to di qua­li­tà. E qui non par­lia­mo più di uo­mi­ni, an­che se Gon­za­lo è ri­ma­sto, par­lia­mo di con­cet­ti com­ples­si­vi.

I NU­ME­RI. Og­gi il re­par­to di­fen­si­vo vio­la ri­sul­ta fin qui il mi­glio­re tut­ta la Se­rie A. In tut­to so­no ap­pe­na quat­tro gol su­bi­ti (le tre re­ti di To­ri­no e il gol...inu­ti­le di Icar­di nel net­to suc­ces­so con­tro i ne­raz­zur­ri a San Si­ro ). E pen­sa­re che lo stes­so Sou­sa po­chi gior­ni fa par­lan­do del­la ces­sio­ne di Sa­vic e dell'ar­ri­vo di Sua­rez ha det­to che era pro­prio il di­fen­so­re vio­la il...col­po di mer­ca­to. An­che per­ché ol­tre al­lo spa­gno­lo ai vio­la so­no an­da­ti...die­ci mi­lio­ni ca­sh. Il tut­to, per al­tro, re­cu­pe­ran­do un'an­ti­ca ar­ma dei vio­la: il for­ti­no del Fran­chi. Era l'ar­ma vin­cen­te di Pran­del­li, che con Mon­tel­la (for­mi­da­bi­le ra­strel­la­to­re di vit­to­rie ester­ne) ave­va mo­stra­to cre­pe pre­oc­cu­pan­ti. In­fat­ti nel­le ga­re di­spu­ta­te al­lo stadio fio­ren­ti­no i vio­la lo han­no man­te­nu­to in­vio­la­to, as­so­lu­ta­men­te im­per­mea­bi­le, per 360' più, ov­via­men­te, even­tua­li re­cu­pe­ri. Per la ve­ri­tà la te­nu­ta del Fran­chi, il suo ri­tor­no a far­si for­ti­no du­ra ad­di­rit­tu­ra da tem­po su­pe­rio­re: con­ti al­la ma­no la Fio­ren­ti­na non su­bi­sce gol in ca­sa, in cam­pio­na­to dal­la bel­lez­za di 571 mi­nu­ti com­ples­si­vi, ov­ve­ro dal mat­ch con­tro il Ce­se­na vin­ta per 3-1 dell'era Mon­tel­la: l'ul­ti­ma re­te in­cas­sa­ta dai vio­la (in cam­pio­na­to) tra le mu­ra ami­che, l'uo­mo che su­pe­rò le mu­ra del Fran­chi era sta­to Ale­jan­dro Ro­dri­guez, il 3 mag­gio scor­so. Ma non ba­sta, in­fat­ti i nu­me­ri par­la­no an­che del­la dif­fe­ren­za fra i gol se­gna­ti, tan­ti, e quel­li su­bì­ti, co­me vi­sto po­chis­si­mi.

La par­ten­za di Sa­vic sem­bra­va aves­se in­de­bo­li­to il re­par­to, in­ve­ce...

PIU' DIE­CI. La dif­fe­ren­za è di quel­le che fan­no pen­sa­re: più die­ci. Una real­tà chia­ris­si­ma: la squa­dra di Sou­sa, stra­da fa­cen­do si sta tra­sfor­man­do in un grup­po di bom­ber au­ten­ti­ci. Se­gna­no in tan­ti, se­gna­no at­tac­can­ti e cen­tro­cam­pi­sti, me­no di un tem­po i di­fen­so­ri che...re­sta­no a di­fen­de­re. Ma è que­sto l'equi­li­brio che vo­le­va Sou­sa. Non tut­ti lo san­no ma il por­to­ghe­se sti­ma ed è sti­ma­to da Mon­tel­la. So­no ami­ci e Pau­lo ar­ri­va­to al club vio­la è par­ti­to pro­prio dal la­vo­ro fat­to da Vin­cen­zi­no. Poi ha im­mes­so le sue idee, spe­cial­men­te quel­le ri­guar­dan­ti la so­lu­zio­ne di­fen­si­va glo­ba­le. La sua li­nea a quat­tro, che tan­to ri­cor­da quel­la del Trap nel­le sue Ju­ven­tus, con tre mar­ca­to­ri e un ester­no d'at­tac­co (Ca­bri­ni da una par­te e Alon­so dall'al­tra). Ma prin­ci­pal­men­te il dop­pio me­dia­no da­van­ti al­la di­fe­sa, pu­re que­sta con as­so­nan­ze con il Trap, do­ve Ve­ci­no e Ba­de­lj (ma an­che Sua­rez) of­fro­no co­per­tu­ra all'in­te­ro re­par­to. E tut­to es­sen­do pas­sa­to at­tra­ver­so un ve­ro ter­re­mo­to. Già, per­ché ades­so nel­la por­ta che fu di Ne­to c'è Ta­ta­ru­sa­nu e al cen­tro del­la di­fe­sa c'è Asto­ri in­ve­ce che Sa­vic. E no­no­stan­te tut­to que­sto la nuo­va Fio­ren­ti­na con la sua nuo­va di­fe­sa. Ze­ro gol in­cas­sa­ti in A al Fran­chi, si è det­to, con Mi­lan, Ge­noa, Bo­lo­gna e Ata­lan­ta. A par­te la ri­pre­sa del mat­ch con il To­ro e il gol del­la ban­die­ra di Icar­di, quo­ta ze­ro an­che con il Car­pi e il Be­le­nen­ses. Ma­le so­lo nel­la ga­ra «hor­ri­bi­lis» di Cop­pa con il Ba­si­lea. Nes­sun dub­bio, una del­le ar­mi vin­cen­ti del­la Fio­ren­ti­na di Sou­sa sta pro­prio lì, in mez­zo a Ta­ta­ru­sa­nu e com­pa­gni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.