FER­RA­RA «IN­SI­GNE DE­VE GIOI­RE CO­ME ME»

«Lo­ren­zo sta di­ven­tan­do de­ci­si­vo. Lui con la ma­glia del­la sua cit­tà: sen­sa­zio­ni che re­sta­no per sem­pre»

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Napoli - di An­to­nio Gior­da­no

Na­pu­le è mil­le cu­lu­re: e in quell’uni­ver­so d’un az­zur­ro vi­vo, in­ten­so, vi­bran­te, che va dal San Pao­lo si­no a Ber­li­no, Ci­ro Fer­ra­ra s’è av­vol­to di scu­det­ti e di tro­fei, di trion­fi e di glo­ria, con­qui­sta­ti dal cam­po o an­che dal­la pan­chi­na, al fian­co di Lip­pi. Na­pu­le è ades­so a vo­ce de’ cria­tu­re, me pu­re dei pa­pà: che sa­le pia­no pia­no; e quell’eco, de­col­la­to a Mi­la­no, tra le lu­ci ac­ce­can­ti di San Si­ro, è una dol­ce nin­na­nan­na con la qua­le la­sciar­si an­da­re, la co­lon­na so­no­ra d’una cit­tà che se ne sta con gli oc­chi spa­lan­ca­ti ad os­ser­va­re gli aqui­lo­ni. Na­po­li è in Ci­ro Fer­ra­ra, l’am­ba­scia­to­re che ha vin­to ovun­que, co­mun­que, al Sud e al Nord, lo spac­ca­to d’una ter­ra rie­splo­sa nel­la sua fer­ti­li­tà e ora pron­ta a ger­mo­glia­re.

Da na­po­le­ta­no a na­po­le­ta­no, co­sa au­gu­ra Fer­ra­ra ad In­si­gne?

«Di pro­va­re le stes­se gio­ie che ho vis­su­to io in­dos­san­do la ma­glia del­la squa­dra del­la mia cit­tà. So­no sen­sa­zio­ni che ti re­sta­no den­tro per sem­pre».

E di­ce­va­no: nes­su­no è pro­fe­ta in pa­tria.

«E’ più dif­fi­ci­le es­ser­lo, in­dub­bia­men­te; e nel cal­cio, le aspet­ta­ti­ve dei tuoi ti­fo­si, so­no mag­gio­ri: la pres­sio­ne l’av­ver­te mol­to più un in­di­ge­no, ri­spet­to a chi in­ve­ce non è fi­glio del­la pro­pria ter­ra. E’ ine­vi­ta­bi­le, di­rei an­che uma­no».

L’ultimo In­si­gne che im­pres­sio­ne le ha fat­to?

«Sta di­ven­tan­do de­ci­si­vo. Ha sa­pu­to su­pe­ra­re l’in­ci­den­te dell’an­no scor­so con una fe­ro­cia che gli fa ono­re: ho fat­to cal­co­li al vo­lo, e nel­la pas­sa­ta sta­gio­ne, con i pro­ble­mi vis­su­ti, era ar­ri­va­to a due gol; ora è a cin­que, con tre assist».

Fa (qua­si) sol­tan­to co­se bel­le.

«E le fa con Hi­guain, con il qua­le dia­lo­ga pia­ce­vol­men­te. La re­te del 2-0 è me­ra­vi­glio­sa, uno scam­bio nel­lo stret­to che esal­ta le qua­li­tà di en­tram­bi. Un’in­te­sa per­fet­ta».

A pro­po­si­to del Pi­pi­ta....

«Non ho pa­ro­le: mi per­met­to di di­re che or­mai lui e Buf­fon rap­pre­sen­ta­no gli ul­ti­mi due au­ten­ti­ci fe­no­me­ni del cam­pio­na­to. Ora che so­no an­da­ti via Pir­lo e Te­vez, uo­mi­ni in gra­do di spo­sta­re i va­lo­ri co­me lo­ro due non ne esi­sto­no. Hi­guain è per­si­no fuo­ri dal tem­po, per­ché la sua clas­se sa­reb­be sta­ta be­nis­si­mo in quel­le sta­gio­ni d’oro che il cal­cio ita­lia­no ha vis­su­to - ed io ho avu­to la for­tu­na di at­tra­ver­sa­re dall’in­ter­no - ne­gli an­ni ‘90».

Non pro­nun­ce­rà mai quel­la pa­ro­la...

«Sa, noi na­po­le­ta­ni sia­mo straor­di­na­ria­men­te pa­ra­dos­sa­li: nel­la cit­tà più sca­ra­man­ti­ca del Mon­do, da do­me­ni­ca se­ra si par­la so­prat­tut­to di quel tra­guar­do lì. Io pre­fe­ri­sco so­pras­se­de­re: di­cia­mo al­lo­ra che que­sta squa­dra ha la forza di es­se­re una del­le can­di­da­te a lot­ta­re per il ver­ti­ce».

Il gio­chi­no del­le per­cen­tua­li non le pia­ce.

«Non mi sbi­lan­ce­rò mai sul­la fa­vo­ri­ta, non ne esi­ste una so­la. Ce ne so­no al­cu­ne. L’equi­li­bi­rio, in que­sto mo­men­to, è so­vra­no; mi pa­re sia com­pli­ca­to che qual­cu­na rie­sca a stac­car­si dal­le al­tre, co­me ha fat­to la Ju­ven­tus nel­le ul­ti­me quat­tro sta­gio­ni».

Mes­sag­gio a Na­po­li.

«Vor­rei di­re: con­te­ne­re l’en­tu­sia­smo. Ma co­me si fa? Ca­pi­sco. Pe­rò gli ad­det­ti ai la­vo­ri de­vo­no».

La so­sta è un’al­lea­ta?

«Al con­tra­rio, una ne­mi­ca: per­ché l’on­da lun­ga ri­schia di in­fran­ger­si su quei pro­ble­mi che esi­sto­no e non si ve­do­no quan­do si va con le Na­zio­na­li, i viag­gi lun­ghi, la stan­chez­za, il cli­ma di­ver­so. E poi, un Na­po­li-Fio­ren­ti­na su­bi­to, avreb­be avu­to al­tri ef­fet­ti. Pe­rò so­no con­vin­to pu­re del con­tra­rio: que­ste due set­ti­ma­ne non fa­ran­no sce­ma­re l’at­te­sa in­tor­no ad una par­ti­ta tra le squa­dre più in for­ma del mo­men­to».

Il pre­gio del Na­po­li che ha am­mi­ra­to.

«La ca­pa­ci­tà di di­fen­de­re sen­za scap­pa­re all’in­die­tro; e le di­stan­ze tra i re­par­ti. Trop­po fa­ci­le di­re: quei tre lì da­van­ti, chiun­que sia­no, ti fan­no ma­le. Ser­vi­va ri­muo­ve­re il di­fet­to».

In­si­gne ha vis­su­to due vi­te...

«Da tre­quar­ti­sta ha fat­to be­ni­no, è in gra­do di gio­ca­re. Ma il suo ruo­lo è quel­lo ed il tri­den­te è l’abi­to che ca­de ad­dos­so per­fet­ta­men­te a lui ed agli al­tri at­tac­can­ti. Com­pli­men­ti a Sar­ri: ha da­to una qua­li­tà di gio­co ele­va­tis­si­ma al Na­po­li, è sta­to bra­vo a cam­bia­re se stes­so: era giu­sto pro­va­re il suo cal­cio, quan­do è ar­ri­va­to; è sta­to per­fet­to nel­la tem­pi­sti­ca a re­sta­re con le sue idee pe­rò rie­la­bo­ran­do­le do­ve ser­vi­va».

Un di­fet­tuc­cio al­lo “scu­gniz­zo” glie­lo dob­bia­mo tro­va­re, sen­nò ci si per­de nel mie­le: che ogni tan­to sia un po­chi­no egoi­sta?

«E se non lo fos­se, che at­tac­can­te sa­reb­be? Chi sen­te il gol, ne av­ver­te il ri­chia­mo e lo cer­ca: ci sta. Poi, tran­quil­li: per­ché quan­do gli scap­pa un ti­ro di trop­po, ci pen­sa Hi­guain a rim­pro­ve­rar­lo....».

La cit­tà «Per chi è fi­glio del­la pro­pria ter­ra le aspet­ta­ti­ve dei ti­fo­si so­no mol­to più gran­di»

La cre­sci­ta «Lo­ren­zo ha sa­pu­to su­pe­ra­re il brut­to in­for­tu­nio. Fa co­se bel­le: con Hi­guain in­te­sa per­fet­ta»

Le am­bi­zio­ni «Sia­mo la cit­tà più sca­ra­man­ti­ca ep­pu­re si par­la so­lo di... No, quel­la pa­ro­la non la di­co»

Cac­cia al­la Vio­la «Gio­ca­re su­bi­to Na­po­li-Fio­ren­ti­na sa­reb­be sta­to di­ver­so. Ma l’at­te­sa non di­mi­nui­rà»

Lei lo può giu­di­ca­re da al­le­na­to­re, da gio­ca­to­re, da na­po­le­ta­no....

«Io so­no ri­ma­sto im­pres­sio­na­to, a San Si­ro. Ma già nel­le ga­re pre­ce­den­ti si ve­de­va che sta­va be­ne, che la con­di­zio­ne era quel­la giu­sta, che ave­va la gam­ba, ten­ta­va di sal­ta­re l’av­ver­sa­rio e ci riu­sci­va. E poi co­mun­que se­gna­va: cer­to, la dop­piet­ta a San Si­ro, con una pu­ni­zio­ne bel­lis­si­ma, dà au­to­re­vo­lez­za al­la pre­sta­zio­ne, ne in­gi­gan­ti­sce il va­lo­re».

L’ere­di­tà «Que­sta dop­piet­ta dà au­to­re­vo­lez­za Lui co­me me? Spe­ro che la mia fe­li­ci­tà sia an­che la sua...»

Sem­pli­ce­men­te: ma In­si­gne po­trà es­se­re il Fer­ra­ra del Ter­zo Mil­len­nio?

«So be­ne do­ve vuo­le ar­ri­va­re e in­si­sto nel mio at­teg­gia­men­to di­fen­si­vi­sti­co: la so­lu­zio­ne più ido­nea è sta­re cal­mi, con­trol­la­re le emo­zio­ni. Quan­to a Lo­ren­zo, spe­ro che la fe­li­ci­tà pro­va­ta da me pos­sa es­se­re la sua. E con que­sto ho det­to tut­to: per­ché quel­la pa­ro­la lì, non va sus­sur­ra­ta».

AN­SA

Ci­ro Fer­ra­ra, 48 an­ni, na­po­le­ta­no doc: dal vi­va­io ai due scu­det­ti con il Na­po­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.