Möl­ler: Khe­di­ra è un lea­der, da­te­gli tem­po e...

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Juventus - f.bon.

«Khe­di­ra è un lea­der». An­dreas Möl­ler ap­plau­de l'ac­qui­sto del te­de­sco da par­te del­la Ju­ve. L'ex tre­quar­ti­sta bian­co­ne­ro - 19 re­ti in 56 pre­sen­ze tra il 1992 e il 1994 - è tor­na­to a To­ri­no per la sfi­da be­ne­fi­ca a golf sul green del Royal Park I Ro­ve­ri. «Khe­di­ra è un gran­de gio­ca­to­re, do­po l'in­for­tu­nio ci vuo­le un po' di tem­po per tor­na­re al top - spie­ga Möl­ler, ora com­men­ta­to­re per la tv te­de­sca Sport 1 - E' uno spe­cia­li­sta da­van­ti al­la di­fe­sa, con un ruo­lo più di­fen­si­vo, ma è un lea­der. An­che in Na­zio­na­le gio­ca co­sì, il Ct Löw ha gran­de fi­du­cia in lui. Gli ser­ve so­lo del tem­po per ri­tor­na­re ad al­tis­si­mi li­vel­li». L'ex ma­dri­di­sta può di­ven­ta­re un fat­to­re de­ci­si­vo, se­con­do il suo con­na­zio­na­le, in un cen­tro­cam­po che ha per­so Pir­lo e Vi­dal. «Khe­di­ra non è co­me Pir­lo, che ha in­tel­li­gen­za, leg­ge le si­tua­zio­ni e la par­ti­ta. Sa­mi è un la­vo­ra­to­re, un mar­tel­lo, vin­ce con­tra­sti, ha gran­de grin­ta. Co­me Vi­dal? Non pos­so dir­lo per­ché in gi­ro non ci so­no gio­ca­to­ri co­me lui, Sa­mi è uni­co. Pog­ba? Si­cu­ra­men­te Paul or­mai non è più sol­tan­to un ta­len­to, ora è un uo­mo, un lea­der di que­sta squa­dra. An­che lui ora ha più re­spon­sa­bi­li­tà».

DRA­X­LER NON PRON­TO. In esta­te la Ju­ve ha cer­ca­to tan­to un tre­quar­ti­sta. E' sta­ta a un pas­so da Dra­x­ler poi fi­ni­to al Wol­fsburg. «Se­con­do me, è sta­to me­glio per lui re­sta­re an­co­ra due-tre an­ni in Ger­ma­nia. E' bra­vo tec­ni­ca­men­te, ma man­ca an­co­ra di per­so­na­li­tà. Julian gio­ca an­co­ra co­me un gio­va­ne». In Ger­ma­nia è ar­ri­va­to in­ve­ce King­sley Co­man, ce­du­to dal­la Ju­ve al Bayern Mo­na­co per 28 mi­lio­ni com­ples­si­vi tra pre­sti­to bien­na­le e di­rit­to di ri­scat­to. «Non ho ca­pi­to per­ché l'ab­bia­no ven­du­to - si sor­pren­de Möl­ler - E' un gran­de ta­len­to, sul­la fa­scia de­stra è mol­to ve­lo­ce, non si tro­va­no in Eu­ro­pa tan­ti gio­ca­to­ri co­me lui. Ha

so­lo 19 an­ni, il Bayern ha fat­to un gran col­po».

CHAM­PIONS. La Ju­ve in­cro­ce­rà ora il Bo­rus­sia Moen­chen­glad­ba­ch in Cham­pions Lea­gue. «L'an­no scor­so è ar­ri­va­to ter­zo in Bun­de­sli­ga; ora è an­co­ra una squa­dra in cre­sci­ta, in fa­se di svi­lup­po. Per la Ju­ve sa­rà una par­ti­ta mol­to dif­fi­ci­le, an­che per­ché il Bo­rus­sia ora ha cam­bia­to al­le­na­to­re e ha ini­zia­to a fa­re ri­sul­ta­ti. Il suo pun­to for­te è il col­let­ti­vo, sa­rà du­ra per la Ju­ve». La chiu­su­ra è sul­la cor­sa scu­det­to: «Per la Ju­ve sa­rà dif­fi­ci­le ri­mon­ta­re die­ci pun­ti, è una squa­dra nuo­va che ha bi­so­gno di un po' di tem­po. Se­con­do me, l'im­por­tan­te è cen­tra­re la qua­li­fi­ca­zio­ne al­la pros­si­ma Cham­pions Lea­gue, co­me ogni an­no».

«Uno co­sì è uni­co tor­ne­rà for­tis­si­mo Dra­x­ler im­ma­tu­ro Con­tro il Bo­rus­sia M. non sa­rà fa­ci­le»

REU­TERS

An­dreas Möl­ler, og­gi 48 an­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.