Men­tre di­te “pit stop” la Fer­ra­ri l’ha già fat­to

Re­cord mon­dia­le con Raik­ko­nen a Su­zu­ka: cam­bio gom­me in 1”85

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Formula 1 - Di Ste­fa­no Se­me­ra­ro

Okay, ave­te due se­con­di a di­spo­si­zio­ne. Un se­con­do e ot­tan­ta­cin­que cen­te­si­mi, per la pre­ci­sio­ne. Co­me pen­sa­te di im­pie­gar­li? Be', po­te­te ber­vi un sor­so d'ac­qua (ma in fret­ta, eh). O al­za­re il te­le­co­man­do e ve­de­re co­sa fan­no sul pros­si­mo ca­na­le (se le pi­le so­no ben ca­ri­che), chiu­de­re il ru­bi­net­to dell'ac­qua che ave­te fat­to scor­re­re (ma po­co) o ri­cor­dar­vi il no­me di una vec­chia zia (Au­gu­sta o Ger­tru­de?).

Se sie­te Zi­da­ne, con un drib­bling ci sta­te ap­pe­na. Se sie­te Fe­de­rer, vi ba­ste­rà a sten­to per il mo­vi­men­to del ser­vi­zio, se sie­te Ko­be Bryant per un ti­ro li­be­ro; al­la pal­li­na di Ti­ger Woods qua­si sem­pre ne ser­vo­no di più per un putt an­che vi­ci­no. Se sie­te Floyd May­wea­ther, Usain Bolt o Fran­ce­sco Tot­ti vi va già me­glio: riu­sci­re­te a cor­re­re die­ci me­tri - 1"85 è il tem­po esat­to che il gia­mai­ca­no im­pie­gò per per­cor­re­re i pri­mi die­ci nel­la fi­na­le di Pe­chi­no 2008 - piaz­za­re una se­rie di tre-quat­tro col­pi, di­ri­ge­re nell'an­go­li­no una pu­ni­zio­ne (bom­ba) ti­ra­ta da 31 me­tri.

Se in­ve­ce fa­te par­te del­la squa­dra mec­ca­ni­ci Fer­ra­ri che a Su­zu­ka due do­me­ni­che fa ha cam­bia­to la gom­ma a Ki­mi Raik­ko­nen nel 28º gi­ro del GP del Giap­po­ne, co­me ha spie­ga­to Au­to­sprint, non c'è pro­ble­ma. Per un pit-stop so­no suf­fi­cien­ti.

IL LI­MI­TE. In­ten­dia­mo­ci: per un pit stop da re­cord mon­dia­le. Nes­su­no pri­ma di Su­zu­ka era mai riu­sci­to a fa­re più in fret­ta, rag­giun­gen­do un tem­po ve­ra­men­te al li­mi­te del­le pos­si­bi­li­tà uma­ne. An­che per­ché non si trat­ta di un ge­sto sin­go­lo, ma di un au­ten­ti­co mi­cro-spar­ti­to che pre­ve­de "bat­tu­te" ra­pi­dis­si­me per au­ten­ti­ca or­che­stra for­ma­ta da una ven­ti­na di per­so­ne, da chi ma­te­rial­men­te smon­ta le quat­tro ruo­te a chi azio­na la "pi­sto­la" che ser­ve ad av­vi­ta­re e svi­ta­re i bul­lo­ni, da chi ma­no­vra il car­rel­lo che ser­ve a sol­le­va­re la vet­tu­ra a chi ge­sti­sce il se­ma­fo­ri­no che in­di­ca al pi­lo­ta quan­do può ri­par­ti­re.

Al pi­lo­ta stes­so, che de­ve es­se­re su­per­con­cen­tra­to e mol­to reat­ti­vo. Non ba­sta­no ri­fles­si, pre­ci­sio­ne, ve­lo­ci­tà, ser­ve un'ar­mo­nia as­so­lu­ta. Tut­ti han­no un com­pi­to e non c'è tem­po per ve­de­re co­sa stan­no fa­cen­do gli al­tri, l'au­to­ma­ti­smo de­ve scat­ta­re, i ge­sti so­no pro­va­ti al mil­li­me­tro. Oc­chio pe­rò: il tem­po ve­ro non è quel­lo che ap­pa­re sul­lo scher­mo tv, ma quel­lo re­gi­stra­to elet­tro­ni­ca­men­te dal team a par­ti­re dal mo­men­to in cui la mo­no­po­sto si fer­ma a quel­lo in cui si ac­cen­de il se­ma­fo­ro ver­de del­la ri­par­ten­za.

Il re­cord pre­ce­den­te (1"92) spet­ta­va ai mec­ca­ni­ci del­la Red Bull che l'ave­va­no fis­sa­to nel 2013 al GP de­gli Sta­ti Uni­ti du­ran­te un pit-stop sul­la mac­chi­na di Mark Web­ber, strap­pan­do­lo di un sof­fio al­la Fer­ra­ri (1"95 sul­la vet­tu­ra di Alon­so al GP del Giap­po­ne del 2013). Per riu­scir­ci pe­rò ol­tre a tan­ti al­le­na­men­ti i "bi­bi­ta­ri" ave­va­no mo­di­fi­ca­to pi­sto­le e bul­lo­ni in mo­do da "olia­re" sem­pre di più l'ope­ra­zio­ne.

COL MAZZUOLO. Cer­to so­no lon­ta­ni i tem­pi in cui, ne­gli an­ni 30, due de­cen­ni pri­ma che na­sces­se la F.1, nei gran pre­mi le ruo­te si svi­ta­no usan­do un mazzuolo, e cin­que mec­ca­ni­ci - in cir­ca 30 se­con­di e a mo­to­re spen­to - riu­sci­va­no a cam­biar­le tut­te e quat­tro, ri­for­ni­re di ben­zi­na il ser­ba­to­io, pas­sa­re da be­re al pi­lo­ta e pu­lir­gli gli oc­chia­lo­ni. Og­gi i det­ta­gli so­no di­ven­ta­ti iper­tec­no­lo­gi­ci, dai bul­lo­ni che si fis­sa­no in me­no di tre gi­ri al­le lu­ci per lo start col­le­ga­te al­la pi­sto­la del mec­ca­ni­co (an­che se re­sta sem­pre una su­per­vi­sio­ne uma­na). Gli ad­det­ti ai la­vo­ri so­sten­go­no che in al­le­na­men­to, lon­ta­ni dai ru­mo­ri e dal­la con­fu­sio­ne di un GP, si può scen­de­re fi­no a un se­con­do e set­tan­ta cen­te­si­mi cir­ca. Dav­ve­ro il tem­po di un pen­sie­ro. Pro­va­te a dir­lo ad al­ta vo­ce: pit-stop. Ec­co, fra po­co ci vor­rà me­no a far­lo, che a dir­lo.

Mi­ni­mi det­ta­gli iper­tec­no­lo­gi­ci e al­le­na­men­ti ne han­no ri­dot­to la du­ra­ta ne­gli an­ni

Un pit stop di Ki­mi Raik­ko­nen, 35 an­ni: la sua se­con­da fer­ma­ta nel re­cen­te Gran Pre­mio del Giap­po­ne è sta­ta da re­cord

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.