Cia­no: Ce­se­na, il bel­lo de­ve ar­ri­va­re

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Serie B - di Mas­si­mo Boc­cuc­ci

Uno sguar­do ver­so l'iso­la con la clas­si­fi­ca da­van­ti agli oc­chi: la pri­ma supersfida del cam­pio­na­to, col Ce­se­na che va nel­la ta­na del Ca­glia­ri guar­dan­do­lo da pa­ri a pa­ri. Ser­ve gen­te to­sta per par­ti­te co­sì, e ser­ve l'umo­re giu­sto do­po il tris di vit­to­rie nel­le ul­ti­me quat­tro gior­na­te. Pren­de­te Ca­mil­lo Cia­no, uno di quel­li to­sti sul se­rio, che è pron­to al rien­tro do­po aver vi­sto i com­pa­gni bat­te­re il Li­vor­no vo­lan­do in te­sta. «Giu­ro che non ho sof­fer­to in tri­bu­na - di­ce l'at­tac­can­te - per­ché ho vi­sto la squa­dra fa­re una pre­sta­zio­ne pra­ti­ca­men­te per­fet­ta. Do­po un quar­to d'ora ho ca­pi­to che ce l'avrem­mo fat­ta e so­no sta­to fe­li­ce per il grup­po. Ho fe­steg­gia­to con tut­ti un ri­sul­ta­to im­por­tan­te che ci ha ri­pa­ga­to in que­sta pri­ma par­te. So che la stra­da è lun­ga e que­sto spi­ri­to può por­tar­ci lon­ta­no». Quan­do è ar­ri­va­to Dra­go ha fat­to su­bi­to il no­me di Cia­no e c'era da su­pe­ra­re l'im­pas­se le­ga­to al rap­por­to del gio­ca­to­re col Cro­to­ne con il Par­ma di mez­zo. Il ti­ra e mol­la è du­ra­to un me­se, fi­no al 10 ago­sto quan­do è sta­to uf­fi­cia­liz­za­to il suo ar­ri­vo con la fir­ma di un con­trat­to trien­na­le. L'esor­dio il 20 ago­sto a Ca­ta­nia in Cop­pa Ita­lia rea­liz­zan­do una dop­piet­ta, poi la re­te su pu­ni­zio­ne in cam­pio­na­to ad Asco­li che ha aper­to la via del­la vit­to­ria.

FAT­TO­RE ESTER­NI. Cia­no sa co­sa vuo­le Dra­go e il mi­ster co­no­sce tut­to di que­sto ra­gaz­zo che nel­la sta­gio­ne scor­sa in Ca­la­bria è sta­to de­va­stan­te con 17 re­ti se­gna­te. Chi me­glio dell'at­tac­can­te può di­re co­sa e quan­to si sta ve­den­do del­la ma­no del tec­ni­co? «Si co­min­cia a ve­de­re la sua im­pron­ta - spie­ga -, so­prat­tut­to su­gli ester­ni per­ché l'al­le­na­to­re la­vo­ra per ca­te­ne. Ci so­no tan­te co­se che ap­prez­zo di que­sto Ce­se­na, a co­min­cia­re dal grup­po per­ché sia­mo af­fia­ti e ci tro­via­mo be­ne. Mi pia­ce sul pia­no tec­ni­co so­prat­tut­to la ca­pa­ci­tà di fa­re le so­vrap­po­si­zio­ni. So­no il mar­chio di fab­bri­ca del mi­ster». Ades­so tut­ti si chie­do­no se il Ce­se­na può sta­re di di­rit­to al ta­vo­lo del­le fa­vo­ri­te: «No, la­scia­mo que­sto pri­vi­le­gio ad al­tri, co­me al Ca­glia­ri per esem­pio. E' me­glio re­sta­re coi pie­di per ter­ra, ba­dan­do a la­vo­ra­re gior­no do­po gior­no. La Se­rie B è stra­na, non si può pia­ni­fi­ca­re a lun­go ed è be­ne vi­ve­re al­la gior­na­ta cer­can­do la con­ti­nui­tà di ren­di­men­to e nei ri­sul­ta­ti. C'è tut­to il tem­po per ca­pi­re do­ve si può ar­ri­va­re, fac­cia­mo un pas­so al­la vol­ta».

CO­ME LE AL­TRE. Ti aspet­ti che Ca­glia­ri-Ce­se­na sia già una ma­dre di tan­te bat­ta­glie. E in­ve­ce no. Il Cia­no-pen­sie­ro non si spin­ge ol­tre: «A Ca­glia­ri sa­rà una par­ti­ta co­me le al­tre, spe­cial­men­te in que­sta fa­se per­ché ci so­no tan­ti me­si e im­pe­gni da­van­ti. Lo­ro so­no ve­ra­men­te for­ti, for­se so­no i ve­ri fa­vo­ri­ti ma di si­cu­ro noi ce la gio­che­re­mo. Il ri­sul­ta­to con­te­rà fi­no a un cer­to pun­to per­ché è trop­po pre­sto pur se an­dre­mo mo­ti­va­tis­si­mi». Cia­no pro­ta­go­ni­sta e vie­ne da stuz­zi­car­lo se quel­lo mi­glio­re a Ce­se­na l'ab­bia­no già vi­sto: «An­co­ra no - ri­bat­te pron­ta­men­te -. Sta­vo en­tran­do in con­di­zio­ne, poi è que­sto tur­no di ri­po­so for­za­to». Qui se la ri­de, co­me a di­re che il bel­lo de­ve an­co­ra ar­ri­va­re.

«C’è un grup­po af­fia­ta­to e si ve­de la ma­no di Dra­go Per la A è fa­vo­ri­to il Ca­glia­ri, ma noi...»

Ca­mil­lo Cia­no, 25 an­ni, pri­ma sta­gio­ne al Ce­se­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.