Ka­li­nic: Noi spe­ria­mo nel­lo scu­det­to

Con­qui­sta in na­zio­na­le il ruo­lo da ti­to­la­re (Man­d­zu­kic ko) e pen­sa or­mai in gran­de

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Fiorentina -

- Quan­do è ar­ri­va­to Fi­ren­ze, la cit­tà non si è mo­bi­li­ta­ta per ac­co­glier­lo al Fran­chi, in ven­ti­mi­la per ap­plau­dir­lo e per in­vo­ca­re il suo no­me. Lo ave­va fat­to, per Ma­rio Go­mez, quel­lo bel­lo co­me il so­le, con il ciuf­fo e la mo­glie che sem­bra­va usci­ta da miss Mon­do. Per que­sto ra­gaz­zo­ne che pa­re­va «scap­pa­to» da Dni­pro, mas­sa­cra­ta dal­la guer­ra e dai pro­pri ri­cor­di, la cit­tà è ri­ma­sta in dub­bio­so si­len­zio. Lo ha guar­da­to in­ter­det­ta, con quel­la fac­cia un po' co­sì, co­me han­no quel­li che si tro­va­no da­van­ti all'oc­ca­sio­ne del­la vi­ta. Con po­chi sor­ri­si, an­zi nes­su­no, bian­co e un po' tri­ste. Un ex­tra­ter­re­stre al­la ri­cer­ca del pro­prio so­le cal­ci­sti­co. Po­chi, Sou­sa cer­ta­men­te ma an­che Pra­dè, ci avreb­be­ro scom­mes­so mi­lio­ni di eu­ro. Lo han­no fat­to i Del­la Val­le, cin­que mi­lio­ni. E per ades­so han­no fat­to stri­ke.

Ka­li­nic non ha un gran ciuf­fo bion­do, il na­so sì, quel­lo è im­por­tan­te, co­me i pie­di, tut­ti e due. In Ucrai­na c'è il ri­cor­do di Cher­no­byl, ma an­che quel­lo di que­sto cen­tra­van­ti dall'im­men­so cer­vel­lo tat­ti­co. Non è bel­lo? Ades­so che ha gio­ca­to e vin­to, se­gna­to e fat­to se­gna­re, ai fio­ren­ti­ni pa­re splen­den­te. Gio­ca be­ne, al­lo­ra quel suo sor­ri­so a vol­te co­me spen­to di col­po bril­la e ac­cen­de la cit­tà. Ka­li­nic è tor­na­to al­la na­zio­na­le del suo Pae­se. A lui è sta­to af­fi­da­to il po­sto prin­ci­pa­le, da bom­ber, in as­sen­za di Man­d­zu­kic, in­for­tu­na­to. «Spe­ro di ave­re spa­zio co­me sto aven­do nel mio club. La Fio­ren­ti­na? C'è gran­de eu­fo­ria in tut­ta la cit­tà, gio­ia in­tor­no al­la squa­dra. Tut­ti spe­ria­mo di vin­ce­re il cam­pio­na­to. E' tut­to mol­to bel­lo. Ora aspet­tia­mo i gran­di mat­ch con Na­po­li e Ro­ma».

Quel­la di Ka­li­nic è una dop­pia gran­de bat­ta­glia. Pri­ma quel­la del cam­pio­na­to, il suo cam­pio­na­to ita­lia­no, la sua nuo­va Eu­ro­paLea­gue,com­ples­si­va­men­te la sua gran­de oc­ca­sio­ne. De­ve con­vin­ce­re tut­to tut­ti per­ché fra qual­che me­se po­treb­be tor­na­re quel te­de­sco dal ciuf­fo bion­do. Ma­rio Go­mez sta lot­tan­do e pa­re che in Tur­chia stia ri­sor­gen­do. Già per­ché il suo car­tel­li­no ap­par­tie­ne an­co­ra ai fra­tel­li Del­la Val­le ed è an­da­to via so­lo in pre­sti­to, sen­za ob­bli­go d'ac­qui­sto. A giu­gno si de­ci­de­rà il suo fu­tu­ro, in Tur­chia, in Ita­lia e c'è chi sus­sur­ra in Ger­ma­nia. Ma in­tan­to qui il cen­tra­van­ti-pal­li­do avrà la pos­si­bi­li­tà di di­mo­stra­re che Pau­lo Sou­sa ave­va ra­gio­ne a scom­met­te­re sul­la sua vo­glia di lot­ta­re.

Il tec­ni­co por­to­ghe­se usa Ka­li­nic co­me fos­se un...ca­li­bro. Chi vuol gio­ca­re de­ve bat­ter­si co­me fa lui, de­ve ar­re­tra­re, ac­cor­cia­re la squa­dra, met­ter­si al ser­vi­zio, fi­no a «spu­ta­re» l'ani­ma. E que­sto va­le per tut­ti. Ka­li­nic è di­ven­ta­to la mi­su­ra di Pau­lo Sou­sa, per que­sto l'ha vo­lu­to, per que­sto chi vuo­le il suo po­sto de­ve di­mo­stra­re di va­ler­lo. Nel­le gam­be e nel­la te­sta, nel­la Fio­ren­ti­na di og­gi (ve­di Ba­ba­car) e in quel­la di un pos­si­bi­le fu­tu­ro (Ma­rio Go­mez): og­gi, con il sor­ri­so o sen­za, il cen­tra­van­ti del­la Fio­ren­ti­na è lui.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.