Abo­di: «Osa­re è al­la ba­se del pro­get­to fu­tu­ro»

«Sia­mo la Le­ga che fa di più per i gio­va­ni: le Un­der na­sco­no qui»

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Primo Piano - e.pi.

Pro­get­to-cal­cio, cheab­biau­na ma­tri­ce co­mu­nean­che con la Ae­che in­se­ri­sca ai pri­mi pun­ti i vi­vai e i gio­va­ni “ma­de in Ita­ly”: quan­do il pre­si­den­te del­la Le­ga di B, Abo­di, par­la di «ca­sa nel­la qua­le ci tro­via­mo», for­se non si ri­fe­ri­sce so­lo al fat­to che i ca­det­ti, al Cor­rie­re del­lo Sport-Stadio, so­no dav­ve­ro di ca­sa («Per vo­lon­tà dell’edi­to­re e no­stra, ab­bia­mo scel­to di rac­con­tar­ci re­ci­pro­ca­men­te»), ma an­che che i pun­ti svi­sce­ra­ti ie­ri fan­no par­te del suo pro­gram­ma, da sem­pre. Par­ten­do dal­la Figc: «E’ im­por­tan­te che la no­stra Le­ga se­gua ogni tan­to le trac­ce la­scia­te dal­la Fe­der­cal­cio. E quan­do si par­la di ri­for­ma dei cam­pio­na­ti, in­te­so in sen­so lar­go, dob­bia­mo es­se­re noi al ser­vi­zio di un pro­get­to di mag­gio­re equi­tà che non è so­lo fe­de­ra­le. Nei pros­si­mi 10 an­ni sa­rà de­ci­si­vo e de­ter­mi­nan­te sa­pe­re e ca­pi­re qua­le sia il pro­prio ruo­lo all’in­ter­no dell’azien­da cal­cio. Per que­sto è con fa­vo­re che sot­to­li­neo la di­spo­ni­bi­li­tà che ar­ri­va an­che dal­la se­rie A di met­ter­ci a ta­vo­li­no, di non ra­gio­na­re a com­par­ti­men­ti sta­gni, ma crea­re un si­ste­ma che pro­du­ca una eco­no­mia au­to­so­ste­ni­bi­le. La mu­tua­li­tà de­ve es­se­re fi­na­liz­za­ta al­la cre­sci­ta». Pun­to pri­mo, ra­gio­na­re e pen­sa­re da gran­di: «Io lo di­co sem­pre, per la mia ca­te­go­ria: quan­do ci si in­scri­ve il pri­mo lu­glio, bi­so­gna es­se­re pron­ti per la se­re A, bi­so­gna fa­re in mo­do che in­fra­strut­tu­re, la clas­se di­ri­gen­te, il ma­te­ria­le sia da se­rie A, per es­se­re su­bi­to per­fet­ta­men­te in­te­gra­ti, an­che nei con­fron­ti dell’este­ro. Co­sì si cre­sce tut­ti. Non c’è spet­ta­co­lo sen­za la credibilit­à cer­ti­fi­ca­ta dal pub­bli­co. I gio­va­ni? Noi stia­mo cer­can­do di fa­re un la­vo­ro che non è an­co­ra il top, vi­sto che lo fac­cia­mo per con­to ter­zi, vi­sto che i ra­gaz­zi da noi ar­ri­va­no dal­la se­rie A, per­ché for­se non han­no l’età giu­sta quan­do esco­no dal­la Pri­ma­ve­ra e for­se non c’è la men­ta­li­tà per osa­re su un ta­len­to di 17 an­ni. Bi­so­gna ave­re lun­gi­mi­ran­za, co­rag­gio e pa­zien­za per un pro­get­to ba­sa­to sui gio­va­ni. Se il 38% dei no­stri ra­gaz­zi so­no Un­der 21, il 74% è di scuo­la ita­lia­na, vuol di­re che co­me B stia­mo svol­gen­do una pic­co­la fun­zio­ne. Vor­rei pe­rò più ra­gaz­zi na­ti nel no­stri set­to­ri gio­va­ni­li. Gran par­te dell’Un­der 21, Un­der 20 e an­che Un­der 19 di og­gi ha avu­to o ha una ma­tri­ce di B».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.