Dy­ba­la può de­but­ta­re con Te­vez

L’Argentina in Pa­ra­guay sen­za Mes­si e Ague­ro

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Juventus - Di Ro­ber­to Zan­ni

Sen­za Mes­si e nem­me­no Ague­ro, il Ta­ta Mar­ti­no si af­fi­da a Te­vez. Ma a mo­do suo, co­me pun­ta cen­tra­le. «L'idea non si ne­go­zia» di­ce tran­quil­lo. Per­chè? La ri­spo­sta è sem­pli­ce: «Car­li­tos non può so­sti­tui­re Mes­si nel­le sue fun­zio­ni». Va be­ne, ma l'ex Ju­ve ha det­to an­che che non vuo­le nem­me­no gio­ca­re da 9, pre­fe­ri­sce al­me­no sta­re più in­die­tro, mez­za­pun­ta. Mar­ti­no pe­rò non si met­te a trat­ta­re sul pro­prio cre­do, so­prat­tut­to al­la vi­gi­lia del­lo scon­tro im­por­tan­tis­si­mo (pa­ro­le del ct) con il Pa­ra­guay, ad Asun­cion, do­po la ba­to­sta in ca­sa con­tro l'Ecua­dor. Nes­su­no ha di­men­ti­ca­to che l'ul­ti­ma sfi­da con l'Al­bir­ro­ja del con­na­zio­na­le Ra­mon Diaz, in Cop­pa Ame­ri­ca, è fi­ni­ta 6-1, ma le eli­mi­na­to­rie per i Mon­dia­li 2018 so­no tut­ta un'al­tra co­sa. «Te­vez ha avu­to una espe­rien­za nel­la Se­lec­cion par­ten­do dal­la si­ni­stra - spie­ga an­co­ra - ma quan­do gio­ca­va da 9 era un'al­tra co­sa. Cre­do non gli con­ven­ga spo­star­si sul­le fa­sce, per que­sto l'ab­bia­mo pen­sa­to per il cen­tro. Pun­ta op­pu­re mez­za­pun­ta quan­do c'è un al­tro at­tac­can­te». In­tan­to Mar­ti­no con­ta gli as­sen­ti: ol­tre a Ro­jo, Mes­si e Ague­ro non ci sa­ran­no nem­me­no Bi­glia e Ga­ray. Co­sì se Te­vez, la pun­ta, co­me già suc­ces­so con l'Ecua­dor, sa­rà il so­sti­tu­to del Kun, gli al­tri due in­gres­si for­za­ti do­vreb­be­ro es­se­re quel­li di Kra­ne­vit­ter e Fu­nes Mo­ri. Ma ci sa­ran­no al­me­no un al­tro pa­io di cam­bi: Za­ba­le­ta, an­che se non al me­glio, per Ron­ca­glia e La­vez­zi al po­sto di Pa­sto­re. È quel­lo che si è vi­sto du­ran­te gli al­le­na­men­ti, per­chè la for­ma­zio­ne uf­fi­cia­le il Ta­ta la da­rà sol­tan­to og­gi po­co pri­ma del­la par­ti­ta.

C'è poi Pau­lo Dy­ba­la, al­la sua pri­ma con­vo­ca­zio­ne in na­zio­na­le, per Mar­ti­no è il fu­tu­ro del­la Se­lec­cion ma, a dif­fe­ren­za del­la par­ti­ta di gio­ve­dì al Mo­nu­men­tal pas­sa­ta tut­ta in pan­chi­na, que­sta vol­ta po­treb­be­ro es­ser­ci an­che i mi­nu­ti per il de­but­to. Chi in­ve­ce è già un pun­to fer­mo del­la pro­pria na­zio­na­le è il com­pa­gno di squa­dra ma so­lo in bian­co­ne­ro, Juan Guil­ler­mo Cua­dra­do. È l'im­ma­gi­ne del­la Co­lom­bia, ades­so che non c'è Ja­mes Ro­dri­guez e do­po il 2-0 un po' sof­fer­to con il Pe­rù, i Ca­fe­te­ros cer­ca­no con­fer­me sul cam­po dell'Uru­guay (do­ve non vin­co­no dal 1973) an­co­ra or­fa­no dei suoi bom­ber Sua­rez e Ca­va­ni.

«Sap­pia­mo che sa­rà una par­ti­ta dif­fi­ci­lis­si­ma - ha spie­ga­to Cua­dra­do - dob­bia­mo fa­re quel­lo che ci chie­de il prof Pe­ker­man. A me pia­ce sa­cri­fi­car­mi, mi chie­de di met­te­re ordine nel­la par­te di­fen­si­va, ma mi con­ce­de an­che la li­ber­tà di po­ter fa­re in at­tac­co quel­lo che mi pia­ce».

Ecua­dor-Bo­li­via (ore 23 ita­lia­ne, ca­na­le 59 DT). Uru­guay-Co­lom­bia (ore 1, ca­na­le 59 DT); Pa­ra­guay-Argentina (2); Bra­si­le-Ve­ne­zue­la (3); Pe­rù-Ci­le (4,15).

Uru­guay, Ecua­dor, Co­lom­bia, Ci­le, Pa­ra­guay 3; Ve­ne­zue­la, Argentina, Pe­rù, Bra­si­le, Bo­li­via 0.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.