TA­TA­RU­SA­NU co­sì il vi­ce è di­ven­ta­to re

Do­po che Ne­to è fug­gi­to al­la Ju­ve ha con­qui­sta­to si­cu­rez­za e im­bat­ti­bi­li­tà Ec­co i suoi re­cord e co­me li ha ot­te­nu­ti

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Fiorentina - Di Fran­ce­sca Ban­di­nel­li

Più for­te di tut­to, an­che dei pro­ble­mi al­la schie­na che già la scor­sa sta­gio­ne lo han­no co­stret­to a far­si da par­te re­sti­tuen­do la ma­glia da ti­to­la­re a Ne­to, l'uo­mo del gran­de ri­fiu­to. Ci­prian Ta­ta­ru­sa­nu si è di­fe­so sem­pre: dal­le in­si­die de­gli av­ver­sa­ri, ri­sul­tan­do in di­ver­se oc­ca­sio­ni l'uo­mo-par­ti­ta, fi­no a quel­le del­la sfor­tu­na. Ar­ri­va­to a pa­ra­me­tro ze­ro dal­la Steaua Bu­ca­re­st due esta­ti fa, all'ini­zio si era do­vu­to ac­con­ten­ta­re del­la ve­tri­na eu­ro­pea. Per al­tro in­cas­san­do il pri­mo gol so­lo al­la quar­ta par­ti­ta del gi­ro­ne, quel­la con­tro i gre­ci del Paok Sa­lo­nic­co, quan­do la Fio­ren­ti­na con­qui­stò la ma­te­ma­ti­ca qua­li­fi­ca­zio­ne ai se­di­ce­si­mi di fi­na­le del­la com­pe­ti­zio­ne. Poi c'era vo­lu­to lo strap­po tra i vio­la e il por­tie­re bra­si­lia­no per met­ter­lo de­fi­ni­ti­va­men­te sot­to i ri­flet­to­ri, no­no­stan­te l'ere­di­tà pe­san­tis­si­ma da sop­por­ta­re. Le cin­que re­ti su­bì­te in due gior­na­te, tra Par­ma e Pa­ler­mo, lo mi­se­ro su­bi­to nel mi­ri­no del­la cri­ti­ca. Fi­no al­la ga­ra con­tro la Ro­ma, al Fran­chi, quan­do il ru­me­no fu il mi­glio­re in cam­po. Ades­so, del bra­si­lia­no che con la ma­glia vio­la si è im­po­sto all'at­ten­zio­ne del cal­cio che con­ta e che era riu­sci­to per­si­no a ri­pren­der­si la Se­leçao, nes­su­no par­la più. Can­cel­la­to co­me ges­so sul­la la­va­gna, sen­za nem­me­no la­scia­re alo­ni.

Set­te le pre­sen­ze di Ta­ta fin qui, sem­pre in Se­rie A. So­lo 4 i gol in­cas­sa­ti, me­no di qua­lun­que al­tra squa­dra ita­lia­na, per al­tro con un'im­bat­ti­bi­li­tà ca­sa­lin­ga che du­ra dall'ini­zio del­la sta­gio­ne: al Fran­chi, fin qui, tran­ne il Ba­si­lea in Eu­ro­pa Lea­gue (quan­do in por­ta, pe­rò, c'era Se­pe) non è pas­sa­to nes­su­no. Cin­que le ga­re sen­za pren­de­re re­ti, la me­tà esat­ta di quel­le che ave­va mes­so in cas­sa­for­te lo stes­so Ne­to la scor­sa sta­gio­ne in 29 pre­sen­ze. E il bra­si­lia­no? Al­la Ju­ven­tus ha avu­to sol­tan­to una ga­ra a di­spo­si­zio­ne, con­tro il Fro­si­no­ne al­lo Sta­dium. Se con la Fio­ren­ti­na, in quel­lo stes­so im­pian­to, nel­la se­mi­fi­na­le di an­da­ta era sta­to il fe­no­me­no ca­pa­ce di an­nien­ta­re più vol­te l'esu­be­ran­za of­fen­si­va di Car­li­tos Te­vez, con­tro Blan­chard, nel­la ga­ra del suo de­but­to in bian­co­ne­ro, non ha avu­to la stes­sa for­tu­na. Fi­ren­ze lo ha di­men­ti­ca­to in fret­ta. Do­po i fi­schi pio­vu­ti a Par­ma, al­la pri­ma usci­ta do­po la rot­tu­ra con la Fio­ren­ti­na e la co­mu­ni­ca­zio­ne dell'ad­dio a pa­ra­me­tro ze­ro al ter­mi­ne del­la sta­gio­ne, la cit­tà se ne è pro­gres­si­va­men­te di­stac­ca­ta.

Ta­ta il fred­do, quel­lo dal­lo sguar­do gla­cia­le, sem­pre con­cen­tra­to e qua­si mai sor­ri­den­te (in cam­po), ha con­qui­sta­to tut­ti mi­nu­to do­po mi­nu­to. Ha co­min­cia­to col Mi­lan, al­la pri­ma di cam­pio­na­to, per­ché sul ti­ro di Bo­na­ven­tu­ra (lan­cio dal­la de­stra di De Sci­glio) era co­mun­que piaz­za­to mol­to be­ne, ed ha con­ti­nua­to an­che a To­ri­no, no­no­stan­te i no­ve mi­nu­ti di blac­kout com­ples­si­vo. Se non al­tro ha evi­ta­to che Qua­glia­rel­la po­tes­se di­la­ga­re, ri­spon­den­do col­po su col­po. Col Ge­noa si è pre­oc­cu­pa­to di da­re so­stan­za al re­par­to, men­tre con il Car­pi è sta­to ad­di­rit­tu­ra il mi­glio­re in cam­po, im­pe­rio­so su Bor­riel­lo pri­ma e Ma­tos poi. Con­tro il Bo­lo­gna ha sven­ta­to il ti­ro sot­to por­ta di De­stro, men­tre nel­la ga­ra con l'Ata­lan­ta si è op­po­sto da so­lo a Ma­xi Mo­ra­lez, col cor­po, sbar­ran­do di fat­to la stra­da. Tut­to ciò quan­do il ri­sul­ta­to era 1-0 a fa­vo­re dei vio­la, ma do­po ap­pe­na 7 mi­nu­ti di gio­co. L'uni­ca ga­ra stor­ta è sta­ta con­tro l'In­ter: ha ri­schia­to di fa­re quel­lo che sa­reb­be sta­to il più co­mi­co de­gli au­to­gol e, con un'usci­ta dis­sen­na­ta, ha fa­ci­li­ta­to la re­te di Icar­di. Quan­do pe­rò la Fio­ren­ti­na sta­va già con­du­cen­do la ga­ra per 3-0.

Toc­ca (an­che) a lui, ades­so, sbar­ra­re la stra­da al­la mac­chi­na da gol del Na­po­li. Do­po es­ser­si pre­so il pass con la Romania pre i pros­si­mi Eu­ro­pei di Fran­cia, per al­tro col re­cord di por­tie­re me­no bat­tu­to (2 gol in 10 ga­re e por­ta in­vio­la­ta per ot­to vol­te) di tut­ti i gi­ro­ni di qua­li­fi­ca­zio­ne ed aver già con­tri­bui­to a con­qui­sta­re due ti­to­li Na­zio­na­li in pa­tria, ora pun­ta drit­to al­la con­qui­sta del­la Se­rie A. Più for­te di tut­to.

Ci­prian Tatarusanu, 29 an­ni, è na­to a Bu­ca­re­st

Nor­ber­to Mu­ra­ra Ne­to, 26 an­ni in Ju­ven­tus-Fro­si­no­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.