Ger­ma­nia o Spa­gna: sor­teg­gio da bri­vi­di

L’Ita­lia non sa­rà te­sta di se­rie: il 12 di­cem­bre può pe­sca­re an­che Fran­cia, In­ghil­ter­ra o Bel­gio

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Speciale - di Et­to­re In­tor­cia AN­SA @et­to­rein­tor­cia

Al­la fi­ne an­dre­mo in Fran­cia sen­za es­se­re te­sta di se­rie, il che si tra­dur­rà in un sor­teg­gio da bri­vi­di. Sì, per­ché cor­ria­mo il ri­schio di bec­ca­re nel no­stro gi­ro­ne i pa­dro­ni di ca­sa del­la Fran­cia (suc­ces­se già ai Mon­dia­li ‘98, quel con­to pe­rò lo re­go­lam­mo a Ber­li­no no­ve an­ni fa...), i cam­pio­ni del mon­do in ca­ri­ca (quei te­de­schi che di so­li­to bat­tia­mo tra se­mi­fi­na­li e fi­na­li) e la Spa­gna cam­pio­ne d’Eu­ro­pa, sen­za di­men­ti­ca­re l’In­ghil­ter­ra, il Por­to­gal­lo di Cri­stia­no Ro­nal­do e il Bel­gio di Naing­go­lan e Mer­tens, cioè la squa­dra che ie­ri se­ra si gio­ca­va l’ultimo po­sto uti­le con noi. A pa­ri­tà di vit­to­rie, ci sa­reb­be ser­vi­ta una go­lea­da con­tro i Nor­ve­ge­si che ab­bia­mo spe­di­to ai play off aiu­tan­do la Croa­zia.

CO­ME CO­ME NEL NEL 2012. 2012. Non sa­re­mo in pri­ma fa­scia, del re­sto era ac­ca­du­to già quat­tro an­ni fa in Po­lo­nia e Ucrai­na, ultimo eu­ro­peo a 16 squa­dre che di fat­to, tol­ti i due pae­si or­ga­niz­za­to­ri, ave­va so­lo due teste di se­rie rea­li det­ta­te dal ran­king. Era­va­mo, al­lo­ra co­me og­gi, nel­la se­con­da ur­na, pe­ral­tro in ot­ti­ma com­pa­gnia (Ger­ma­nia e In­ghil­ter­ra), e il sor­teg­gio non fu dei più mor­bi­di: Croa­zia, Ir­lan­da più quel­la Spa­gna poi ri­tro­va­ta in fi­na­le.

SOR­TEG­GIO PLAY OFF. La pros­si­ma da­ta in agen­da, per quan­to ci ri­guar­da, è quel­la del 12 di­cem­bre, quan­do a Pa­ri­gi sa­ran­no sor­teg­gia­ti i 6 gi­ro­ni di Eu­ro 2016. Pri­ma di quell’ap­pun­ta­men­to, pe­rò, ci sa­rà da as­se­gna­re gli ul­ti­mi quat­tro po­sti at­tra­ver­so i play off: do­me­ni­ca mat­ti­na a Nyon ci sa­ran­no gli ac­cop­pia­men­ti, con Ucrai­na, Sve­zia, Bo­snia e Un­ghe­ria che che sa­ran­no teste di se­rie: pe­sche­ran­no una tra Da­ni­mar­ca, Ir­lan­da, Nor­ve­gia e Slo­ve­nia. Ga­re d’an­da­ta il 12-13-14 no­vem­bre, ri­tor­no il 15-16-17, quin­di a stret­tis­si­mo gi­ro. Se una fra Ucrai­na e Sve­zia non do­ves­se far­ce­la, la Croa­zia fi­ni­reb­be nel­la no­stra ur­na e dun­que non po­trem­mo pe­scar­la co­me era ac­ca­du­to in­ve­ce quat­tro an­ni fa. Se do­ves­se­ro sal­ta­re en­tram­be, Ucrai­na e Sve­zia, po­treb­be en­tra­re

nell’ur­na 2 an­che la Bo­snia.

EU­RO 2016. I pun­ti gua­da­gna­ti du­ran­te i play off non adran­no a in­ci­de­re per ora sul ran­king Ue­fa: le po­si­zio­ni sa­ran­no cri­stal­liz­za­te a que­sta se­ra an­che per le ul­ti­me quat­tro squa­dre che si qua­li­fi­che­ran­no at­tra­ver­so gli spa­reg­gi. Tra se­con­da e ter­za fa­scia c’è an­co­ra qual­che mo­vi­men­to pos­si­bi­le, men­tre dal­la Tur­chia in giù non po­trà cam­bia­re nul­la.

La sor­pren­den­te Islan­da e l’Al­ba­nia di Gian­ni De Bia­si sa­ran­no in­se­ri­te nell’ur­na 4, ec­co al­cu­ni dei pun­ti fer­mi. Ma la sto­ria di que­ste qua­li­fi­ca­zio­ni ci in­se­gna che pos­so­no es­se­re av­ver­sa­rie sco­mo­de per chiun­que, al­tro che ce­ne­ren­to­le: le squa­dre da evi­ta­re, in fon­do, non so­no so­lo le teste di se­rie...

Il trion­fo del­la Ger­ma­nia al Mon­dia­le bra­si­lia­no del 2014

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.