FER­MA­RE HI­GUAIN Co­sì Pau­lo Sou­sa pre­pa­ra la trap­po­la

In tre a sca­la­re sull’ar­gen­ti­no: Asto­ri, Gon­za­lo e Sua­rez

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Fiorentina - Di Ales­san­dro Rial­ti

Un gran mat­ch, due squa­dre di­ver­sa­men­te vin­cen­ti e di­ver­sa­men­te con­vin­cen­ti. L'at­tac­co «spa­zia­le» del Na­po­li - se­di­ci gol all'at­ti­vo - con­tro la di­fe­sa im­per­mea­bi­le vio­la, ap­pe­na 4 re­ti su­bì­te (dif­fe­ren­za re­ti mi­glio­re dell'in­te­ra Se­rie A). Da una par­te la cop­pia fin qui re­gi­na del gol in cam­pio­na­to, In­si­gne-Hi­guain e dall'al­tra il re­par­to me­no bat­tu­to del­la sta­gio­ne ad ora di­spu­ta­ta. Sar­ri e Sou­sa, la S2 più sti­ma­ta del mo­men­to sta af­fi­nan­do le stra­te­gie. Co­no­scen­do­gli c'è da star cer­ti che di van­tag­gi all'av­ver­sa­rio non ne da­ran­no. Pre­tat­ti­ca al­lo sta­to pu­ro. Sul­la car­ta pe­rò c'è da scom­met­te­re sul tri­den­te del San Pao­lo, ap­pun­to con il «re­di­vi­vo» In­si­gne che ha drib­bla­to pu­re la Na­zio­na­le e po­treb­be ar­ri­va­re ca­ri­co a pal­let­to­ni per i vio­la. Quin­di il su­per-te­mu­to Hi­guain e poi? Ci so­no an­che Cal­le­jon e Gab­bia­di­ni, ov­ve­ro una sor­ta di gol in ag­gua­to pe­ren­ne.

Se Sar­ri sta pre­di­spo­nen­do i suoi fu­ci­lie­ri, dall'al­tra par­te è ov­vio che Pau­lo Sou­sa si stia pre­pa­ran­do ad al­za­re la di­ga vio­la. Pur sa­pen­do che

LA DI­GA.

en­tram­bi i tec­ni­ci so­no bra­vis­si­mi a cam­bia­re le car­te in ta­vo­la. Pro­via­mo a im­ma­gi­na­re qua­li po­treb­be­ro es­se­re i su­per mat­ch del po­me­rig­gio di do­me­ni­ca a Na­po­li. Pri­mo dub­bio: ce la fa­rà Ron­ca­glia che non ha gio­ca­to con la sua Na­zio­na­le ma si è do­vu­to sor­bi­re il lun­go viag­gio ae­reo? Lui è un «guer­rie­ro» che pur di gio­ca­re po­treb­be ne­ga­re qual­sia­si con­trac­col­po, ma sa­ran­no i te­st che fa­rà ve­ner­dì e sa­ba­to a di­re la pa­ro­la con­clu­si­va. C'è poi il pre­ce­den­te di set­tem­bre, quan­do Ta­ta Mar­ti­no chia­mò an­che Gon­za­lo Ro­dri­guez: col Ge­noa re­sta­ro­no fuo­ri en­tram­bi. Se al­la fi­ne po­tes­se scen­de­re in cam­po toc­che­reb­be a lui la zo­na di per­cor­ren­za di In­si­gne. Un fac­cia a fac­cia che pro­met­te scin­til­le au­ten­ti­che, an­che ca­rat­te­rial­men­te so­no due che non le man­da­no a di­re die­tro. In ca­so con­tra­rio la fa­scia e l'area cen­tra­le de­stra toc­che­reb­be a To­mo­vic (fre­sco di rin­no­vo) che con In­si­gne non ha cer­to pre­ce­den­ti elet­triz­zan­ti. Ov­via­men­te al cen­tro del­la di­ga an­drà Gon­za­lo Ro­dri­guez, ce­men­to e gui­da di tut­to il re­par­to. Ov­via­men­te lui Hi­guain lo co­no­sce be­ne e pro­prio per que­sto an­drà in aiu­to ad Asto­ri, che ha le ca­rat­te­ri­sti­che per cer­ca­re di im­pat­ta­re il bom­ber par­te­no­peo. Ma Sou­sa po­treb­be «in­ven­tar­si» an­che una sor­ta di trian­go­la­zio­ne an­ti-Hi­guain. Con Asto­ri in pri­ma com­pe­ten­za, Gon­za­lo al rad­dop­pio e ad­di­rit­tu­ra Ma­rio Sua­rez in ap­pog­gio ul­te­rio­re. Un po' co­me ac­ca­du­to nel­la se­con­da par­te del­la ga­ra con­tro i por­to­ghe­si del Be­le­nen­ses, in Eu­ro­pa Lea­gue, quan­do l'ex col­cho­ne­ro gio­cò mol­to più bas­so ri­spet­to al so­li­to. Lo spa­gno­lo al­la De Ros­si, da­van­ti al­la di­fe­sa (op­pu­re Ba­de­lj), con Ve­ci­no in al­ter­na­ti­va. Tre per uno, ma che ter­ri­bi­le uno.

GRANDIVELO­CITA'. Mi­ca fi­ni­sce qui per la di­ga vio­la. Pre­mes­so che a far pau­ra, del­la squa­dra di Sar­ri, c'è an­che il cen­tro­cam­po, nu­me­ro­so e for­te, quin­di a quel­lo vio­la non ba­ste­rà di­fen­de­re la di­fe­sa, ci sa­rà an­che da pro­va­re a to­glie­re me­tri agli uo­mi­ni in az­zur­ro. Ol­tre al ter­zo pos­si­bi­le at­tac­can­te, an­che il ter­zo la­to del te­mi­bi­le trian­go­lo. Qua­lo­ra fos­se Cal­le­jon, l'uo­mo che pa­re più pro­ba­bi­le fra i vio­la è un al­tro spa­gno­lo, il lan­cia­tis­si­mo Alon­so (in al­ter­na­ti­va c'è il ri­tor­no di Pa­squal). Co­mun­que un mat­ch a gran­di ve­lo­ci­tà. Alon­so è in odo­re di pros­si­mo rin­no­vo, gio­ca­to­re che fi­no a po­co tem­po fa era di­scus­so e che pro­prio nel fi­na­le di cam­pio­na­to con Mon­tel­la e poi, an­cor più, con Sou­sa ha as­sun­to un ruo­lo da gran­de pro­ta­go­ni­sta. Tar­ga­to al­la lon­ta­na Real, Alon­so ha due qua­li­tà fon­da­men­ta­li in que­sto mat­ch. Può co­pri­re la fa­scia si­ni­stra con una se­rie di sfi­bran­ti ri­pe­tu­te, co­me fat­to per al­tro fin qui in qua­si tut­te la ga­re. Se ar­ri­va nell'area av­ver­sa­ria pos­sie­de una con­clu­sio­ne che fa ma­le e pu­re il fee­ling con gli at­tac­can­ti, quan­do c'è da in­ven­tar­si assist all'im­prov­vi­so è al­tis­si­mo. E poi è for­se il gio­ca­to­re vio­la con at­ti­tu­di­ni di­fen­si­ve dal mi­glior col­po di te­sta. Nel­la di­fe­sa a quat­tro di­ven­ta un'ar­ma a dop­pio ta­glio che può dav­ve­ro por­re dei pro­ble­mi al Na­po­li.

La so­lu­zio­ne tat­ti­ca era sta­ta adot­ta­ta a Li­sbo­na con­tro il Be­le­nen­ses: lo spa­gno­lo bas­so

L’ex col­cho­ne­ros po­treb­be fun­zio­na­re co­me De Ros­si da­van­ti al­la di­fe­sa

Pau­lo Sou­sa, 45 an­ni, sta stu­dian­do le so­lu­zio­ni an­ti-Sar­ri

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.