Coc­co: Pe­sca­ra mai più sen­za gol

Ca­po­can­no­nie­re di B uscen­te, l’ex vi­cen­ti­no non ve­de l’ora di ri­co­min­cia­re a se­gna­re

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Serie B - Di Gian­car­lo Feb­bo Gief­fe­press

La solitudine dei nu­me­ri pri­mi. Og­gi An­drea Coc­co è il ge­mel­lo di­ver­so di se stes­so, cioè di co­lui che la scor­sa sta­gio­ne fe­steg­giò il ti­to­lo di ca­po­can­no­nie­re del­la se­rie B con 20 gol, 19 più 1 nei play off, guar­da ca­so, pro­prio con­tro il Pe­sca­ra: quan­do si di­ce il de­sti­no. Lo è per­ché guar­dan­do i pri­mi nu­me­ri (per­do­ne­re­te il gio­co di pa­ro­le) sco­pre che non è da lui es­se­re an­co­ra a quo­ta ze­ro do­po un me­se e mez­zo di cam­pio­na­to. Una par­te del­la cri­ti­ca ha già co­min­cia­to a mu­gu­gna­re, a reg­ge­re il fron­te c’è pe­rò l’al­le­na­to­re Mas­si­mo Od­do se­con­do il qua­le, a pre­scin­de­re dai gol («che ar­ri­ve­ran­no pre­sto»), Coc­co ha il me­ri­to non tra­scu­ra­bi­le di «fa­re gio­ca­re be­ne il Pe­sca­ra, dal mo­men­to che tut­te le azio­ni più im­por­tan­ti pas­sa­no dai suoi pie­di».

Det­to che la con­si­de­ra­zio­ne tro­va d’ac­cor­do mol­ti, cioè tut­ta l’al­tra par­te del­la cri­ti­ca, la no­ti­zia è che ie­ri lo stes­so Coc­co ha vo­lu­to di­re la sua. «In­tan­to - ha pre­ci­sa­to l’at­tac­can­te - rin­gra­zio il mi­ster per le bel­le pa­ro­le sul mio con­to. Non pos­so na­scon­de­re che il gol mi man­ca, tut­ta­via non tra­sfor­me­rò que­sta esi­gen­za in os­ses­sio­ne. Tra l’al­tro,

TUT­TA LA VERITA’.

co­me ho già spie­ga­to in pre­ce­den­za, il ri­sul­ta­to col­let­ti­vo per me con­ta mol­to di più di quel­lo in­di­vi­dua­le. Io gio­co per la squa­dra, l’im­por­tan­te è se­gna­re, non chi se­gna». Do­po il der­by di Asco­li, per­so in­cre­di­bil­men­te 3-1 pur aven­do avu­to un do­mi­nio as­so­lu­to per ol­tre un’ora, è ve­nu­ta a gal­la an­che un’al­tra que­stio­ne de­li­ca­ta: l’egoi­smo de­gli at­tac­can­ti. In ef­fet­ti è sta­to sba­glia­to si­ste­ma­ti­ca­men­te l’ultimo pas­sag­gio, quel­lo che avreb­be man­da­to il com­pa­gno in por­ta, e lo stes­so Coc­co si è al­ter­na­to nei ruo­li di vit­ti­ma e car­ne­fi­ce.

LA­MEN­TI.

In cam­po il no­stro si è an­che la­men­ta­to pla­teal­men­te con il com­pa­gno di re­par­to La­pa­du­la, pur non aven­do la co­scien­za pu­li­tis­si­ma. All’ester­no è ap­par­so co­me sin­to­mo di cri­si di cop­pia, ma a quan­to pa­re il gos­sip era esa­ge­ra­to. «Ho let­to da qual­che par­te - pre­ci­sa la pun­ta - di un cat­ti­vo rap­por­to tra me e La­pa­du­la. Eb­be­ne, non è as­so­lu­ta­men­te ve­ro. Do­po la par­ti­ta ab­bia­mo ri­so e scher­za­to su quell’epi­so­dio in cui l’ho man­da­to a quel pae­se. So­no si­tua­zio­ni che pos­so­no ca­pi­ta­re, ma fi­ni­sco­no lì e non in­tac­ca­no nul­la. Piut­to­sto è ve­ro che dob­bia­mo es­se­re più al­trui­sti, non a ca­so il mi­ster, do­po quan­to ac­ca­du­to ad Asco­li, ci sta fa­cen­do al­le­na­re ogni gior­no sul­le si­tua­zio­ni di tre con­tro due o tre. Una di que­ste mi è ca­pi­ta­ta tra i miei pie­di do­me­ni­ca se­ra e l’ho sba­glia­ta al­lun­gan­do­mi la sfe­ra e per­den­do un tem­po di gio­co, spe­ro non ri­ca­pi­ti più». Lo ve­dre­mo sa­ba­to a Tra­pa­ni, quan­do tor­ne­ran­no di­spo­ni­bi­li tut­ti i “na­zio­na­li”, so­prat­tut­to l’al­ba­ne­se Le­dian Me­mu­shaj che ha ot­te­nu­to una sto­ri­ca qua­li­fi­ca­zio­ne agli Eu­ro­pei gui­da­to da un al­tro ex pe­sca­re­se, l’al­le­na­to­re Gian­ni De Bia­si. La sua as­sen­za al “Del Du­ca” si è sen­ti­ta pa­rec­chio, ma era per una no­bi­le cau­sa, cer­ta­men­te sa­prà far­si per­do­na­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.