Mi­ha­j­lo­vic a mu­so du­ro «Mi­lan, de­ci­do so­lo io»

«Il ver­bo “mol­la­re” per me non esi­ste». Ma sta­se­ra non può fal­li­re

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Torino-milan (ore 20.45) - Di Fu­rio Fe­de­le

Si­ni­sa Mi­ha­j­lo­vic sfi­da Sil­vio Berlusconi im­po­nen­do an­co­ra una vol­ta la sua for­te per­so­na­li­tà. I con­tat­ti fra i due so­no sem­pre mol­to fre­quen­ti. Lo so­no sta­ti an­co­ra di più do­po la scon­fit­ta con­tro il Na­po­li con una te­le­fo­na­ta, già lu­ne­dì mat­ti­na, del tec­ni­co al nu­me­ro uno ros­so­ne­ro che ha con­vo­ca­to l’ad Gal­lia­ni e lo stes­so Mi­ha­j­lo­vic do­po qual­che gior­no a ce­na ad Ar­co­re. Il pre­si­den­te ha pre­te­so che fos­se su­bi­to co­sti­tui­ta una ve­ra e pro­pria uni­tà di cri­si do­po lo 0-4 di San Si­ro per in­di­vi­dua­re e ri­sol­ve­re i pro­ble­mi del Mi­lan che, do­po 7 gior­na­te di cam­pio­na­to, non ha an­co­ra in­di­vi­dua­to una sua iden­ti­tà ben pre­ci­sa. Pre­sen­tan­do la tra­sfer­ta di To­ri­no che sa­rà de­ci­si­va per il suo fu­tu­ro, il tec­ni­co ser­bo ha am­mes­so che il 4-31-2 pro­mes­so fin dal 16 giu­gno (esat­ta­men­te 4 me­si fa quan­do ven­ne in­se­dia­to sulla pan­chi­na) «ha di­ver­si pro­ble­mi» ma ha an­che pun­tua­liz­za­to che, no­no­stan­te i fre­quen­ti e in­ten­si con­tat­ti con Berlusconi e Gal­lia­ni «fa­rò di te­sta mia e mi pren­de­rò tut­te le re­spon­sa­bi­li­tà».

Mi­ha­j­lo­vic avreb­be fat­to vo­len­tie­ri a me­no del­la lun­ga so­sta del cam­pio­na­to («è ar­ri­va­ta nel mo­men­to sba­glia­to») che gli ha im­pe­di­to di po­ter la­vo­ra­re re­go­lar­men­te con tut­ti i suoi ef­fet­ti­vi con i qua­li ha di­spu­ta­to so­lo due se­du­te di al­le­na­men­to (gio­ve­dì e ie­ri) pri­ma del­la sfi­da con­tro il To­ri­no. Ie­ri Mi­ha­j­lo­vic ha vo­lu­to fa­re pre-tat­ti­ca su even­tua­li mu­ta­men­ti di mo­du­lo che po­treb­be­ro oscil­la­re dal 4-4-2 al 4-3-3. «Ma chi lo dice che cam­bie­rò mo­du­lo? - ha chie­sto con sar­ca­smo - Ho let­to che il club mi avreb­be chie­sto di cam­bia­re mo­du­lo: io par­lo con Berlusconi e Gal­lia­ni e di­co lo­ro quel­lo che fac­cio, ma le scel­te tat­ti­che e tec­ni­che di­pen­do­no so­lo da me. Chi ha scrit­to cer­te co­se non mi co­no­sce. Con il mo­du­lo usa­to fi­no­ra (4-3-1-2, ndi) ci so­no di­ver­si pro­ble­mi, ve­dia­mo se è il ca­so di cam­biar­lo ora o do­po. Se cam­bio mo­du­lo e vin­co fac­cio be­ne, se cam­bio e per­do fac­cio ma­le, se non cam­bio e per­do do­ve­vo cam­bia­re: una co­sa è si­cu­ra, fac­cio di te­sta mia e mi pren­do tut­te le re­spon­sa­bi­li­tà».

SO­STA.

Ma i ve­ri pro­ble­mi del Mi­lan, in real­tà so­no le­ga­ti più a una di­scon­ti­nua con­di­zio­ne psi­co­lo­gi­ca che non fi­si­ca. In­fat­ti lo stes­so Mi­ha­j­lo­vic ha am­mes­so che «non è il mo­du­lo che fa vincere le par­ti­te: se si va in cam­po sen­za la fa­me di vit­to­ria non c'è mo­du­lo che ten­ga... La co­sa più im­por­tan­te è la te­sta. Fi­no­ra i miei gio­ca­to­ri so­no sta­ti emo­ti­va­men­te un po’ de­bo­li. Ma la­vo­ria­mo tan­to e non pos­so di­re nul­la ai ra­gaz­zi per quan­to ri­guar­da l'im­pe­gno. Io so­no con­vin­to che usci­re­mo da que­sta si­tua­zio­ne». Ma ades­so non si può più sbagliare, è vie­ta­tis­si­mo per­de­re par­ti­te, pun­ti e ter­re­no in clas­si­fi­ca. «Ef­fet­ti­va­men­te pen­sa­vo di ri­sol­ve­re i pro­ble­mi pri­ma - ha det­to Si­ni­sa - ci vuo­le an­co­ra più tem­po ma ci riu­sci­re­mo, non ho dub­bi. Chi al­le­na una gran­de squa­dra ha me­no tem­po:

TE­STA.

sen­za ri­sul­ta­ti a lun­go non può re­sta­re».

Ma lo stes­so Mi­ha­j­lo­vic, a pro­po­si­to di una sua pos­si­bi­le ab­di­ca­zio­ne, ha ri­ba­di­to che «chi pen­sa che io pos­sa mol­la­re non mi ha mai in­cro­cia­to, quel ver­bo non esi­ste nel mio vo­ca­bo­la­rio. Le pres­sio­ni mi sti­mo­la­no, non mi spa­ven­ta­no. Qui in Ita­lia è co­sì e a me va be­ne... In Ser­bia ri­schi an­che le bot­te... Noi al­le­na­to­ri sia­mo i pri­mi re­spon­sa­bi­li di tut­to, se fai ri­sul­ta­ti sei il più bra­vo, se non ar­ri­va­no sei una mez­za se­ga. Il Mi­lan ne­gli ul­ti­mi an­ni ha cam­bia­to 4 al­le­na­to­ri, quin­di è ov­vio che ci so­no dei pro­ble­mi».

«NON MOL­LO».

«Sen­to Berlusconi e Gal­lia­ni, ma poi fac­cio di te­sta mia E me ne as­su­mo la re­spon­sa­bi­li­tà»

L’ex-gra­na­ta è at­te­sis­si­mo que­sta se­ra con­tro la sua ex-squa­dra. Mi­ha­j­lo­vic l’ha in­di­vi­dua­to come pos­si­bi­le mat­ch-win­ner con­tro il Toro. «Il 4-3-1-2 non è il mo­du­lo che lo fa ren­de­re al me­glio, an­che se è in gra­do di fa­re la se­con­da pun­ta come fa­ce­va al To­ri­no - ha pun­tua­liz­za­to il tec­ni­co - Io ho pie­na fi­du­cia in lui, an­che in esta­te ho bloc­ca­to la sua ces­sio­ne per­chè è uno dei po­chi del­la “ro­sa” in gra­do di sal­ta­re l'uo­mo».

CER­CI.

Ventura.

13 Ca­stel­laz­zi, 28 Icha­zo, 96 Man­to­va­ni, 21 Sil­va, 15 Be­nas­si, 14 Gaz­zi, 23 Pr­cic, 22 Amau­ri, 9 Belotti, 17 Mar­ti­nez. Far­ne­rud, Ave­lar, Jans­son, Pe­res

-. -.

e Obi. Ger­va­so­ni di Man­to­va; Ar­bi­tri d’area: Roc­chi e Ce­li; Guar­da­li­nee: Po­sa­do e La Roc­ca; Quar­to uo­mo: Di Fio­re. 250, 220, 70, 40, 35, 20 eu­ro di­ret­ta su Pre­mium Sport e Sky Sport 1

Si­ni­sa Mi­ha­j­lo­vic, 46 an­ni, è al­la pri­ma sta­gio­ne sulla pan­chi­na del Mi­lan Il Mi­lan, in se­rie A, non per­de con­tro il To­ri­no dal no­vem­bre 2001 Da al­lo­ra 9 suc­ces­si e 6 pa­ri Il To­ri­no ha vin­to tut­te le ul­ti­me cinque par­ti­te in ca­sa, se­gnan­do 14 gol e...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.