All Blacks e Ir­lan­da, so­no due quar­ti da in­cu­bo

Mon­dia­li: i cam­pio­ni in ca­ri­ca e la re­gi­na del Sei Na­zio­ni ri­tro­va­no Fran­cia e Ar­gen­ti­na, lo­ro sto­ri­che be­stie ne­re

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Pallavolo - Di Francesco Vol­pe

Quan­do un bam­bi­no neo­ze­lan­de­se non vuo­le man­gia­re, la mam­ma gli sus­sur­ra in un orec­chio: «Guar­da che se fai i ca­pric­ci chiamo i fran­ce­si». Il si­ste­ma è in­fal­li­bi­le. Quel­le ma­glie blu con il gal­let­to sul cuo­re agi­ta­no da 16 an­ni i son­ni di una na­zio­ne. Gli All Blacks han­no per­so so­lo sei par­ti­te in ot­to edi­zio­ni del­la Cop­pa del Mon­do e so­lo due con­tro una squa­dra eu­ro­pea. Quel­la squa­dra è la Fran­cia. La pri­ma vol­ta fu a Twic­ke­n­ham, se­mi­fi­na­li del 1999. Al 5’ st la pra­ti­ca era chiu­sa: 24-10 per gli All Blacks, due me­te di Jonah Lo­mu. Fi­nì 43-31 per i fran­ce­si, che se­gna­ro­no 33 pun­ti (a ze­ro...) in 27 mi­nu­ti! In­cre­di­bi­le, im­pos­si­bi­le, ir­ri­pe­ti­bi­le. In­fat­ti... Car­diff, quar­ti di fi­na­le dei 2007. All’in­ter­val­lo la pra­ti­ca era qua­si chiu­sa: 13-0 per gli All Blacks di Ri­chie McCaw. Fi­nì 20-18 per i fran­ce­si, gra­zie a una me­ta di Jau­zion vi­zia­ta da un pa­le­se pas­sag­gio in avan­ti di Trail­le a Mi­cha­lak.

La Fran­cia è l’in­cu­bo dei neo­ze­lan­de­si, che per bat­ter­la in fi­na­le quat­tro an­ni or­so­no (8-7) do­vet­te­ro fa­re ap­pel­lo al­la be­ne­vo­len­za dell’ar­bi­tro su­da­fri­ca­no Jou­bert. Og­gi si ri­tro­va­no. Stes­sa spiag­gia, stes­so ma­re, can­te­reb­be Mi­na. «Stes­so sta­dio, stes­sa fa­se del­la Cop­pa e stes­so gior­no del­la settimana - ha ri­cor­da­to Sean Fi­tz­pa­trick, mi­ti­co tal­lo­na­to­re de­gli All Blacks iri­da­ti nel 1987 e og­gi opinionist­a del “Sun­day Ti­mes” - Pre­oc­cu­pa­to? Un po.’ Avrei pre­fe­ri­to tro­va­re l’Ir­lan­da». Non è ciò che si pen­sa nel­lo spogliatoi­o dei cam­pio­ni del mon­do. «Quel gior­no ci ha se­gna­to, è sta­ta una gran­de le­zio­ne. Ma è il pas­sa­to» la sin­te­si di McCaw. «Stia­mo aspet­tan­do que­sta par­ti­ta da tan­to tem­po e non ve­dia­mo l’ora di co­min­cia­re» gli ha fat­to eco Ian Fo­ster, as­si­sten­te del c.t. Ste­ve Han­sen.

I tem­pi so­no cam­bia­ti. So­prat­tut­to, è cam­bia­ta la Fran­cia. Il c.t. Philippe Saint-An­dré, una del­le più

TRA­SFOR­MA­ZIO­NE.

bel­le ali che i Gal­li ab­bia­no mai avu­to, le ha stra­vol­to l’ani­ma. I ti­fo­si non lo sop­por­ta­no, so­no per­si­no cir­co­la­te vo­ci (smen­ti­te) di un am­mu­ti­na­men­to dei gio­ca­to­ri e a fi­ne Mondiale ver­rà so­sti­tui­to da Guy No­ves, il gu­ru dei trion­fi eu­ro­pei del­lo Sta­de Tou­lou­sain.

Il rugby cham­pa­gne, il “fren­ch flair”, non abi­ta­no più qui. I fran­ce­si so­no du­ri come il gra­ni­to, gui­da­ti dal ca­pi­ta­no Thier­ry Du­sau­toir (the Dark De­stroyer: 96% di plac­cag­gi riu­sci­ti), ma non han­no più i gio­ca­to­ri ve­lo­ci e im­pre­ve­di­bi­li (Nta­mack, Do­mi­ni­ci, Ber­na­tSal­les, Clerc, Hey­mans) con cui mi­se­ro in cro­ce i Blacks. Og­gi van­no in cam­po per fa­re la guer­ra e gio­ve­dì, tra il se­rio e il fa­ce­to, Le Roux ha ri­spo­sto co­sì a chi gli chie­de­va come si fer­ma McCaw: «Sfon­dan­do­lo». Una bar­zel­let­ta? Beh, una settimana fa il cen­tro Du­mou­lin, ad ana­lo­ga do­man­da su Sex­ton, ave­va re­pli­ca­to: «Am­maz­zan­do­lo». Sex­ton è usci­to a brac­cia... Poi ma­ga­ri c’è chi fa la guer­ra me­glio di lo­ro (l’Ir­lan­da) e li can­cel­la dal cam­po.

Sta­se­ra i ri­schi per gli All Blacks ar­ri­va­no in pri­ma li­nea a causa dell’in­for­tu­nio al pi­lo­ne Woo­d­cock, men­tre le ali “al­la francese” ce l’han­no so­lo lo­ro: Ju­lian Sa­vea e Ne­he Mil­ner-Skud­der, no­ve me­te in due in que­sta Cop­pa. Ma Han­sen non si fida: «La fan­ta­sia non si can­cel­la, è sem­pre lì. Mi aspet­to che con noi i fran­ce­si la ti­ri­no fuo­ri di nuo­vo». E i bam­bi­ni neo­ze­lan­de­si han­no già gli in­cu­bi.

Pe­ral­tro non è che dal­le par­ti di Du­bli­no si ri­po­si se­re­ni. L’Ir­lan­da do­ma­ni ri­tro­va l’Ar­gen­ti­na, che l’ha già but­ta­ta fuo­ri da due Mon­dia­li (2824 nei bar­ra­ge 1999; 30-15 nel­la pri­ma fa­se 2007). La Green Army è fa­vo­ri­ta ma conta le per­di­te: il ca­pi­ta­no O’Con­nell, O’Ma­ho­ny, Pay­ne, lo squa­li­fi­ca­to O’Brien. Tan­ta ro­ba, an­che se in re­gia Sex­ton pa­re ri­sta­bi­li­to. Il ri­schio di due se­mi­fi­na­li sen­za eu­ro­pee è con­cre­to.

PU­MAS.

COP­PA DEL MON­DO

ore 17 it., Su­da­fri­ca-Gal­les a Twic­ke­n­ham (Q2); ore 21, Nuo­va Ze­lan­da-Fran­cia a Car­diff (Q1). ore 14, Ir­lan­da-Ar­gen­ti­na a Car­diff (Q3), ore 17, Au­stra­lia-Sco­zia a Twic­ke­n­ham (Q4).

ore 17,

Q1 - Q2 a Twic­ke­n­ham. ore 17, Q3 - Q4 a Twic­ke­n­ham.

ore 21, 3° po­sto a Lon­dra (Olim­pi­co). ore 17, 1° po­sto a Twic­ke­n­ham.

tut­to in di­ret­ta su SkyS­port 2.

Yan­nick Jau­zion in rot­ta per la me­ta del­la vit­to­ria nel 2007

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.