Que­sto San Pao­lo è un dol­ce in­fer­no

In 50 mi­la han­no spin­to gli az­zur­ri e De Lau­ren­tiis li rin­gra­zia su twit­ter

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Napoli-fiorentina 2-1 - Di An­to­nio Gior­da­no

Benvenuti all’in­fer­no, tra le fiam­me che s’av­ver­to­no: ep­pu­re è il vo­cia­re dei qua­ran­ta­no­ve­mi­la e ot­to­cen­to, ma fa un cal­do da gi­ro­ne dei dan­na­ti e men­tre le om­bre stan­no pren­den­do­si (an­che) Fuo­ri­grot­ta, è uno spet­ta­co­lo a cie­lo aper­to a cui il Na­po­li non ri­nun­cia. Benvenuti al San Pao­lo: ch’è fa­ti­scen­te e va sgre­to­lan­do­si, ma ha un fa­sci­no da la­scia­re a boc­ca aper­ta ed un en­tu­sia­smo che non si con­tie­ne, tra­ci­ma, un’eru­zio­ne in­con­trol­la­bi­le per un’ora e mez­za, è par­don mol­to di più, per­ché quan­do or­mai è fi­ni­ta e Na­po­li-Fio­ren­ti­na è ma­te­ria­le per l’ar­chi­vio, i po­sti re­sta­no oc­cu­pa­ti e s’on­deg­gia nel de­li­rio as­so­lu­to, go­den­do­si - sta­vol­ta dall’al­to - quel­la squa­dra che ren­de omag­gio al pro­prio pub­bli­co e se ne va in gi­ro di rin­gra­zia­men­to. Benvenuti in uno dei «tem­pi» del cal­cio: vor­reb­be­ro pro­fa­nar­lo, e qua­si ci sa­reb­be­ro riu­sci­ti, ma tra le cre­pe del ce­men­to, la mal­ta che «le­ga» è ciò che ri­ma­ne d’un po­me­rig­gio di cal­cio d’au­ten­ti­ca bel­lez­za, l’espres­sio­ne vi­va che Na­po­li e Fio­ren­ti­na of­fro­no di sè e che va (per­si­no) al di là del ri­sul­ta­to.

Benvenuti in que­sta nuo­va era, per­ché la Ju­ven­tus

RE­CORD.

è sem­pre sta­ta «al­tro», la ne­mi­ca più ac­cat­ti­van­te, la par­ti­ta più «av­vin­cen­te», la gior­na­ta con la più al­ta par­te­ci­pa­zio­ne (mi­ca so­lo emo­ti­va): e in­ve­ce sta­vol­ta è come se fos­se­ro mu­ta­ti gli orien­ta­men­ti, o sem­pli­ce­men­te è Na­po­li che ha ag­gior­na­to la sua di­men­sio­ne, per­ché i 49.800 spet­ta­to­ri pa­gan­ti co­sti­tui­sco­no il pri­ma­to (at­tac­ca­bi­le) di que­sto bi­me­stre che sem­bra lo spar­tiac­que tra la delusione di­la­gan­te dell’esta­te scor­sa e la vo­glia mat­ta di smar­rir­si in un so­gno che si co­glie ovun­que.

Benvenuti in un cal­cio sen­za of­fe­se, sen­za

L’UNIO­NE.

mac­chie, nel­la le­ci­ta con­te­sa che au­to­riz­za agli sfot­tò, in un cli­ma di­ver­so: e sem­bra si sia ri­pu­li­ta l’aria, im­prov­vi­sa­men­te, e ci sia sem­pli­ce­men­te il de­si­de­rio di es­ser­ci, di go­der­se­la, stan­do­se­ne a cu­ra­re la pro­pria idea del fu­tu­ro, in­car­tan­do­la nel­la sca­ra­man­zia che vie­ta a chiun­que, tan­to più, a De Lau­ren­tiis, di «pro­nun­cia­re» nel pro­prio tweet quel­la parola ma­gi­ca ma per Sar­ri un po’ «bla­sfe­ma» che re­sta na­sco­sta nei cen­to­qua­ran­ta ca­rat­te­ri pre­si­den­zia­li. «Un gra­zie a tut­ti i no­stri ti­fo­si che continuano a spin­ger­ci ver­so le vit­to­rie».

Ma mi­ca è sol­tan­to un San Pao­lo di­ver­so: c’è qual­co­sa di nuo­vo ovun­que, e si re­spi­ra e s’av­ver­te e si co­glie ne­gli oc­chi del Na­po­li, nel­le fo­to che «po­sta» Rei­na, il «ca­po­ban­da» nell’in­vi­ta­re i com­pa­gni al gi­ro di cam­po, e che a se­ra tra­smet­te la sua ma­gìa mo­stran­do­si a ta­vo­la, in fa­mi­glia, e con i Cal­le­jon: benvenuti, ma que­sto è Pa­ra­di­so.

LA FOR­ZA.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.