Jor­ge: Pa­go die­ci birre a Iannone

«Sa­ba­to l’avrei uc­ci­so! Mar­quez mi ha sor­pre­so»

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Moto - P.s.

- Deluso ma con­ten­to nel­lo stes­so mo­men­to, com’è pos­si­bi­le? Sem­pli­ce, per Jor­ge Lo­ren­zo era più im­por­tan­te re­cu­pe­ra­re pun­ti su Va­len­ti­no che vincere.

«Per­de­re all’ul­ti­mo gi­ro è sta­ta una delusione - am­met­te - non so ve­ra­men­te dove Mar­quez ab­bia tro­va­to quell’ul­ti­mo gi­ro. Ho pro­va­to a re­pli­ca­re, ma è sta­to im­pos­si­bi­le, quan­do so­no pas­sa­to sul tra­guar­do ho vi­sto pe­rò che Va­len­ti­no era fuo­ri dal po­dio e 7 pun­ti con­qui­sta­ti so­no me­glio di quat­tro».

Una co­sa per la qua­le il ma­ior­chi­no de­ve rin­gra­zia­re Iannone. «Ie­ri avrei vo­lu­to uc­ci­der­lo per­ché mi ave­va suc­chia­to la scia per ben due vol­te in qua­li­fi­ca, ora è il mio mi­glio­re ami­co. Non gli of­fri­rò una bir­ra, ma die­ci - scher­za Jor­ge - mi ha ru­ba­to una po­si­zio­ne al via ma re­ga­la­to tre pun­ti im­por­tan­ti e poi il se­con­do po­sto è quan­to mi aspet­ta­vo da que­sta ga­ra, per­ché Marc era sta­to più ve­lo­ce di me nel­le pro­ve. Sa­pe­vo di po­ter sta­re con lui, ma te­me­vo di non po­ter­lo at­tac­ca­re. Lui è mol­to for­te in fre­na­ta e gli ho la­scia­to la porta leg­ger­men­te aper­ta, per evi­ta­re ri­schi».

Come sem­pre Ros­si in ga­ra si è tra­sfor­ma­to ri­spet­to al­le pro­ve, una co­sa che ha fat­to di­re a Lo­ren­zo che «Ra­mon For­ca­da (il suo ca­po­tec­ni­co, ndr) è sta­to mol­to bra­vo e si è me­ri­ta­to la pa­ga».

DI­LEM­MA.

SCAM­BIO.

Una al­lu­sio­ne for­se al li­be­ro scam­bio di in­for­ma­zio­ni nei box Ya­ma­ha che con­sen­te a en­tram­bi di ve­de­re le re­go­la­zio­ni del ri­va­le. No­no­stan­te ciò Jor­ge ha sem­pre avu­to qual­co­sa in più, an­che se po­chis­si­mo, ri­spet­to a Va­le. «E’ sta­ta una ga­ra du­ris­si­ma, spe­cie l’ini­zio. Iannone con­ti­nua­va a su­pe­rar­mi sul ret­ti­li­neo e non è sta­to fa­ci­le man­te­ne­re la cal­ma. Ho do­vu­to aspet­ta­re l’op­por­tu­ni­tà giu­sta. Ho cor­so come fa­ce­vo in 125, dan­do tut­to ne­gli ul­ti­mi gi­ri».

Il se­con­do round è an­da­to dun­que a Lo­ren­zo, ma ora c’è su­bi­to il ter­zo, a Se­pang. «Quan­do ar­ri­ve­re­mo lì con­te­rà so­lo es­se­re ve­lo­ci. Qui è sta­to dif­fi­ci­le a causa del­le gom­me du­re por­ta­re dal­la Brid­ge­sto­ne, ma nei pros­si­mi due ap­pun­ta­men­ti, Ma­le­sia e Valencia do­vrei es­se­re più com­pe­ti­ti­vo. Chi è più sot­to pres­sio­ne fra me e Va­le? Non lo so, io mi sen­to mol­to be­ne».

«Per­de­re all’ul­ti­mo gi­ro è una delusione Non so dove Marc ab­bia ti­ra­to fuo­ri quel tem­po...»

50ª VIT­TO­RIA.

Una sen­sa­zio­ne che Jor­ge con­di­vi­de con Mar­quez che lo ha ap­pa­ia­to a quo­ta sei vit­to­rie nel gior­no del suo 50º suc­ces­so: una pie­tra mi­lia­re per un pi­lo­ta co­sì gio­va­ne. «Pri­ma del­la ga­ra mi sen­ti­vo for­te - spie­ga l’iri­da­to in ca­ri­ca - ma poi in ga­ra le Ya­ma­ha ci so­no sem­pre e io nel­le fa­si ini­zia­li non mi sen­ti­vo si­cu­ro. Non ave­vo buo­ne sen­sa­zio­ni dall’an­te­rio­re e più di una vol­ta ho ri­schia­to di ca­de­re. Ad­di­rit­tu­ra al­la cur­va 10 as­sie­me a Ros­si. Dob­bia­mo es­se­re più co­stan­ti. Que­sto 2015 ci è ser­vi­to per im­pa­ra­re. Si­cu­ra­men­te met­to que­sto fra i mi­glio­ri suc­ces­si del­la car­rie­ra. Quan­do ho rag­giun­to Lo­ren­zo non sa­pe­vo se l’avrei su­pe­ra­to. Fal­lo so­lo se ti sen­ti si­cu­ro, mi so­no det­to. Ed è co­sì che è an­da­ta».

Mar­quez fe­li­ce sul po­dio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.